Il Settembre dell’Accademia è il principale appuntamento musicale dell’autunno veronese.

Il festival internazionale di musica dell’Accademia Filarmonica di Verona con le sue quasi trenta stagioni all’attivo si è guadagnato un riconosciuto e consolidato prestigio tra i più importanti appuntamenti sinfonici internazionali.

Quest’anno si svolgerà come sempre al Teatro Filarmonico, in via Roma 3, dal 5 settembre all’8 ottobre.

Sarà un mese intenso nel quale si avvicenderanno sul palco del Teatro Filarmonico i nomi più prestigiosi del concertismo internazionale.

Questa 28^ stagione sinfonica presenta alcuni fra gli artisti più amati dal pubblico scaligero. Quali Yuri Temirkanov e la sua Orchestra Filarmonica di San Pietroburgo e Myung-Whun Chung alla testa della Filarmonica della Scala.

Vedrà esibirsi tre compagini alla loro prima presenza veronese: la Rotterdam Philharmonic Orchestra, l’Orchestra Nazionale di Spagna e la Finnish Radio Symphony Orchestra.

Tre orchestre di primissimo piano nel panorama sinfonico internazionale, che si esibiranno al Teatro Filarmonico in concerti in esclusiva assoluta per l’Italia.

Tra le novità di questa 28^ stagione il direttore Lahav Shani, successore di Zubin Mehta alla direzione della Israel Philharmonic, e la giovane violinista norvegese Vilde Frang.

Grande cura è stata posta dall’Accademia Filarmonica nella scelta dei programmi musicali.

Prendendo le mosse dalla Trinità del classicismo viennese Haydn-Mozart-Beethoven si snodano seguendo i diversi percorsi intrapresi dalla sinfonia e dal concerto solistico: dal Romanticismo di Mendelssohn e Brahms al Novecento di Ravel, Stravinskij e Rachmaninov, fino al XXI secolo di Fagerlund.

 

Il Settembre dell'Accademia 2019 - 28° Festival Internazionale di Musica - Accademia Filarmonica - Verona

 

Settembre dell’Accademia: il programma della 28^ stagione sinfonica

Giovedì 5 settembre 2019 la stagione sinfonica ha inizio con il direttore Lahav Shani alla testa della Rotterdam Philharmonic Orchestra e la giovane violinista virtuosa Vilde Frang, che dopo la folle e tragica giornata di Petruška di Stravinskij immergeranno il pubblico nella “Sehnsucht” germanica del Concerto per violino e orchestra in Sol minore Op. 26 di Max Bruch. 

E’ un’opera da molti anni assente nella programmazione filarmonica. Chiuderà il concerto il vorticoso moto danzante de La valse di Ravel.

Con i successivi tre appuntamenti si crea quasi un piccolo festival nel festival, dedicato alle scuole nazionali e alla musica di ispirazione folklorica.

Mercoledì 11 settembre torna sul palco del Filarmonico Yuri Temirkanov.

Alla testa dell’Orchestra Filarmonica di San Pietroburgo proporrà insieme al pianista e compositore Olli Mustonen il Concerto n. 1 per pianoforte di Ciaikovsky. Al quale farà seguito la sempre suggestiva Sinfonia n. 9 “Dal Nuovo Mondo” di Dvorak.

 

Yuri Temirkanov. Alla testa dell’Orchestra Filarmonica di San Pietroburgo

Yuri Temirkanov al Teatro Filarmonico, mercoledì 11 settembre 2019, dirigerà l’Orchestra Filarmonica di San Pietroburgo

 

Domenica 15 settembre un intermezzo tutto dedicato alla musica di ispirazione iberica: il virtuoso di chitarra Pablo Sáinz Villegas porterà per la prima volta sul palco del Settembre dell’Accademia il Concerto di Aranjuez di Joaquín Rodrigo.

Quello che è probabilmente il più famoso tra i concerti dedicati alle sei corde, sarà incorniciato da Alborada del gracioso e Bolero di Ravel e le due suites dal balletto Il cappello a tre punte di De Falla.  

Chiudono questo ideale micro-festival Myung-Whun Chung e la Filarmonica della Scalavenerdì 20 settembre accompagneranno il pubblico in un viaggio slavo sospeso tra Russia e America.

