Il vino Valpolicella, l’Amarone, il Valpolicella Ripasso e finanche il Recioto come cura per la salute dei denti? L’ennesima notizia su come il vino rosso – bevuto in dosi moderate – possa fare bene alla salute è di quelle ghiotte. E dà ai vini veronesi una marcia in più per essere degustati nelle enoteche, al tavolo dei ristoranti e delle trattorie; oppure negli wine bar.

Bere vino in misura moderata, secondo una una ricerca condotta in Spagna, sembra far bene anche a denti e gengive. Il vino ridurrebbe la capacita’ dei batteri patogeni di formare la placca.

Stando a quanto afferma uno studio spagnolo, alcuni antiossidanti del vino rosso (in particolare acido caffeico e acido cumarico) potrebbero aiutare a prevenire carie e parodontite (malattia gengivale).
Come? Lo farebbero impedendo ai batteri che causano queste patologie di aderire a denti e tessuti gengivali.

Lo studio è stato pubblicato sulla rivista della Società Americana di Chimica (American Chemical Society) sul “Journal of Agricultural and Food Chemistry”. Lo studio scientifico si basa su esperimenti di laboratorio condotti da Mara Victoria Moreno-Arribas, studiosa del Consiglio nazionale delle ricerche spagnolo che ha la propria sede a Madrid.

L’esperta spagnola ha analizzato il tessuto dentale e gengivale in provetta. Ha così notato che i due antiossidanti (ma anche l’estratto di vino rosso sia pur con potere inferiore) impediscono ai batteri di placca e gengivite di aderire ai tessuti stessi.

Durante lo studio condotto in Spagna si è inoltre osservato che in presenza del probiotico del cavo orale ‘Streptococcus dentisani’, l’azione protettiva delle molecole del vino risulta potenziata in misura ancora maggiore.

La studiosa spagnola ha infine rilevato che anche i sottoprodotti di acido caffeico e acido cumarico, che si formano nella bocca durante i primi processi digestivi nel cavo orale, hanno un’azione protettiva contro i batteri che formano la placca.

QUANDO IL VINO ROSSO FA BENE AL NOSTRO FISICO
Che il vino rosso abbia proprietà benefiche e che apportasse vantaggi, se degustato nelle giuste dosi, lo si sa da tempo. Bere un bicchiere di vino al giorno, non di più, può contribuire a perdere peso.

Il vino rosso è un antiossidante naturale e è utile contro il colesterolo cattivo. Contrasta la depressione aumentando le endorfine.

L’assunzione, in dosi moderate, di vino rosso riduce il rischio di cancro. Inoltre aiuta la digestione, protegge il tratto urinario e rallenta l’invecchiamento delle cellule.

Oltre agli effetti benefici sulla salute, l’assunzione di vino rosso (ma anche di vino bianco) in quantità moderate consente di meglio degustare i cibi.

Lo studio spagnolo apre poi le porte alla degustazione di vino rosso come alimento utile per la salute delle gengive e dei nostri denti, che sono fondamentali anche per una corretta digestione.

Insomma, bere – con moderazione – un bicchiere di vino Amarone oppure degustare un Valpolicella Ripasso può contribuire alla salute dei nostri denti. L’importante è che si beva in modo consapevole, affinché quei benefici non si ribaltino nel contrario. La degustazione dei vini veronesi, del resto, va di pari passo con uno stile di vita sano, aperto alla natura, alla salute e alla cultura.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Vedi
Nascondi