Il vino e il cibo italiani hanno avuto un grande successo in tutto il mondo nel 2018.

Fra i vini italiani di successo, vanno ricordate alcune eccellenze veronesi: l’Amarone Valpolicella e i vini Soave.

L’Amarone della Valpolicella è del resto il rosso nobile preferito dagli winelovers che frequentano le enoteche. E’ il rosso italiano più venduto, secondo vino in classifica dopo le bollicine del Franciacorta.

Oltre all’Amarone Valpolicella, oltre al Soave, Verona si distingue anche per gli spumanti.

E proprio gli spumanti hanno riscosso un grande successo a livello internazionale, nel 2018, fa sapere Coldiretti.

Degli spumanti Verona può andare fiera grazie alle produzioni dello spumante Lessini Durello e degli altri spumanti scaligeri: dalla versione spumante del Chiaretto Bardolino a quella del Lugana, del Soave e del Custoza

I vini scaligeri sono legati al territorio. Permettono di unire la degustazione del vino e la fruizione delle bellezze artistiche, culturali e naturalistiche della provincia di Verona.

Verona è un territorio da gustare fino in fondo, sul piano del turismo del vino: dalla città d’arte al lago di Garda, dalla Lessinia alla zona del vino Soave.

In questo sito puoi trovare le descrizioni degli itinerari, dei vini e delle bellezze culturali e naturali di Verona e della sua provincia.

Possiamo così dire che la produzione vinicola e agroalimentare italiana è molto ben rappresentata dai vini veronesi e dalle produzioni alimentari scaligere.

 

Vinitaly - promozione vino italiano ed enoturismo in Cina - Veronafiere

Grande successo dei vini italiani nel mondo. A cominciare dai vini veronesi: l’Amarone Valpolicella, il Lugana e i vini di Soave

 

Amarone Valpolicella e Soave: successo di cibo e vini italiani

Mai cosi tanto cibo e vino italiano sono stati consumati sulle tavole di tutto il mondo con il record storico per le esportazioni agroalimentari Made in Italy che nel 2018 hanno raggiunto per la prima volta il valore di 42 miliardi di euro grazie all’aumento del 3%.

E’ stata la Coldiretti a tracciare il bilancio dell’anno scorso, sulla base delle proiezioni su dati Istat.

Si tratta di un ottimo risultato che – sottolinea la Coldiretti – conferma le potenzialità del Made in Italy a tavola per la ripresa economica ed occupazionale del Paese.

Quasi i due terzi delle esportazioni agroalimentari – precisa la Coldiretti – interessano i Paesi dell’Unione Europea dove il principale partner è la Germania.

Fuori dai confini comunitari sono gli Stati Uniti il mercato di riferimento dell’italian food.

A spingere la crescita – sottolinea la Coldiretti – sono i prodotti base della dieta mediterranea a partire dal vino.

La grande star è la categoria degli spumanti che balzano del 13%.

Gli spumanti raggiungono un valore – nelle vendite all’estero – superiore a 1,5 miliardi di euro durante l’anno 2018.

A seguire – continua la Coldiretti – l’ortofrutta fresca che in valore fa segnare però una leggera frenata del 4%.

Buone performance vedono protagonisti i salumi, i formaggi con un incremento del 3% in valore e la pasta che aumenta del 2%.

Sul successo del Made in Italy agroalimentare all’estero pesano in futuro i cambiamenti in atto nella politica internazionale che potrebbero tradursi in misure neo-protezionistiche che riguardano i principali mercati di sbocco.

Sul rapporto con la Gran Bretagna c’è l’incognita della Brexit.

A rischio sono anche le altalenanti relazioni commerciali con gli Stati Uniti di Donald Trump.

Il settore agroalimentare continua poi a subire gli effetti negativi dell’embargo in Russia con il divieto all’ingresso di frutta e verdura, formaggi, carne e salumi, ma anche pesce, provenienti da Unione Europea, Usa, Canada, Norvegia ed Australia.

 

Vino e cibo italiano nel mondo

Successo del vino e del cibo italiano nel mondo. Ma attenzione, ricorda Coldiretti, alla pirateria contro i prodotti Made in Italy

 

Vino italiano e cibo: Coldiretti rilancia l’allarme pirateria

“L’andamento sui mercati internazionali potrebbe ancora migliorare con una più efficace tutela nei confronti della agropirateria internazionale”, ha affermato il presidente della Coldiretti, Ettore Prandini. 

“La pirateria agroalimentare fattura oltre 100 miliardi di euro. Utilizza impropriamente parole, colori, località, immagini, denominazioni e ricette che si richiamano all’Italia per prodotti taroccati che non hanno nulla a che fare con la realtà nazionale”, ha affermato il presidente della Coldiretti. 

“Occorre superare peraltro l’attuale frammentazione e dispersione delle risorse per la promozione del vero Made in Italy all’estero”, ha detto Prandini. “E’ necessario puntare a un’Agenzia unica che accompagni le imprese in giro nel mondo sul modello della Sopexa. E investire sulle ambasciate”.

Spazio Commerciale

Le guide 2019 ai vini italiani sono acquistabili su Amazon. Così come le guide ai ristoranti e alle osterie.

Il sito Verona Wine Love, affiliato Amazon, vi mette a disposizione, a prezzi speciali, il link al sito di e-commerce.

Compra le guide cliccando sui link:

VINI D’ITALIA DEL GAMBERO ROSSO 2019

SLOW WINE 2019

RISTORANTI D’ITALIA DEL GAMBERO ROSSO 2019

GUIDA MICHELIN ITALIAN 2019 (ALBERGHI E RISTORANTI)

OSTERIE D’ITALIA 2019 SLOW FOOD

 

Iscriviti alla newsletter!


Riceverai le notizie sugli eventi a Verona che uniscono vino, turismo, spettacoli e cultura

¤ I dati personali sono trattati in base art. 13 del D. Lgs. 196/2003, al Regolamento UE 216/679 e alla Privacy policy

+39 349 8058 016

veronawinelove@gmail.com

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...