Home › Gite fuori porta › Strada del vino dei Colli Berici

STRADA DEL VINO DEI COLLI BERICI

L’ itinerario della Strada del Vino dei Colli Berici si sviluppa tra vigne e coltivazioni lungo la linea che unisce la pianura con la collina.

A piedi o in bicicletta si possono ammirare le famose ville venete, importante patrimonio artistico e culturale, e storici borghi medievali.

Un viaggio tra storia e bellezze paesaggistiche che unite alla tradizione enogastronomica offrono la possibilità di arricchire la propria conoscenza.

I punti di riferimento del tracciato sono Barbarano e Lonigo, le due Città del Vino che fungono rispettivamente come porta di levante e di ponente del comprensorio dei Berici.

Lonigo

Lonigo è una cittadina di antico rango. Sul fronte occidentale dei Colli Berici, al confine con Verona, è la prima cittadina caposaldo degli Scaligeri.

In seguito divenne il fulcro dei possedimenti dell’influente casata veneziana dei Pisani.

Sotto il governo della Serenissima, Lonigo fu una Podestaria autonoma, privilegio condiviso nel vicentino con la sola città murata di Marostica.

Questo trattamento di favore, che Venezia riservava ai Leoniceni, causò un profondo attrito con Vicenza e le sue potenti famiglie aristocratiche.

Successivamente con il governo Austriaco, Lonigo conobbe un periodo di notevole prosperità. L’Ottocento fu il secolo di maggior splendore economico per Lonigo.

Con il governo del Principe Giovanelli si affermò l’industria, in particolare quella della seta che accanto alla ricca agricoltura, fecero di Lonigo la piccola capitale del Basso Vicentino.

Al centro della città di Lonigo si trova il palazzo Pisani, che fa da sfondo alla piazza centrale.

Importante da vedere è Villa Pisani, detta La Rocca Pisana.

È la villa che domina l’abitato di Lonigo ed è il capolavoro dell’architetto e scenografo rinascimentale Vincenzo Scamozzi (la figura più importante tra Andrea Palladio e Baldassarre Longhena).

La città è sede di una plurisecolare Fiera Agricola, oggi Cittа del Vino che vanta la più grande cantina sociale d’Europa.

Tra i prodotti tipici del luogo, il prosciutto Berico-Euganeo Dop e il torrone mandorlato.

In localitа Bagnolo si trova villa Pisani di Bagnolo: un’opera del 1542 di Andrea Palladio, inserita dal 1996 nella lista dei patrimoni dell’umanità dell’UNESCO assieme alle altre ville palladiane del Veneto.

Barbarano Vicentino

Oltrepassata una cresta si scende verso il paese di Barbarano Vicentino, una frazione del comune di Barbarano Mossano.
Il paese si trova ai piedi dei Colli Berici.
Vi suggeriamo di visitare la chiesa di San Giovanni in Monte dove all’interno ci sono alcune tele di Alessandro Maganza.

In centro del paese troviamo il Palazzo dei Canonici, in stile gotico e costruito con pietra di Nanto dalle calde tonalità giallastre.
La struttura risale al XV secolo ed è stata costruita utilizzando un’antica fortificazione medievale.

Villa Godi Marinoni, invece, sorge sul colle che sovrasta da sud il centro di Barbarano e lo separa da Villaga.
Secondo diversi documenti storici si può ipotizzare che, nel luogo dove sorge la villa, vi fossero delle costruzioni medievali, tra cui il castello dei vescovi di Vicenza (inizio del XIV secolo).

In zona si produce il vino rosso per cui il disciplinare Doc riserva la menzione geografica Barbarano.

 

Montecchio Maggiore

La città di Montecchio Maggiore è il centro di maggiore rilevanza turistica della zona. Tra le colline si trovano, romanticamente contrapposti, i castelli di Romeo e Giulietta e la villa Cordellina Lombardi.

La villa è famosa per il grande ciclo affrescato del Tiepolo ed è uno scenario d’eccezione per manifestazioni enogastronomiche: “Cena sotto le Stelle“, in agosto, e “Vini in Villa” a novembre.

Nanto

Lungo il percorso della strada del vino dei Colli Berici si attraversa il paese di Nanto.
ll territorio collinare di Nanto è famoso per la produzione di olio di oliva DOP Veneto e per i vini DOC.

Per quanto riguarda i prodotti locali, alcuni sono stati riconosciuti con la Denominazione Comunale (De.Co.):

  • Tarturfo Scorzone di Nanto
  • Vino Rosso Sirah di Nanto
  • Olio Extravergine di Oliva di Nanto

I buongustai possono così assaggiare, nelle trattorie locali, le specialità a base di tartufo nero. Di particolare importanza è la presenza di cave dove si estrae la pietra di Vicenza, conosciuta in tutto il mondo.

Da vedere la Villa Pigafetta Camerini, costruita nel XVII secolo probabilmente su progetto di Antonio Pizzocaro, con caratteristico timpano centrale e annessi rustici.

Interessanti gli eventi in programma durante l’anno:

  • Mostra Vini DOC Colli Berici: seconda domenica di maggio, in località Ponte di Nanto
  • NantoPietra, negli anni dispari
  • NantoPoesia, in luglio
  • Festa del tartufo e dell’ulivo dei Colli Berici, in luglio
  • Sagra dell’Addolorata: terza domenica di settembre, in località Bosco di Nanto

Noventa Vicentina

Nel proseguo della Strada del Vino dei Colli Berici si ncontra il paese di Villaga e poi il comune di Val Liona.

La strada prosegue per Sossano, famoso centro di produzione del prosciutto Berico-Euganeo Dop, e tocca il paese di Orgiano dove si trova la storica villa Fracanzan Piovene. Con il suo giardino all’italiana, la villa è composta da anfiteatro collinare progettato dall’architetto Muttoni.

Da notare la presenza del Museo “Vita quotidiana e lavoro in villa” che, nella grande Barchessa l’insieme degli ambienti rurali, dei loro arredi e degli attrezzi agricoli è di particolare interesse anche per le scuole.

 

Testo a cura di Nicola Albi