MOLINA, CAVALO E BREONIO

Molina, antico borgo di epoca medioevale, è noto per Parco delle cascate del torrente Progno, una spettacolare oasi naturalistica costituita da piccoli laghetti, cascate e cascatelle.

Molina prende il nome dai numerosi mulini che in passato erano in funzione nella zona, grazie alla forza dell’acqua.

Di recente è stato ristrutturato il Mulin de Lorenzo, dotato in origine di due ruote per la macinazione dei cereali e per la follatura della lana.

Sempre all’interno del Parco delle cascate, è possibile visitare la malga costruita nel 1879, dove i soci portavano il latte e lo lavoravano a turno.

Ora l’edificio è stato ristrutturato e viene usato con scopi didattici.

Poco lontano da Molina sorgono due borghi storici, Gorgusello e Breonio, con costruzioni antiche e muri di sasso.

Nel cuore di Breonio è possibile visitare l’antica chiesa di San Marziale, del XII secolo, poi restaurata nel ‘500.

Di quest’epoca sono gli affreschi al suo interno, opera di importanti pittori veronesi come Francesco Morone e Domenico Brusasorzi.

L’ultima tappa del percorso prevede l’arrivo a Cavalo.

La chiesa di questo piccolo borgo, intitolata a San Zeno, venne costruita su un luogo già sacro per gli antichi Romani.

Il campanile appartiene alla struttura originale del XII secolo, mentre la chiesa venne completamente ristrutturata nel Quattrocento e poi di nuovo nel Settecento.

Vedi
Nascondi