Lo faranno insieme al pianista russo naturalizzato italiano Alexander Romanovsky con il Concerto n.3 di Rachmaninov e la Sinfonia n.6 “Patetica” di Ciaikovsky.

 

Myung-Whun Chung e la Filarmonica della Scala: venerdì 20 settembre accompagneranno il pubblico in un viaggio slavo sospeso tra Russia e America.

Myung-Whun Chung e la Filarmonica della Scala venerdì 20 settembre propongono un viaggio slavo sospeso tra Russia e America

 

Il primo appuntamento dedicato al Classicismo è in programma martedì 24 settembre. Ed è affidato a Christian Zacharias, che alla testa della English Chamber Orchestra, nella duplice veste di direttore e solista, condurrà gli appassionati per le raffinate strade di Vienna.

Si spazierà dalle sale del palazzo dei principi Esterházy (Sinfonia n. 74 in Mi bemolle maggiore di Haydn) all’appartamento borghese dell’artista libero e fiero (Concerto per pianoforte e orchestra n. 4 in Sol maggiore Op. 58 di Beethoven).

Raccordo ideale tra i due grandi viennesi d’adozione la Sinfonia n. 40 in Sol minore K550 di Mozart. Si tratta di un’opera combattuta tra cristallino equilibrio classicista e primi germi di struggimento romantico.

 

martedì 24 settembre. Ed è affidato a Christian Zacharias, che alla testa della English Chamber Orchestra,

Martedì 24 settembre comincia il ciclo del Classicismo Christian Zacharias, alla testa della English Chamber Orchestra

 

Lunedì 30 settembre torna l’Orchestra della Fondazione Arena di Verona sotto la guida di Francesco Omassini. Il programma è tutto dedicato all’Ottocento francese: l’Apprendista stregone di Dukas e le due Suites dell’Arlesiana di Bizet.

Protagonista della serata con il Concerto per violoncello e orchestra n. 1 in La minore Op. 33 di Saint-Saëns sarà la giovane e talentuosa violoncellista Miriam Prandi.

Miriam Prandi è di nuovo a Verona dopo l’applauditissimo recital tenuto lo scorso febbraio insieme ad Alexander Romanovsky, nella stagione cameristica della Società Amici della Musica.

Musiche del Nord Europa, da Amburgo a Helsinki, quelle proposte venerdì 4 ottobre dalla Finnish Radio Symphony Orchestra guidata dal direttore principale Hannu Lintu.

Assieme alla violinista – americana di nascita ma finlandese d’adozione – Elina Vähälä interpreteranno il Concerto per violino e orchestra in Re minore Op. 47 di Sibelius e la Sinfonia n. 2 in Re maggiore Op. 73 di Brahms.

Autentica chicca della serata il brano Drift (2017) del compositore finlandese Sebastian Fagerlund, in prima esecuzione italiana.

Chiuderà il festival Andràs Schiff, che torna sul palco del Teatro Filarmonico dopo alcuni anni di assenza.

Martedì 8 ottobre il musicista ungherese Schiff, nella duplice veste di solista e direttore, proporrà un programma tutto centrato sull’equilibrio classico e le sue evoluzioni romantiche.

Quello proposto da Schiff è un programma che va dalla piena maturità di Haydn (Ouverture da L’isola disabitata e Sinfonia n. 88 in Sol maggiore) all’interpretazione datane da Mendelssohn Bartholdy nel suo omaggio all’Italia con la Sinfonia n. 4 in La maggiore Op. 90 “Italiana”.

Cuore del programma due raffinatezze del repertorio tastieristico: l’haydniano Concerto per pianoforte e orchestra n. 11 in Re maggiore, con il suo celebre Rondò all’Ungherese finale, e il Concerto per pianoforte e orchestra n. 1 in Sol minore di Mendelssohn Bartholdy.

 

Martedì 8 ottobre il musicista ungherese Andràs Schiff propone Haydn

Martedì 8 ottobre al Teatro Filarmonico il musicista ungherese Andràs Schiff propone Haydn

 

Il Settembre dell’Accademia propone così un appuntamento musicale di alto profilo per l’autunno veronese al Teatro Filarmonico.

