Home › Cosa vedere

LA VALPOLICELLA: COSA VEDERE E DOVE ANDARE 

La Valpolicella_Mauro Magagna Ph.

Valpolicella, cosa vedere?

Dove andare in questa terra di cultura, natura e arte, in provincia di Verona?

Una terra generosa, la Valpolicella, a pochi chilometri dal centro della città di Romeo e Giulietta. E a pochi chilometri anche dal Lago di Garda.

Chi visita il centro di Verona, con l’Arena e il Teatro Romano, non può perdere l’occasione di una puntata – anche di qualche giorno – nella terra dell’Amarone.

Qui consigliamo alcune bellezze artistiche, storiche e naturali da gustare in Valpolicella

 


Valpolicella: la Pieve Romanica di San Giorgio

La Pieve di San Giorgio di Valpolicella è uno dei più importanti monumenti di età romanica del territorio veronese.

È situata in cima a una collina nel paese di San Giorgio Ingannapoltron, raggiungibile uscendo dalla strada provinciale numero 4 che da Verona porta a Sant’Ambrogio di Valpolicella, terra di splendidi vini che proprio dalla Valpolicella prendono il nome.

San Giorgio Ingannapoltron – tradotto dal dialetto veronese – “inganna il pigro” è il soprannome dovuto al fatto che in passato i pellegrini, vedendo il paese dalla pianura, credevano di poterlo raggiungere velocemente. In realtà la strada risultava molto ripida e piena di tornanti.

L’edificio attuale della Pieve di San Giorgio risale all’VIII secolo, ma fu realizzato sui resti di edifici più antichi.

Interessante il ciborio longobardo, un baldacchino in pietra finemente scolpito con nodi celtici e figure zoomorfe e vegetali, situato sull’altare orientale.

Pieve di San Giogio in Valpolicella
Pieve di San Giogio in Valpolicella
Pieve di San Floriano in Valpolicella

Pieve Romanica di San Floriano

La Pieve di San Floriano è una delle più belle pievi romaniche del Veronese, edificata, come dimostrano due cippi funebri di grandi dimensioni e altri resti ritrovati, sopra un cimitero pagano.

Le origini della chiesa attuale si fanno risalire al XII secolo, ma si hanno sue notizie già dall’anno 905.

Lo storico edificio si trova sulla strada provinciale numero 4, che da Verona porta a Sant’Ambrogio di Valpolicella, all’altezza della frazione di San Floriano (Comune di San Pietro Incariano).

La Pieve di San Floriano presenta una struttura a tre navate, con una facciata in tufo a conci regolari, mentre sulle murature della chiesa spiccano elementi longobardi.

Sulla parte destra della facciata si trova il chiostro seicentesco, mentre, nella parte sinistra a nord, si erge la torre campanaria.

 

Parco delle Cascate di Molina

Molina è un piccolo e antico borgo della Lessinia, ubicato poco sopra il paese di Fumane, comune della Valpolicella storica.

La zona di Molina è sempre stata ricchissima d’acqua e il nome del paese deriva dai molti mulini che in epoche passate furono costruiti per sfruttare l’energia idraulica dei vari ruscelli.

Di interesse il Parco delle Cascate di Molina, che si estende su una superficie di circa 100 mila metri quadrati.

Il parco offre un paesaggio unico, un’oasi naturalistica ricca di cascate, sorgenti e laghetti circondati da boschi, prati verdeggianti e speroni rocciosi.

Consigliata anche una visita al Museo Botanico, per ammirare e imparare a riconoscere le diverse specie di piante presenti nel parco.

 

Cascate di Molina_Mauro Magagna Ph.
Ponte di Veja, foto di Francesco Vinco
Cascate di Molina_Mauro Magagna Ph.

Ponte di Veja in Lessinia

Uno dei più mirabili monumenti geomorfologici d’Italia è sicuramente il Ponte di Veja, un pittoresco e maestoso arco naturale di roccia, formatosi grazie alla caduta, in epoca preistorica, della parte interna di una grande grotta carsica.

Situato nel Parco naturale regionale della Lessinia, ai confini del comune di Sant’Anna d’Alfaedo, l’arco si trova a 600 metri sopra il livello del mare.

E’ uno spettacolo naturale che, si narra, abbia ispirato anche Dante Alighieri nella descrizione delle Malebolge dell’Inferno.

Anche il Mantegna, artista rinascimentale, prese spunto dall’arcata per l’invenzione dello sfondo di un affresco della celebre Camera degli Sposi del Palazzo Ducale di Mantova.

Il Ponte di Veja lo si raggiunge uscendo dalla strada provinciale numero 4 della Valpolicella (la Verona-Sant’Ambrogio) e proseguendo sulla strada per Negrar, per poi da qui dirigersi verso il comune di Sant’Anna d’Alfaedo.

