Cinema e Vino: nel film “Un’ottima annata” si impara quando si perde

Cinema e Vino: nel film “Un’ottima annata” si impara quando si perde

Un’ottima annata” (A good year) è un film del 2006 di Ridley Scott, tratto dall’omonimo romanzo di Peter Mayle.
Nel cast: Russel Crowe, Abbie Cornish, Marion Cotillard, Albert Finney e Freddie Highmore.

Max Skinner, l’attore Russel Crowe, è un broker londinese tanto capace quanto odiato il cui carattere si può riassumere nel suo motto: “vincere non è tutto…è l’unica cosa”.

La vicenda si sviluppa quando Max eredita dallo zio la proprietà della tenuta lo Châteaux La Siroque in Borgogna.
Max ritorna nei luoghi dell’infanzia deciso a concludere in giornata la vendita.
Nel vecchio casale il broker ricorda voci e immagini di un tempo passato che segneranno le sue decisioni future.

 

Rassegna Cinema e Vino di Verona-Wine -Love

Rassegna Cinema e Vino di VeronaWineLove

Siamo in Provenza (le scene sono girate a Bonnieux) in una calda e assolata estate. I grilli scandiscono il ritmo di una quotidianità senza lo stress imperante della metropoli.

Da un vecchio disco si sente una musica che richiama le armonie degli anni ’60 con i suoi chansonniers.

Una musica romantica che ben si addice alla sinuosità delle colline coltivate a vigna immerse nella bellezza della campagna francese (vedi il sito www.circuitoturismo.it).

Il film si apre con un flash-back: il bambino Max e lo zio Henry che giocano a scacchi. Gioco che è una metafora esistenziale: anche nella vita, se non si vuole perdere, ogni mossa deve essere pensata in tutte le sue variabili.

Insieme ai continui rimandi al passato, Max dovrà gestire situazioni collegate alla figura dello zio e a coloro (il vigneron, la cugina americana, l’amica d’infanzia) che gravitano intorno alla vigna.

 

Cinema e vino - Un'ottima annata

Cinema e vino – Un’ottima annata di Ridley Scott (2006)

L’intera vicenda poggia su quel fil rouge del vino, “nettare sublime incapace di mentire”.
Il legame tra i personaggi si consolida e si sviluppa attraverso il contatto con la terra.

I valori e gli insegnamenti dello zio emergono nella mente di Max fino a trasformarlo da arido bussines-man ad uomo sensibile e amante delle piccole cose. In lui cambiano gli obiettivi e cambia la visione della vita.

Come dice lo zio Henry: “ Al terroir non basta sole e pioggia, ha bisogno di equilibri”.

Un film che rievoca l’importanza dei legami affettivi perché, anche quando sembrano dimenticati ritornano.

Una trama dosata nei colpi di scena, senza paternalismi e ben interpretata dall’intero cast.

Sara Soliman
www.aessecommunication.it
@aessecommunication

Leggi anche:
Cinema e Vino: il rapporto fra uomo e terra nel film “Finché c’è Prosecco c’è speranza”

Musica e degustazioni. La Cantina Trabucchi d’Illasi si presenta sotto le stelle d’agosto

Musica e degustazioni. La Cantina Trabucchi d’Illasi si presenta sotto le stelle d’agosto

Alla storica Cantina Trabucchi d’Illasi, sabato 11 agosto alle ore 21, è stata organizzata una degustazione dell’ampia scelta di vini prodotti.

L’evento si inserisce nell’ambito della rassegna Calici di Stelle 2018 organizzata dal Movimento Turismo del Vino e Città del Vino.

Vino e offerta culturale sono l’abbinamento vincente della manifestazione, in una formula che unisce la filosofia del buon bere a spettacoli, design e arte.

La famiglia Trabucchi d’Illasi è un punto di riferimento nel panorama vitivinicolo veronese e italiano.
La cantina, fondata nel 1920 da Marco Trabucchi e attualmente gestita da Giuseppe e Raffaella Trabucchi, si distingue per l’accento innovatore, per il rispetto della salute dell’uomo e dell’ambiente. Qualità rimaste intatte nel tempo che dimostrano lo spirito tenace e improntato su solidi ideali di tutti il loro componenti.

La serata è stata dedicata agli assaggi del Valpolicella, dell’Amarone, del Recioto di Soave e del Recioto della Valpolicella.
E’ stato di scena, inoltre, l’attore, musicista e artista Alberto Petrucco con la partecipazione di Caterina Sangineto, Adriano Sangineto, Matteo Luraghi, Gaia Nicosia e Walter Tiraboschi.

La storia artistica di Petrucco comincia con la musica e il cabaret, tra gli anni ’70 e ’80, per arrivare alla recitazione teatrale con lo stile dei monologhi e delle ballate eseguite al pianoforte o alla chitarra. Il suo stile personale e inconfondibile lo porta a presentare spettacoli in tutta Italia con varie esperienze televisive: i primi “Zelig” e “Colorado Cafè”, oltre a “Funari News”, “Ballarò” e la più recente “XLove”.

 

Trabucchi d'Illasi, Calici sotto le stelle

Trabucchi d’Illasi, Calici sotto le stelle

La musica e il teatro, quindi, come cornice per creare quell’immaginifico incontro ispiratore tra arte e vino.
“L’amore tradito” è il titolo della rappresentazione che sottolinea quel sottile fil rouge presente nelle trame emozionali della nostra esistenza.

Ci si è così lasciati catturare dalle note e si è scelta la stella sulla quale abbandonare pensieri e sogni. Il tutto accompagnato da un buon calice della Cantina Trabucchi.

Contatti
AZIENDA AGRICOLA TRABUCCHI (Illasi – VR)
Tel. 045-7833233 www.trabucchidillasi.it
Foto della Cantina Trabucchi

*** Post redazionale a cura di Studio AEsse Communication ***

Vedi
Nascondi