Eventi a Verona e oltre: appuntamento con il vino domenica 11 novembre. Dal lago di Garda al Merano Wine Festival

Eventi a Verona e oltre: appuntamento con il vino domenica 11 novembre. Dal lago di Garda al Merano Wine Festival

Eventi sul vino e dintorni. E’ un fine settimana con interessanti appuntamenti ed eventi quello che ci aspetta.

Sabato 10 e domenica 11 novembre l’evento in provincia di Verona con la Festa del Novello 2018, a Bardolino, sul lago di Garda.

Domenica 11 novembre, a Pescantina (Verona), a circa 25 km dal lago di Garda, la Festa del Vino Nuovo alla Cantina Monteci Viticoltori.

Poi gli appuntamenti nazionali, a cominciare dal Merano Wine Festival, che vede in primo piano lo spumante Garda Doc e il vino Chiaretto Bardolino.

GLI EVENTI SUL VINO A VERONA
Cominciamo da Verona. Sabato 10 e domenica 11 novembre, da segnalare la “Festa del Novello 2018” a Bardolino (Verona). Tradizione, cultura ed enogastronomia, si mescolano a Bardolino con i colori e i sapori dell’autunno. In piazza del Porto il protagonista sarà il vino Bardolino Novello.

Un vino, il vino Novello, che si sposa con l’autunno, le sue giornate accorciate, le prime nebbie e le castagne. Sul lago di Garda, però, l’atmosfera è particolare. C’è tutto il fascino del lago autunnale.

Domenica 11 novembre, “Festa del vino nuovo e chiacchiere sull’osteria degli artisti“. Ore 10-18, appuntamento alla cantina Monteci Viticoltori, via San Michele, 34, Pescantina (Verona). Organizzato da Archivio della scultura Veronese dell’800 e del ‘900.

E’ un appuntamento che unisce il “vino nuovo” – che non va confuso con il vino Novello – e la cultura. Un evento da non perdere data anche la produzione vinicola interessante della Cantina Monteci Viticoltori.

 

GLI EVENTI SUL VINO IN ITALIA
Sabato 10 novembre e domenica 11 novembre (e fino a martedì 13) c’è il “Merano Wine Festival” a Merano (Bolzano). Evento che punta sulla qualità e sullo scambio di opinioni tra produttori, opinion leader, professionisti del settore e consumatori. Previste degustazioni, masterclass e conferenze.

Da segnalare gli spazi dedicati allo spumante Garda Doc e quello per i vini rosati, a cominciare dal Bardolino Chiaretto e Valtènesi Chiaretto nell’ambito del Merano Wine Festival.

Sabato 10 novembre e domenica 11 novembre, “Cantine aperte a San Martino” in varie regioni italiane. L’evento novembrino del Movimento Turismo del vino celebra una tappa fondamentale del calendario produttivo. Diverse degustazioni ed eventi organizzati dalle cantine in tutta Italia.

Sabato 10 novembre e domenica 11 novembre, “Van – Vignaioli artigiani naturali” a Roma. Ottava edizione della fiera dedicata alla degustazione e vendita di vini naturali e prodotti dell’agricoltura biologica. 47 produttori di vino provenienti da tutta Italia, Slovenia e Spagna con oltre 200 vini in degustazione saranno presenti alla Città dell’Altra Economia di Roma.

 

Iscriviti alla newsletter!


Riceverai le notizie sugli eventi a Verona che uniscono vino, turismo, spettacoli e cultura

¤ I dati personali sono trattati in base art. 13 del D. Lgs. 196/2003, al Regolamento UE 216/679 e alla Privacy policy

+39 349 8058 016

veronawinelove@gmail.com

Vino novello 2018: 2 milioni di bottiglie sulle tavole degli italiani. Ma cos’è il vino novello? Eccolo raccontato…

Vino novello 2018: 2 milioni di bottiglie sulle tavole degli italiani. Ma cos’è il vino novello? Eccolo raccontato…

Il vino novello italiano, con una produzione di 2 milioni di bottiglie, ci dice che siamo in pieno autunno.

Dal 30 ottobre il vino novello italiano è disponibile per le tavole degli italiani.

Sono arrivate sul mercato circa 2 milioni di bottiglie della vendemmia 2018. Un quinto rispetto a un tempo, quando il vino novello conobbe il boom. 

