Home › Enoturismo › Strada del vino Bardolino

STRADA DEL VINO BARDOLINO

Partenza: Garda
Arrivo: Castelnuovo del Garda

La strada del vino di Bardolino è un itinerario agrituristico che propone a winelover la scoperta del vino Bardolino, direttamente dove viene prodotto.

È un itinerario che attraversa vigneti, tocca aziende agricole e cantine.

Ma è anche una strada che permette di conoscere un patrimonio artistico poco conosciuto, tra chiesette romaniche, castelli, corti contadine e ville cinquecentesche immerse nel verde, oltre a una serie di località storiche e fortificazioni legate alle battaglie del Risorgimento.

La Strada del vino di Bardolino è attiva dal 1984 e raccoglie, lungo un itinerario di circa 80 chilometri, più di 70 aziende vitivinicole, ristorative e dell’ospitalità.

Si snoda su comode strade provinciali e comunali: particolari indicazioni stradali con la scritta Strada del Vino di Bardolino segnano l’itinerario principale.

Per comodità possiamo partire da Garda, ma l’itinerario può essere svolto all’incontrario o anche solo in parte.

Garda presenta un centro storico medievale molto caratteristico fatto di palazzi e stradine strette, tra i quali il trecentesco Palazzo dei Capitani con la loggia del Sanmicheli e Palazzo Fregoso, del Quattrocento.

Risalendo le colline arriviamo a Marciaga, dove sorge una bella chiesetta romanica ancor oggi meta di pellegrinaggi: il Santuario della Madonna del Soccorso.

Risalendo le colline arriviamo a Marciaga, dove sorge una bella chiesetta romanica ancor oggi meta di pellegrinaggi: il Santuario della Madonna del Soccorso.

Proseguendo verso il Monte Baldo si raggiunge Castion, dove si trova la settecentesca Villa Pellegrini, visitabile anche internamente.

Ritornando verso il lago per la piana di Caprino possiamo visitare, situato in una splendida posizione panoramica, il Convento di S.Colombano e l’Eremo della Rocca, al quale si giunge da un bivio situato circa un Km. prima di San Colombano.

L’eremo è un convento di clausura, visitabile all’interno.
Il Convento è un’oasi di silenzio e di pace.

Dall’eremo, attraverso un sentiero, si può raggiungere la Rocca Vecchia, che si innalza quasi a picco sopra il Lago di Garda e da cui si gode un magnifico panorama su tutto il bassolago.

Ritornando sulla Strada del Vino, dopo San Colombiano, si raggiunge Bardolino dove, sulla gardesana, sorge la bella Chiesa di San Severo, uno dei monumenti più importante del romanico veronese.

Lavori di restauro, eseguiti a partire dal 1927, hanno portato alla luce i resti di una cripta anteriore al decimo secolo, che si trova dietro l’altare maggiore.

Molto bella è la facciata della chiesa e il campanile romanico con cuspide.

Prendiamo ora la Valsorda (morenica valle boscosa originatasi dall’erosione dell’omonimo torrente) raggiungendo Incaffi, in cui possiamo  trovare numerose fortificazioni, villa Fracastoro, villa Sant’Andrea e il vicino Castello, situato in posizione dominante su un colle.

Da Incaffi raggiungiamo Affi, dove è possibile visitare Villa Poggi, all’interno e anche il maestoso parco.

Villa Poggi è un tipico esempio di villa-azienda dei secoli scorsi, che dall’allevamento dei bachi da seta dei primi dell’800 è passata alla produzione vinicola specializzata.

Ritornando verso Pastrengo passiamo prima da Cavaion (ci si fermi a villa Cordevigo) e poi da Cisano, dove si può visitare la pieve romanica di S.Maria.

Proseguendo lungo la strada gardesana si arriva a Lazise, dove si trova il famoso castello del X secolo ampliato e fortificato da Cangrande della Scala nel 1329.

Da Lazise ci dirigiamo verso Pastrengo, paese situato in collina e famoso per la celebre carica dei carabinieri a cavallo del 30 aprile 1848, quando il re di Piemonte fu salvato dalla cattura proprio grazie al sacrificio dei carabinieri a cavallo.

Dopo Pastrengo, sempre sulla strada verso Peschiera, si incontra il Parco-zoo del Garda, con annesso autosafari ed un Parco dei Dinosauri, unico in Europa.

Si continua per Sandrà, dove si visiti villa Mosconi, risalente al XVI secolo. Si giunge poi a Castelnuovo del Garda.

Ma da Lazise si può continuare l’itinerario verso sud, raggiungendo Peschiera del Garda e successivamente, seguendo il corso del fiume Mincio, Valeggio sul Mincio.

Da Valeggio sul Mincio, percorrendo le strade che attraversano le colline moreniche, si raggiungono Custoza, Sommacampagna, Sona e Bussolengo.

Vedi
Nascondi