Home › Cicloturismo

CICLOTURISMO

DA VALEGGIO A VILLAFRANCA

Parco Sigurtà e Castello di Valeggio

Cicloturismo / 8,8 km

Un percorso breve, ma che tocca punti molto interessanti della provincia veronese. È bene avere una bicicletta in grado di affrontare un tratto su strada non asfaltata.

Valeggio sul Mincio è uno snodo interessante per chi si muove in bicicletta, in quanto a Borghetto, a poche pedalate di distanza dal centro, passa la famosa ciclabile Mantova-Peschiera.

Dal centro di Valeggio ci si dirige verso Villafranca sulla Provinciale 24.

Si passano il campo sportivo e un distributore, entrambi sulla sinistra. Ancora un centinaio di metri e si lascia la provinciale per prendere una via sulla destra, indicata come località Serseni.

Il percorso ciclistico è ben segnalato con un cartello. Si prosegue tranquillamente in mezzo ai campi su questa stradina, che a un certo punto diventa sterrata, ma rimane facilmente percorribile.

Giunti all’incrocio, si svolta a sinistra e, passato il gruppo di case, a destra (qui il percorso ciclistico è nuovamente segnalato).

Si prosegue sempre su questa strada di campagna, che presto tornerà a essere asfaltata.

Giunti alla rotonda in località Dossi, si può proseguire agilmente sulla pista ciclabile – separata dalla carreggiata – per gli ultimi due chilometri fino al Castello di Villafranca.

DA SOMMACAMPAGNA A CUSTOZA

Villa Venier (Sommacampagna)

Cicloturismo / 25 km

Partiamo da Villa Venier di Sommacampagna, dimora settecentesca con un grande parco aperto al pubblico e un comodo parcheggio in prossimità dell’entrata, per esplorare le campagne della zona del Custoza.

Prima di lasciare Sommacampagna, vale la pena visitare la pieve di Sant’Andrea, uno dei luoghi di maggiore interesse del paese, che sorge all’interno del cimitero.

Prendiamo la strada per Custoza, ma – circa un chilometro dopo l’uscita dal centro abitato – lasciamo la strada principale per deviare verso località Fredda e continuiamo a seguire la strada asfaltata fino a località Cappello.

Dopo un brevissimo tratto sterrato, allo stop giriamo a sinistra e nuovamente a sinistra seguendo le indicazioni per Ganfardine.

Passato il paesino, al primo incrocio svoltiamo a sinistra, proseguendo su via Pantina – dopo aver passato l’omonima località, – quindi via Molinara Vecchia e via Tezze, raggiungendo in questo modo la frazione di Caselle.

Alla prima rotonda prendiamo la strada a sinistra, verso Lugagnano, ma allo stop giriamo di nuovo verso sinistra, per tornare verso Sommacampagna.

Incontriamo una rotonda, qui svoltiamo a destra. Passata la ferrovia, giriamo a sinistra e poi ancora a sinistra passando poco più avanti un’altra volta sotto alla ferrovia, che costeggiamo fino a imboccare una strada sterrata sulla sinistra.

Dopo una breve salita, di circa 300 metri, arriviamo alla chiesetta della Madonna del Monte, in posizione panoramica.

Si torna a scendere e, poco dopo, a pedalare su una strada asfaltata che ci riporta a Sommacampagna.

Vedi
Nascondi