L’annata 2017 del vino Lugana Doc va ricordata perché ha coinciso con il mezzo secolo della denominazione. ma anche per la qualità.

Condizioni difficili dal punto di vista agronomico, hanno portato all’espressione di ottimi risultati del vino Lugana Doc. Vi è stata una crescita qualitativa complessiva per la Doc e ottimi prodotti, di quelli che meritano di invecchiare un po’ in cantina per essere gustati ancor meglio fra qualche anno.

A dirlo, a pochi giorni dalla chiusura di Vinitaly – il salone internazionale dei vini e dei distillati – è il Consorzio Tutela Lugana Doc.

Si è trattato di un riscontro unanime, quello dei tanti appassionati che hanno presidiato l’affollatissimo stand del Consorzio,  presente alla Fiera di Verona.

Ad apprezzare il vino Lugana Doc sono stati degustatori sempre più competenti e informati anche la domenica, giorno tradizionalmente riservato ai “curiosi”.

Questo è avvenuto – osserva una nota dello Studio Cru – grazie al lavoro delle associazioni che si occupano di formazione per gli aspiranti sommelier, quali l’AIS o la FISAR e ONAV.


INTERESSE DEI BUYER STRANIERI PER IL LUGANA DOC

L’edizione 2018 di Vinitaly sarà ricordata in particolare per un netto aumento di interesse verso la produzione Doc del vino Lugana da parte dei buyer stranieri di nuovi mercati, fra cui Australia e Singapore.

È questo un dato positivo e incoraggiante per il Consorzio Tutela Lugana Doc, che ha fra i propri obiettivi prioritari l’ampliamento della rete di contatti, finalità che persegue presenziando nei più importanti appuntamenti di settore nel mondo e promuovendo attività promozionali anche sul territorio.

Fra le attività promozionali del Consorzio del Lugana Doc vi è stato l’educational tour fra le terre del Lugana, organizzato rivolto a operatori e giornalisti di Paesi dell’Est Europa (Estonia, Polonia, Lettonia), di grande potenziale per un vino con le caratteristiche del Lugana.

A questi si aggiungono esperti di Paesi Bassi e Regno Unito che seguono la Germania sul podio dei maggiori “lugana lovers”nel vecchio continente.

La qualità dell’annata 2017 del vino Lugana Doc – come fa notare il Consorzio Tutela Lugana Doc – trova quindi un riscontro, dopo Vinitaly, a livello internazionale: nell’Est Europa ma anche in Estremo Oriente.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Vedi
Nascondi