Home › Territorio

BARDOLINO: VINI FRA IL LAGO E LE COLLINE

uva scura

C’è un vino veronese che si sposa in modo perfetto con le notti silenziose e temperate del lago di Garda, con le barche che scivolano lungo il fiume nel pomeriggio e con i meriggi soleggiati della montagna. È il vino Bardolino, della provincia di Verona, che nasce dalle viti fra monte e lago, fra fiume e pianura.

Il vino Bardolino nasce infatti all’interno di una variegata area territoriale: a ovest c’è la sponda del lago di Garda, a nord le pendici del massiccio del Monte Baldo, a est il corso destro del fiume Adige e a sud la riva sinistra del fiume Mincio con la sua grande pianura.

LE ZONE DEI VINI BARDOLINO
I comuni coinvolti nella produzione del vino Bardolino sono 16, distribuiti in due zone ben distinte. Quella più antica, che produce il Bardolino Classico Doc, comprende tutto il territorio dei comuni di Bardolino e Garda e in parte quello di Lazise, Cavaion, Costermano e Affi.

La zona del Bardolino Doc, delineata nel 1968, comprende invece in tutto o in parte i comuni di Torri del Benaco, Caprino, Rivoli, Pastrengo, Bussolengo, Castelnuovo del Garda, Sona, Peschiera del Garda, Sommacampagna e Valeggio sul Mincio.

Il territorio di produzione del Bardolino occupa gran parte del settore veneto dell’anfiteatro morenico del Garda. L’influenza del lago mitiga le temperature continentali della pianura padana, creando un clima mediterraneo.

Il terreno morenico, asciutto e impermeabile, presenta un suolo in prevalenza ghiaioso-sabbioso, molto ricco di minerali. Nel 2002 sono state individuate dodici “unità di paesaggio”, ovvero aree con peculiarità proprie per quanto riguarda la formazione del suolo.

Vedi
Nascondi