Salgono le esportazioni dei vini italiani, con un aumento dell’8% in termini di volume.

Vanno bene i vini fermi, specie nel Regno Unito e in Germania. In calo le vendite negli Stati Uniti.

In crescita, seppur più limitata, anche la vendita all’estero di spumanti.

Trend in crescita per l‘export in volume del vino Made in Italy, dice Ismea, dopo la battuta d’arresto del 2018.

A rilevarlo è l’Istituto di servizi per il mercato agricolo alimentare (Ismea) con elaborazioni su dati Istat riguardanti i primi tre mesi del 2019 per una consegna all’estero di 4,9 milioni di ettolitri.

L’aumento è stato dell’8% sullo stesso periodo dell’anno precedente.

Positiva la performance dei vini fermi in bottiglia. Nei primi tre mesi dell’anno hanno sfiorato – spiega una nota – i 2,5 milioni di ettolitri di export (+6%).

Vi è stata una riduzione della domanda statunitense (-2%), una crescita del 13% di quella tedesca e del 24% di quella del Regno Unito con una progressione dei valori del 31%.

 

Prosecco Superiore Conegliano Valdobbiadene Docg

Il vino Prosecco fa sempre la parte della locomotiva nell’export dei vini italiani

 

Vini spumanti: il Prosecco fa sempre la parte del “vino locomotiva”

L’andamento progressivo dei vini spumanti – segnalano invece i ricercatori Ismea – è inferiore a quella degli scorsi anni “anche per la  frenata dell’Asti, mentre il Prosecco fa sempre da locomotiva non solo al segmento degli spumanti ma all’intero comparto vino”.

In tutto la crescita del valore unitario degli spumanti all’export è del +2%.

Infine aumenta la domanda di vino italiano in bag in box con un oltre 20% sia in Svezia che nel Regno Unito. Sono destinazioni che rappresentano rispettivamente il 20% e il 12% dell’intero segmento. Mentre in Norvegia (il 15% del totale a volume) si registra una battuta d’arresto.

Scopri la pagina con LE CANTINE E I VINI VERONESI

Leggi il MAGAZINE SULL’ENOTURISMO

Vuoi comunicare la tua azienda o il tuo locale? Scopri i SERVIZI DIGITALI DI VERONA WINE LOVE (siti web, ufficio stampa, social media, business blogging, fotoservizi e video professionali)


Soggiornare a Verona, sul lago di Garda e in Valpolicella: come scegliere un hotel

Se vuoi soggiornare a Verona, sul lago di Garda, in Valpolicella o nella zona del vino Soave, puoi affidarti a Booking.com con cui Verona Wine Love è convenzionato da un programma di affiliazione. 

SCEGLI UN HOTEL A VERONA

SCEGLI UN HOTEL SUL LAGO DI GARDA

SCEGLI UN HOTEL IN VALPOLICELLA

———————————————

Segui VeronaWineLove sui social

Icona FacebookIcona IstagramIcona LinkedInIcona Twitter

RIPRODUZIONE RISERVATA  ©  Copyright VeronaWineLove

Spazio Commerciale

Sei appassionato/a di fotografia e vorresti partecipare a un Corso di Fotografia e Fotoritocco?
Leggi le info su Mauro Magagna, fotografo professionista e responsabile d’immagine di Verona Wine Love.

Mauro Magagna fotografo

Sei appassionato/a di Bike Tour e desideri scoprire i percorsi delle Terre del Custoza, del Lago di Garda e del Monte Baldo?
Ti consigliamo il team di Guide di MTB di BIKE EXPERIENCE di Fabio Boeti e ALLMOST MTB di Francesco Trentini.

BikeExperience di Fabio Boeti                        AllMost di Francesco Trentini     

Iscriviti alla newsletter!


Riceverai le notizie sugli eventi a Verona che uniscono vino, turismo, spettacoli e cultura

8 + 2 =

¤ I dati personali sono trattati in base art. 13 del D. Lgs. 196/2003, al Regolamento UE 216/679 e alla Privacy policy

+39 349 8058 016

veronawinelove@gmail.com



Booking.com

Ebook

Licenza Creative Commons
10 percorsi alla scoperta dei vini di Verona diVeronaWineLove Ebook è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Non opere derivate 4.0 Internazionale.
Based on a work at https://veronawinelove.com/.
Permessi ulteriori rispetto alle finalità della presente licenza possono essere disponibili presso https://veronawinelove.com/.

Show Buttons
Nascondi