Gustare una pizza leggera senza rinunciare ai sapori della buona tavola.
Ecco come preparare “la tonda” rispettando la stagionalità dei prodotti.

Con l’arrivo dei primi giorni caldi, che preannunciano un estate tutt’altro che fresca, vi elenco delle ricette di alcune “pizze primavera” golose ma allo stesso tempo leggere.

Le pizze che andiamo a preparare sono in grado di rispettare la stagionalità dei prodotti e, al tempo stesso, aiutano a mantenere la linea già messa a dura prova nella quarantena dovuta al Coronavirus.

 

Le verdure tipiche della primavera

Le verdure tipiche della primavera

 

Ingredienti e stagionalità: ecco cosa scegliere per le pizze primavera

Siamo ormai all’inizio di maggio e nei negozi di frutta e verdura fanno capolino prodotti come rape, carciofi, finocchi, radicchio, rucola e sedano.

Spazio anche a frutta come arance, fragole, mele e pompelmi.

Perché quindi non coniugare in un unico piatto frutta e verdura di stagione?

Osando magari in alcuni abbinamenti che, di primo impatto possono lasciare abbastanza dubbiosi ma, una volta provati sulla propria pelle (o per meglio dire, con il proprio palato) riusciranno a conquistarvi con il loro sapore fresco, intenso ma non per questo pesante.

 

Pizza con bresaola, finocchi e spicchi d’arancia

 

Pizza con finocchi e spicchi d'arancia

Leggera e fresca, questa pizza è perfetta per prepararsi ai primi giorni caldi della stagione

 

La prima pizza che voglio proporre è una pizza bianca con bresaola, finocchi e spicchi d’arancia.

In tutta sincerità non sono un grande amante della frutta sulla pizza, ma trovo che le arance (o comunque gli agrumi in generale) siano l’eccezione che conferma la regola.

Utilizzare gli agrumi in cucina, così come in pizzeria, è un modo molto semplice, veloce ed efficace per donare ai propri piatti un inconfondibile freschezza, capace di caratterizzare, anche solo con un leggero sentore agrumato, ogni piatto che giunge sulle nostre tavole, casalinghe e non.

Cosa ci servirà per preparare questa pizza?

Innazitutto dovremo preparare il nostro classico impasto.

Una volta preparato, stendiamolo e condiamo la base della nostra pizza con della mozzarella fiordilatte tagliata a cubetti di circa 1 cm di grandezza.

Inforniamo la nostra pizza e, tenendo sempre d’occhio la cottura, dedichiamoci alla preparazione dei finocchi.

Il segreto per mantenere fresche le verdure

Una volta mondato i finocchi, privandoli dello strato più esterno e legnoso della verdura, con l’aiuto di una mandolina tagliamoli a fette sottili, avendo l’attenzione di metterli subito in acqua e ghiaccio, per evitare la spiacevole ossidazione che li porterà a diventare in breve tempo scuri.

Lasciamo in ammollo i nostri finocchi a julienne e iniziamo a sbucciare le nostre arance.

Una volta sbucciate e private della fastidiosa (e poco digeribile parte bianca) tagliamo gli spicchi a metà e da un’altra arancia, ricaviamo del succo.

A questo punto aspettiamo che la nostra pizza sia croccante e dorata, sforniamola e ultimiamo il nostro piatto.

Tagliamo la pizza in 8 fette, per ogni fetta farciamo con una sottile fetta di bresaola, una manciata di finocchi a julienne (che avremo asciugato in un panno carta), mezzo spicchio d’arancia.

Per finire un leggero filo di succo d’arancia e un filo d’olio extravergine d’oliva.

Se siete amanti del forte sapore aspro del pompelmo, potete benissimo sostituire le arance con i pompelmi, ovviamente la pizza avrà un sapore molto più deciso.

Quali vini abbinare?