Il festival internazionale di musica sinfonica dell’Accademia Filarmonica di Verona, grazie al suo riconosciuto e consolidato prestigio, si pone tra i tra i più importanti appuntamenti sinfonici internazionali.

 

Il Settembre dell’Accademia: informazioni utili e biglietti

Il SETTEMBRE DELL’ACCADEMIA. XXVIII festival internazionale di musica

Informazioni
Telefono 0458009108 – Email: biglietteria@accademiafilarmonica.org

BIGLIETTERIA
Via Roma 3, Verona
dal lunedì al venerdì, ore 10-12 e 17-19
sabato, ore 10-12
La biglietteria di via Roma 3 aprirà lunedì 26 agosto per abbonamenti e biglietti, con orario dal lunedì al venerdì ore 10–12, 17-19 e il sabato ore 10–12

 

Accademia Filarmonica di Verona - Teatro Filarmonico - Il Settembre dell'Accademia - 2019 - sala teatrale

Accademia Filarmonica di Verona. Il Teatro Filarmonico dove ha luogo il “Settembre dell’Accademia”

 

L’Accademia Filarmonica di Verona: la storia

L’Accademia Filarmonica di Verona fu fondata nel maggio del 1543 con la fusione di due Accademie preesistenti, l’Incatenata e la Filarmonica, nate non molti anni prima.

Nel 1564 un’altra Accademia, detta “alla Vittoria”, si unì alla Filarmonica accrescendone l’importanza.

Scorrere l’elenco degli Accademici nel corso del Cinquecento significa immergersi nella vitalità della cultura a Verona.

Leggi la Storia dell’Accademia Filarmonica di Verona dal sito di questa internazionale istituzione musicale.

Vai al Teatro Filarmonico per il “Settembre dell’Accademia” edizione 2019? Eccoti i link di Verona Wine Love ad alcune informazioni utili su come arrivare a Verona, città dell’Amore, e come soggiornarvi:

COME ARRIVARE A VERONA: GUIDA PER CHI ARRIVA IN AUTO O MEZZI PUBBLICI

INFORMAZIONI UTILI SU DOVE PARCHEGGIARE A VERONA

INFORMAZIONI UTILI PER CHI SOGGIORNA A VERONA

GUIDA TURISTICA ALLA CITTA’ DI VERONA

SCOPRI LA VALPOLICELLA. TERRA DI VINI, NATURA E CULTURA

IL LAGO DI GARDA: GUIDA AI PERCORSI 

 

———————————————

Segui VeronaWineLove sui social

Icona FacebookIcona IstagramIcona LinkedInIcona Twitter

RIPRODUZIONE RISERVATA  ©  Copyright VeronaWineLove

Spazio Commerciale

Sei appassionato/a di fotografia e vorresti partecipare a un Corso di Fotografia e Fotoritocco?
Leggi le info su Mauro Magagna, fotografo professionista e responsabile d’immagine di Verona Wine Love.

Mauro Magagna fotografo

Sei appassionato/a di Bike Tour e desideri scoprire i percorsi delle Terre del Custoza, del Lago di Garda e del Monte Baldo?
Ti consigliamo il team di Guide di MTB di BIKE EXPERIENCE di Fabio Boeti e ALLMOST MTB di Francesco Trentini.

BikeExperience di Fabio Boeti                        AllMost di Francesco Trentini     

Iscriviti alla newsletter!


Riceverai le notizie sugli eventi a Verona che uniscono vino, turismo, spettacoli e cultura

8 + 8 =

¤ I dati personali sono trattati in base art. 13 del D. Lgs. 196/2003, al Regolamento UE 216/679 e alla Privacy policy

+39 349 8058 016

veronawinelove@gmail.com



Booking.com

Ebook

Licenza Creative Commons
10 percorsi alla scoperta dei vini di Verona diVeronaWineLove Ebook è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Non opere derivate 4.0 Internazionale.
Based on a work at https://veronawinelove.com/.
Permessi ulteriori rispetto alle finalità della presente licenza possono essere disponibili presso https://veronawinelove.com/.

Show Buttons
Nascondi