Home › Vini della Valpolicella

VINI DELLA VALPOLICELLA


Dalla sapiente mescolanza delle uve Corvina, Corvinone e Rondinella e dalla loro diversa lavorazione nascono i vini tipici di questa terra: Valpolicella, Valpolicella Superiore, Recioto e Amarone.

Le uve Corvina possono, dall’agosto 2019, essere sostituite per intero dalle Corvinone.

Questi vini Valpolicella sono il risultato di una cultura che si snoda nell’arco di secoli, frutto della sapienza contadina e della competenza degli enologi.


Valpolicella Doc

Questo vino prende la denominazione di Valpolicella DOC Classico e Valpolicella DOC Valpantena a seconda della zona di produzione.

È un vino giovane che va bevuto, di preferenza, entro l’anno successivo alla sua produzione. Presenta un colore rosso rubino. Il suo profumo ricorda essenze floreali, mandorla amara, marasca, amarena e spezie.

Con la modifica del disciplinare, alle bottiglie del vino Valpolicella DOC può essere applicato il tappo a vite

Al palato il Valpolicella DOC esprime un sapore pieno e vellutato con un netto ritorno dei profumi e un’alcolicità moderata. Temperatura di servizio consigliata: 16°C.


Valpolicella Superiore Doc

Questo vino prende la denominazione di Valpolicella DOC Classico Superiore e Valpolicella DOC Valpantena Superiore a seconda della zona di produzione.

Rispetto al Valpolicella, la tipologia Valpolicella Superiore viene sottoposta a un periodo di invecchiamento obbligatorio di almeno un anno; e viene offerta con una gradazione alcolica minima di 12 gradi.

I vini Valpolicella DOC Classico Superiore e Valpolicella DOC Valpantena Superiore presentano un’acidità inferiore e una maggiore rotondità. Temperatura di servizio consigliata: 16-17°C.


Valpolicella Ripasso Doc

Questo vino prende la denominazione di Valpolicella Ripasso DOC Classico e Valpolicella Ripasso DOC Valpantena a seconda della zona di produzione.

Il “ripasso” è una tecnica che consiste nel far macerare il vino Valpolicella con le vinacce ottenute dalla pigiatura delle uve appassite.

Le uve del “ripasso” sono quelle destinate alla produzione del Recioto e dell’Amarone: lo scopo è di estrarne colore, profumo e poi anche zucchero.

Lo zucchero, determinando una rifermentazione, conferisce al Valpolicella Ripasso così ottenuto una maggiore alcolicità e una migliore struttura.

L’operazione del Ripasso deve avvenire in un’unica soluzione con una durata minima di 3 giorni.

il Valpolicella Ripasso deve contenere una percentuale obbligatoria del 10%, fino a un massimo del 15%, di vino atto a diventare Amarone e/o Recioto lasciato sulle vinacce dopo la loro svinatura.

Il vino destinato a Valpolicella Ripasso e le vinacce debbono appartenere allo stesso produttore che effettua, o fa effettuare per proprio conto, le operazioni di rifermentazione per ottenere questa tipologia di vino

Il colore del Valpolicella Ripasso DOC si presenta rosso carico, con un profumo gradevole e un sapore pieno e vellutato. Temperatura di servizio consigliata del Valpolicella Ripasso DOC: 17°C.


Valpolicella Recioto Docg

Prende la denominazione di Recioto della Valpolicella DOCG Classico e Recioto della Valpolicella DOCG Valpantena a seconda della zona di produzione.

Il Recioto nasce da un periodo di appassimento delle uve di circa 120 giorni in locali aerati, chiamati fruttai.

Non si possono rivendicare uve per la produzione di Recioto prima del quarto anno di vita del vigneto.

Il Recioto della Valpolicella DOCG è ben strutturato, con una gradazione alcolica minima del 14%.

Il colore del Recioto è di un rosso granato piuttosto carico mentre al naso sprigiona profumi di amarena, viola mammola e spezie (cannella, pepe, noce moscata).

Il vino Recioto della Valpolicella DOCG risulta al palato amabile, vellutato, caldo e avvolgente. Si presta a essere spumantizzato con ottimi risultati: abbiamo così un Recioto Valpolicella Spumante. Temperatura di servizio consigliata: 14-15°C.


Amarone Valpolicella Docg

Questo vino prende la denominazione di Amarone della Valpolicella DOCG Classico e Amarone della Valpolicella DOCG Valpantena a seconda della zona di produzione.

Anche l’Amarone si ottiene con la pigiatura delle uve appassite.

Le uve destinate a diventare Amarone devono provenire da vigneti che hanno raggiunto almeno il 4° ciclo vegetativo.

A differenza del Recioto, il vino Amarone subisce un periodo di invecchiamento obbligatorio che può protrarsi da due fino a quattro anni (nel qual caso prende la qualificazione “Riserva”).

Il lungo riposo nelle botti di rovere consente all’Amarone di esaurire, attraverso la fermentazione prolungata, i residui zuccherini e di sviluppare appieno quell’opulenza e quella complessità di sfumature organolettiche che lo caratterizzano.

L’Amarone è è assai corposo e contraddistinto da un’alcolicità che si aggira intorno ai 15-16 gradi.

Il colore del vino Amarone è di un rosso granato acceso mentre il profumo è speziato (cannella, mallo di noce) con note di confettura.

Al palato questo vino della Valpolicella sprigiona un sapore maestoso, vellutato, caldo. L’Amarone Valpolicella è oggi uno dei vini pregiati più richiesti. Temperatura di servizio consigliata: 17-20°C.

Show Buttons
Nascondi