Home › Cicloturismo

CICLOTURISMO


PARONA – SAN FLORIANO

Parona in Valpolicella

Panorama sulla Valpolicella (Foto di Mauro Magagna)

Cicloturismo / 19 km

Si parte da Parona, a ovest di Verona, facilmente raggiungibile dal centro, per esplorare in bicicletta le prime colline della Valpolicella.

Si tratta di un percorso semplice, con alcuni tratti di pista ciclabile e altri che richiedono più attenzione.

Partendo da Largo Stazione Vecchia, poco prima della galleria si imbocca via del Monastero, sulla sinistra. Si prosegue quindi su questa stradina stretta fra due mura, superando anche un breve tratto non asfaltato.

Giunti ad Arbizzano, attraversiamo il paese e pedaliamo verso Santa Maria. Attraversiamo anche Pedemonte, meglio se percorrendo le vie parallele alla provinciale (sulla destra), per evitare il traffico.

Giunti sulla provinciale che porta a San Floriano, per buona parte si potrà proseguire senza pericoli sulla pista ciclabile.

Una volta giunti a San Floriano, non può mancare una pausa per la visita all’antica pieve.

Tornati in sella, proseguiamo in direzione di località Cà dell’Ebreo, tornando poi verso Pedemonte.

Invece di percorrere nuovamente la strada dell’andata, si può deviare verso Cengia e poi Corrubbio.

Superato un tratto sterrato in direzione della località Quar, svoltando a destra si torna su una strada che, in un paio di chilometri, ci riporta direttamente a Parona.


                          FRA CITTA’ E VALPANTENA

Cicloturismo in Valpolicella

Cicloturismo / 20 km

Partiamo dal quartiere Santa Croce, a nord-est di Verona, per un circuito che si snoda nella bassa Valpantena. Meglio usare una bicicletta adatta ad affrontare brevi tratti di strada sterrata.

Usciamo dalla città in direzione di San Felice Extra, continuando poi a seguire la strada principale. Una volta giunti a Santa Maria in Stelle si potrà visitare l’ipogeo, o “pantheon”, una costruzione di epoca romana.

Tornati sulla strada principale, pedaliamo verso Sezano fino alla fine della strada, che diventa sterrata all’altezza di due capitelli, uno di fronte all’altro.

Ci avventuriamo sulla sinistra per un breve tratto di sterrato fino al sottopassaggio che ci poterà in totale sicurezza dall’altra parte della provinciale.

All’incrocio svoltiamo a destra e subito a sinistra, per tornare verso sud imboccando la strada in leggera salita. Qui siamo a pochi passi dal Giardino officinale di Marzana.

Continuiamo a pedalare, ora in direzione della città, prendendo via Colonia orfani di guerra e contrada Lumialto, seguendo una strada panoramica che ci porta a passare per i centri di Quinto e Poiano.

Giunti alla grande rotonda (in prossimità di un ipermercato), seguiamo le indicazioni per San Felice Extra, tornando così, dopo qualche chilometro, al punto di partenza.


VILLE DELLA VALPOLICELLA

Illasi e Villa Mosconi Bertani

Villa Mosconi Bertani (Illasi)

Cicloturismo / 22 km

Si parte da Fumane per un giro ciclistico che tocca alcune ville della zona, costruite in Valpolicella da importanti famiglie veronesi.

Lungo il percorso sono presenti anche diverse aziende vinicole e osterie.

Le strade sono tutte asfaltate, per la maggior parte poco trafficate.

Da Fumane si pedala verso località Casterna, per poi proseguire in direzione di San Pietro Incariano.

Attraversato il centro abitato, si prosegue verso Pedemonte: in paese sorge Villa Santa Sofia, realizzata dal Palladio.

L’edificio oggi visibile è però solo una parte del progetto originale.

Si prosegue in direzione di Corrubbio per poi salire verso Castelrotto. Da qui si può godere di un ottimo panorama e vedere i resti delle fortificazioni dei Longobardi.

Dopo la discesa verso Negarine e Casette, passati i due borghi, si prende a destra all’incrocio per tornare a San Pietro Incariano.

Qualche pedalata e ci si trova fra due meravigliosi esempi di dimore secentesche: sulla destra villa Galtarossa, sulla sinistra villa Costanza.

Dal centro di San Pietro Incariano si torna a Fumane seguendo una strada diversa rispetto a quella dell’andata.

Imboccata via delle Ruine, si giunge a Bure, dove si svolta a destra per proseguire in direzione di Bure Alto e della chiesetta di San Micheletto. Qui, per un breve tratto, la strada diventa sterrata.

Prima di tornare nel centro di Fumane, vale la pena fare una piccola deviazione sulla sinistra in via della Torre.

A pochi metri di distanza sorge infatti villa della Torre, costruita nel XVI secolo seguendo l’ispirazione delle dimore di campagna dell’antica Roma.

Vedi
Nascondi