Home › Percorsi consigliati › I Castelli del Garda

I CASTELLI DEL GARDA

Il lago di Garda è un luogo di pace, tranquillità e villeggiatura.

Nei secoli scorsi però si è spesso trovato nel mezzo di scontri fra schieramenti diversi.

Seguendo la sponda est del lago, è possibile visitare molti castelli di epoca scaligera, ricchi di storia e arte.

Partendo da Sirmione si può visitare un ottimo esempio di fortificazione a uso portuale, che comprende la darsena, un tempo rifugio della flotta scaligera.

Il castello, del XIII secolo, blocca l’accesso al centro storico, cui si accede solamente da un ponte.

Risalendo la sponda veronese del lago, si passa prima da Peschiera, un tempo cittadella fortificata, per poi arrivare a Lazise, che nel Medioevo fu uno dei primi comuni liberi d’Europa, il primo in Italia.

I cittadini di Lazise innalzarono le prime fortificazioni già nel IX secolo, ricostruite nei secoli seguenti dal Comune di Verona.

Oggi molti elementi del complesso risultano danneggiati. Oltre al castello, la Dogana Veneta è l’edificio che più rappresenta Lazise e la sua storia.

Proseguendo verso nord, passati Bardolino (con il suo castello del IX secolo) e Garda, si arriva a Torri del Benaco.

Il castello che qui sorge risale agli ultimi anni della dominazione scaligera.

Il paese era circondato da mura, di cui facevano parte anche le torri della fortezza.

Al suo interno è stato istituito un museo etnografico, che ospita alcune testimonianze della cultura locale e dell’Alto Garda in generale.

Il castello ospita inoltre un orto botanico e una limonaia.

L’ultimo comune della provincia di Verona prima di arrivare in Trentino è Malcesine. La vista panoramica dal mastio del castello ripagherà pienamente il lungo viaggio e i numerosi scalini affrontati.

Ai piani inferiori si può seguire un percorso ben segnalato fra gli alloggi delle guardie, il camminamento e il Museo di storia naturale, ideato con un originale approccio multimediale e ospitato nelle stanze della rocca.

Salendo ai piani superiori si può visitare un’ampia sala usata per esposizioni e matrimoni, oltre alla ex polveriera austriaca.

Questa stanza è oggi dedicata al celebre letterato J.W. Goethe e ai suoi racconti dei viaggi nel Bel Paese.

Sulla torre principale, oltre a godere del panorama mozzafiato, si può vedere da vicino la Campana Comunale, risalente 1442.

Il castello di Malcesine è aperto alle visite da fine febbraio a inizio novembre.

Vedi
Nascondi