Veronafiere compie 120 anni di attività, in verità portati molto bene, e li festeggia aggiornando il marchio. Il “rebranding”, curato dalla società di comunicazione Facci & Pollini, è stato presentato ieri nella sede di viale del Lavoro.

Nella foto (da sinistra) il sindaco Sboarina, il direttore Mantovani e il presidente Danese festeggiano con un calice di spumante l’avvenimento.

Il cambiamento più evidente riguarda il pittogramma: una “V” che ricalca la planimetria dei padiglioni del quartiere
fieristico, formata da cinque bande che dal blu scuro sfumano fino al giallo.

La scelta cromatica rimanda al gonfalone del Comune di Verona, ma ricorda anche i colori del territorio in cui nasce e si sviluppa Veronafiere come l’azzurro del lago di Garda e del fiume Adige; il verde chiaro dei vigneti e delle colline; le tinte calde dei marmi e delle pietre del centro storico cittadino e dei suoi monumenti, dichiarati dall’Unesco patrimonio dell’Umanità.

Modificato anche il logotipo, con un carattere tipografico (un “font”) più moderno e la centralità di Verona ribadita dall’utilizzo del grassetto.


VERONAFIERE AL SERVIZIO DELLE IMPRESE

Lo slogan (il payoff) “Trade shows & events since 1898” pone l’accento sulla storia di Veronafiere e sul know-how (la competenza) quale organizzatore diretto di manifestazioni, maturato in 120 anni.

La vocazione della Fiera di Verona per la promozione del business delle imprese è iniziata nel 1898 con le prime fiere semestrali dei cavalli e ha portato Veronafiere ad essere fulcro di un sistema di relazioni internazionali che copre i cinque continenti.


IL LEGAME CON VERONA SOTTOLINEATO DAL PRESIDENTE DI VERONAFIERE, DANESE

“Il nuovo marchio celebra la nostra eredità e il legame con il territorio, ma ci proietta già con decisione nei prossimi 120 anni di attività”, sottolinea Maurizio Danese, presidente di Veronafiere. “È anche un segno tangibile dell’importante cambio di passo che la Fiera di Verona ha attuato negli ultimi anni, con la trasformazione in società per azioni, gli investimenti nel digitalizzare i processi e i progetti di sviluppo previsti dal piano industriale”.


INNOVAZIONE E COMUNICAZIONE, I PUNTI DI FORZA PER IL DIRETTORE GENERALE MANTOVANI

“Innovare, distinguersi e comunicare sono requisiti essenziali per competere oggi nel sistema fieristico”, commenta Giovanni Mantovani, direttore generale di Veronafiere. “Attraverso questa operazione di rebranding abbiamo deciso di raccontare con un linguaggio nuovo e più empatico i valori della nostra corporate identity, simboleggiata oggi da una “V” colorata che, come un’ala, è pronta a spiccare il volo verso un futuro che si giocherà sempre più sui mercati internazionali”.


IL COMMENTO DEL SINDACO DI VERONA, FEDERICO SBOARINA

“La città di Verona è orgogliosa di celebrare quest’anno i 120 anni della sua Fiera, che presenta in tale occasione
una nuova immagine “, afferma Federico Sboarina, sindaco di Verona. “Un logo che rende bene l’idea di quanto
Veronafiere sia radicata anche al territorio scaligero, che ha voluto omaggiare con questa nuova veste grafica. Un
lavoro di squadra che la Fiera da anni, con grande lungimiranza, ha saputo realizzare con la città e la provincia,
favorendo la crescita del tessuto economico locale e il rilancio dell’immagine di Verona nel mondo”.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Vedi
Nascondi