Valpolicella, cosa vedere e dove andare? Cosa visitare nella Valpolicella?

Vi abbiamo proposto alcune bellezze storiche, artistiche e naturali di questa terra generosa in provincia di Verona.

La Valpolicella, si trova a pochi chilometri dal centro della città di Romeo e Giulietta. E a pochi chilometri anche dal Lago di Garda.

Valpolicella: dove si trova e come arrivare

La Valpolicella si trova a nord-ovest di Verona, incastonata tra il capoluogo, città d’arte patrimonio dell’Unesco, il lago di Garda e il fiume Adige. 

ll suo territorio ha una superficie di 240 kmq. Confina a ovest con il Lago di Garda. A est e a nord è rivolta verso i Monti Lessini e si sviluppa nella fascia collinare ai piedi delle Prealpi veronesi.

La Valpolicella si trova fra la Valdadige, la Lessinia e la pianura veronese. Ed è a poca distanza dal Lago di Garda.

Il paesaggio della Valpolicella – come rileva il sito web Itinerari nel Gusto – è in prevalenza collinare.

E’ composto da una serie di vallate che a ventaglio si dipartono da Verona. Mentre alle spalle vi sono i monti della Lessina che digradano verso le colline e da qui si giunge alla pianura.

COME ARRIVARE IN TRENO IN VALPOLICELLA

Tre le linee ferroviarie che arrivano alla Stazione di Verona Porta Nuova:

  • Linea ferroviaria Milano – Venezia
  • Linea ferroviaria Bologna – Brennero
  • Linea ferroviaria Verona – Mantova – Modena

Dal piazzale della stazione di Verona Porta Nuova si prende l’autobus urbano 21 che porta a Negrar e a San Pietro In Cariano. 

In alternativa vi sono le corriere extraurbane dirette ai comuni della Valpolicella storica: Negrar di Valpolicella, Fumane, Marano, San Pietro In Cariano, Sant’Ambrogio di Valpolicella. 

I biglietti si possono comprare alla Stazione di Porta Nuova, nella rivendita di Tabacchi. Oppure all’ufficio di ATV, l’azienda di trasporti della provincia di Verona, sul piazzale della stazione.

Per orari e informazioni sugli autobus urbani, come il 21, ed extraurbani, basta consultare il sito web di ATV Verona.

 

ARRIVARE IN AEREO

L’Aeroporto Catullo di Verona-Villafranca dista 12 km dalla Valpolicella.
L’aeroporto è collegato alla Stazione ferroviaria di Porta Nuova con un bus navetta con partenze ogni 20 minuti.

Dal piazzale della stazione di Verona Porta Nuova si prende l’autobus urbano 21 che porta a Negrar e a San Pietro In Cariano. 

In alternativa vi sono le corriere extraurbane dirette ai comuni della Valpolicella storica: Negrar di Valpolicella, Fumane, Marano, San Pietro In Cariano, Sant’Ambrogio di Valpolicella. 

I biglietti si possono comprare alla Stazione di Porta Nuova, nella rivendita di Tabacchi. Oppure all’ufficio di ATV, l’azienda di trasporti della provincia di Verona, sul piazzale della stazione.

Per orari e informazioni sugli autobus urbani, come il 21, ed extraurbani, basta consultare il sito web di ATV Verona.

Per chi è in auto all’aeroporto Catullo, basta seguire le indicazioni per Autostrada Verona Nord. Lasciando il casello sulla sinistra, occorre proseguire sulla SS12 per altri 10 km fino alla rotonda. Qui si prende la terza uscita e ci trova in Valpolicella.

 

ARRIVARE IN AUTO IN VALPOLICELLA

Per chi viaggia sulla A4 – Autostrada Serenissima Milano – Venezia l’uscita consigliata è Verona Sud.

Da Verona Sud dirigersi verso Borgo Trento. Qui prendere la Strada Provinciale 1 in direzione Trento e Valpolicella.

Al bivio per Trento tenere la destra, per andare verso Sant’Ambrogio di valpolicella.

Seguendo la strada principale si attraversano i paesi di Parona, Arbizzano, Santa Maria di Negrar, Pedemonte, San Floriano, San Pietro in Cariano, Bure fino a Gargagnago.

Viaggiando sulla A22 – Autostrada Modena – Brennero: uscire a Verona Nord.

Qui e prendere la SS12 in direzione Trento e Valpolicella per circa 10 km. Alla rotonda, prendere la terza uscita in direzione Sant’Ambrogio di Valpolicella per circa 1 km.

Show Buttons
Nascondi