Home › Territorio

LUGANA: IL TERRITORIO

Mauro Magagna Ph.

LE ZONE DEI VINI LUGANA
Il territorio del vino Lugana Doc si affaccia sulla costa meridionale del lago di Garda e comprende alcuni comuni nella provincia di Verona e di Brescia. È diviso in due zone: la prima si estende lungo l’entroterra compreso tra Desenzano, Sirmione e una parte dei comuni di Pozzolengo e Peschiera, mentre la seconda zona del vino Lugana, di natura più collinare, si allunga dalla celebre Torre Monumentale di San Martino della Battaglia verso Pozzolengo da un lato e Lonato dall’altro.

La parte lombarda della denominazione del vino Lugana conta quattro comuni (Desenzano, Sirmione, Pozzolengo e Lonato) ed è interessata dalla maggior parte degli ettari coltivati (ben 750 dei 1000 attuali). La parte veneta del Lugana, rappresentata dal solo comune di Peschiera del Garda, detiene però il primato del volume commerciale: circa il 60% dell’imbottigliato di questo bianco raffinato è opera di produttori veronesi.

Il terreno del vino Lugana è in prevalenza argilloso, di origine morenica e natura sedimentaria.
È ricco di sali minerali, anche se nella zona più collinare le argille si fanno più sabbiose. Le caratteristiche geologiche del territorio lo rendono di difficile coltura, ma regalano ai vini Lugana doc profumi vigorosi, netti, tra la mandorla e l’agrume, oltre ad acidità, sapidità e a una struttura ben equilibrata.

Il microclima, per la vicinanza del lago di Garda, è mite e abbastanza costante, con poche escursioni termiche tra il giorno e la notte. Si tratta di condizioni ottimali per valorizzare le peculiarità di un’uva come la Turbiana (il vitigno Trebbiano di Lugana). Anche in questo viaggio, ad accompagnarci alla scoperta del meglio del vino Lugana, nelle sue diverse declinazioni, sono i nostri sommelier.

Lago di Garda e Vigneti

La quiete del lago di Garda, il gusto che discende dai migliori minerali di una terra raffinata, l’eco dei versi di poeti immortali. Tutto questo è il vino Lugana, di cui parlavano già Plinio il Vecchio (23 d.C. – 79 d.C.), nella sua Naturalis historia, e Gaio Valerio Catullo (nato a Verona nell’84 a.C. e per anni abitante a Sirmione del Garda, oggi in provincia di Brescia).

Un vino, il Lugana, che unisce le province di Verona e di Brescia, a dimostrazione di come la qualità e la storia non conoscano confini di sorta. Del resto, il vino Lugana – un bianco di qualità elevata – è apprezzatissimo anche all’estero, tanto che è facile trovare qualche turista pronto ad accostarlo a piatti (come i bolliti) che sono per tradizione abbinati ai vini rossi.

Vedi
Nascondi