Con questo tipo di pizza ritengo che l’abbinamento perfetto sia con un bianco leggero come un Soave DOC o un Pinot Grigio DOC, capaci con la loro freschezza di esaltare ancora di più il sapore della bresaola, delle arance, senza però coprire il delicato gusto del finocchio e, volendo osare, un Custoza Superiore DOC.

 

Pizza con ricotta, rucola e granella di mandorle

 

Pizza con rucola, ricotta e mandorle

Una golosa proposta per una pizza semplice ma non per questa priva di gusto

 

La seconda pizza che vi propongo oggi è invece una pizza, per certi versi, più “classica” rispetto alla prima.

L’ingrediente principale di questa pizza è infatti la rucola che, come penso tutti ben sappiamo, si sposa molto bene con prodotti come il prosciutto crudo, il grana e con il salmone.

Con cosa possiamo quindi abbinare la nostra rucola in questa ricetta?

La risposta è molto semplice: rucola, ricotta e mandorle.

Questi 3 ingredienti si sposano alla perfezione e, se abbinati insieme su una pizza, conferiscono tutti gli elementi necessari ad un’esperienza gastronomica completa.

La ricotta fornisce la cremosità e, se leggermente salata, la sapidità.  La rucola, con il suo caratteristico sapore amarognolo, da constrasto e mette in risalto la leggera dolcezza della ricotta.

La mandorla infine, fornisce la croccantezza che, insieme a rucola e ricotta si sposa perfettamente.

La pizza sarà quindi sempre bianca, anche se forse è più opportuno chiamarla focaccia in questo caso perché tutti gli ingredienti verranno aggiunti fuori cottura.

Stendiamo quindi il nostro impasto e inforniamo.

Ultima operazione da fare per una pizza perfetta

Mentre l’impasto cuoce tritiamo in modo grossolano le mandorle e, con l’aiuto di una forchetta, “sgraniamo” la ricotta fino ad ottenerne una specie di crema che andremo a salare secondo i nostri gusti.

Una volta che l’impasto sarà ben dorato e croccante, tagliamolo in 8 fette e andiamo a farcire ogni fetta aggiungendo:

un cucchiaio di crema di ricotta, un ciuffo di rucola e una manciata di mandorle tritate.

Completiamo il nostro piatto con un leggero filo d’olio extravergine.

Per questa pizza consiglio dei vini morbidi e profumati come il Chardonnay IGT o il Chardonnay DOC, senza però escludere vini come il Pinot Grigio DOC o Sauvignon IGT.

Leggi anche: Pizza vegetariana e vini di qualità

 

Articolo a cura di Andrea Braga
Blogger e pizzaiolo
Mi trovate alla Pizzeria Fontanella di Castiglione Delle Stiviere (Mantova)

veronawinelove.com

———————————————

Segui VeronaWineLove.com sui social

Icona FacebookIcona IstagramIcona LinkedIn

RIPRODUZIONE RISERVATA  ©  Copyright VeronaWineLove.com

Spazio Commerciale

Sei appassionato/a di Bike Tour e desideri scoprire i percorsi delle Terre del Custoza, del Lago di Garda e del Monte Baldo?
Ti consigliamo il team di Guide di MTB di BIKE EXPERIENCE di Fabio Boeti e ALLMOST MTB di Francesco Trentini.

BikeExperience di Fabio Boeti                        AllMost di Francesco Trentini

Iscriviti alla newsletter!


Riceverai le notizie sugli eventi a Verona che uniscono vino, turismo, spettacoli e cultura

13 + 15 =

¤ I dati personali sono trattati in base art. 13 del D. Lgs. 196/2003, al Regolamento UE 216/679 e alla Privacy policy

veronawinelove@gmail.com

Ebook

Licenza Creative Commons
L’ebook “10 percorsi alla scoperta dei vini di Verona” di VeronaWineLove.com è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Non opere derivate 4.0 Internazionale.
Permessi ulteriori rispetto alle finalità della presente licenza possono essere disponibili su https://veronawinelove.com/.