Sempre e comunque una produzione di tutto rispetto. E con la caratteristica stagionale dell’autunno e dei suoi prodotti tipici.

A renderlo noto è Coldiretti segnalando che quest’anno il “déblocage” è anticipato di oltre due settimane rispetto al concorrente della Francia.

Il vino novello francese, invece, lo si potrà assaggiare solo a partire dal 15 novembre prossimo.

“La produzione del vino novello in Italia“, spiega Coldiretti, “si è iniziata verso la metà degli anni settanta, dopo che l’iniziativa partì dai vignaioli trasnsalpini della zona di produzione del Beaoujolais della Francia”.

L’obiettivo era quello di superare una stasi di mercato. Così i vignaioli francesi misero in commercio il Beaoujolais nouveau al fine di rivalorizzare il loro vino prodotto con uve Gamay, meno pregiate della Borgogna meridionale.

“Il vino novello Made in Italy basato invece su uve Dop e Igp“, aggiunge Coldiretti, “ha quindi registrato in Italia una rapida espansione toccando il picco di 17 milioni di bottiglie dieci anni fa. Poi il vino novello è sceso ai circa 2 milioni attuali”.

“Il calo di produzione di vino novello“, osserva Coldiretti, “ha origine in una serie di fattori, a partire dalla limitata conservabilità, che ne consiglia il consumo nell’arco dei prossimi 6 mesi”.

 

VINO NOVELLO E CALDARROSTE: RACCOLTO RECORD PER LE CASTAGNE
La tradizione vuole che l’apertura del vino novello si festeggi a San Martino l’11 novembre, giorno in cui da sempre i contadini chiudono e fanno il bilancio di un anno di lavoro.

Il vino novello, conclude Coldiretti, è “consumato soprattutto in abbinamento con i prodotti autunnali come le caldarroste, che quest’anno fanno registrare uno storico ritorno”.

Le castagne segnano un raccolto record di 30 milioni di chili. In aumento dell’80% rispetto a cinque anni fa”.

 

COS’E’ IL VINO NOVELLO?
“Il vino novello non è da confondere con il vino nuovo“, spiega la sommelier Mary Ferrarello, nel suo blog Degustrare il Vino.

La differenza sta nel metodo di produzione di entrambi. Il vino novello ha un particolare tipo di vinificazione chiamata macerazione carbonica.

“E’ un procedimento che fu inventato dai viticoltori francesi negli anni trenta nella zona di Beaujolais, in Borgogna (Francia)”, sottolinea Mary Ferrarello, che è una Digital Wine Coach.

Il vino nuovo invece è il vino “fresco”, quello dell’ultima vendemmia.

“I vini novelli hanno un colore molto vivace, con riflessi violacei, molto profumati soprattutto di aromi primari”, spiega Mary Ferrarello, nel suo blog.

Mary Ferrarello - wine digital coach - sommelier

Mary Ferrarello, sommelier e digital wine coach

I vini novelli presentano sentori spiccati di frutta come albicocche e banana e di frutti di bosco (fragola, lampone, mora).

“I vini novelli“, sottolinea la sommelier toscana, “esprimono il meglio del loro potenziale dopo qualche settimana di riposo in bottiglia. Ha un gusto dove predomina la freschezza degli aromi, poco alcolici, freschi e con pochi tannini”.

Il vino novello è quindi leggero, meno strutturato, morbido.

Il novello è un vino che ha un corpo medio, rotondo, morbido, con una tannicità mai eccessiva, ed un grado alcolico che difficilmente supera gli 11% .

“ll vino novello ha vita breve, non è certo un vino che si mantiene a lungo”, sottolinea la sommelier Mary Ferrarello, nel suo blog. “Sono vini da bersi giovani, preferibilmente entro l’anno, non adatti all’invecchiamento”.

 

COS’E’ IL VINO NOVELLO

Iscriviti alla newsletter!


Riceverai le notizie sugli eventi a Verona che uniscono vino, turismo, spettacoli e cultura

¤ I dati personali sono trattati in base art. 13 del D. Lgs. 196/2003, al Regolamento UE 216/679 e alla Privacy policy

+39 349 8058 016

veronawinelove@gmail.com

Vedi
Nascondi