Eventi a Verona e oltre: appuntamento con il vino domenica 11 novembre. Dal lago di Garda al Merano Wine Festival

Eventi a Verona e oltre: appuntamento con il vino domenica 11 novembre. Dal lago di Garda al Merano Wine Festival

Eventi sul vino e dintorni. E’ un fine settimana con interessanti appuntamenti ed eventi quello che ci aspetta.

Sabato 10 e domenica 11 novembre l’evento in provincia di Verona con la Festa del Novello 2018, a Bardolino, sul lago di Garda.

Domenica 11 novembre, a Pescantina (Verona), a circa 25 km dal lago di Garda, la Festa del Vino Nuovo alla Cantina Monteci Viticoltori.

Poi gli appuntamenti nazionali, a cominciare dal Merano Wine Festival, che vede in primo piano lo spumante Garda Doc e il vino Chiaretto Bardolino.

GLI EVENTI SUL VINO A VERONA
Cominciamo da Verona. Sabato 10 e domenica 11 novembre, da segnalare la “Festa del Novello 2018” a Bardolino (Verona). Tradizione, cultura ed enogastronomia, si mescolano a Bardolino con i colori e i sapori dell’autunno. In piazza del Porto il protagonista sarà il vino Bardolino Novello.

Un vino, il vino Novello, che si sposa con l’autunno, le sue giornate accorciate, le prime nebbie e le castagne. Sul lago di Garda, però, l’atmosfera è particolare. C’è tutto il fascino del lago autunnale.

Domenica 11 novembre, “Festa del vino nuovo e chiacchiere sull’osteria degli artisti“. Ore 10-18, appuntamento alla cantina Monteci Viticoltori, via San Michele, 34, Pescantina (Verona). Organizzato da Archivio della scultura Veronese dell’800 e del ‘900.

E’ un appuntamento che unisce il “vino nuovo” – che non va confuso con il vino Novello – e la cultura. Un evento da non perdere data anche la produzione vinicola interessante della Cantina Monteci Viticoltori.

 

GLI EVENTI SUL VINO IN ITALIA
Sabato 10 novembre e domenica 11 novembre (e fino a martedì 13) c’è il “Merano Wine Festival” a Merano (Bolzano). Evento che punta sulla qualità e sullo scambio di opinioni tra produttori, opinion leader, professionisti del settore e consumatori. Previste degustazioni, masterclass e conferenze.

Da segnalare gli spazi dedicati allo spumante Garda Doc e quello per i vini rosati, a cominciare dal Bardolino Chiaretto e Valtènesi Chiaretto nell’ambito del Merano Wine Festival.

Sabato 10 novembre e domenica 11 novembre, “Cantine aperte a San Martino” in varie regioni italiane. L’evento novembrino del Movimento Turismo del vino celebra una tappa fondamentale del calendario produttivo. Diverse degustazioni ed eventi organizzati dalle cantine in tutta Italia.

Sabato 10 novembre e domenica 11 novembre, “Van – Vignaioli artigiani naturali” a Roma. Ottava edizione della fiera dedicata alla degustazione e vendita di vini naturali e prodotti dell’agricoltura biologica. 47 produttori di vino provenienti da tutta Italia, Slovenia e Spagna con oltre 200 vini in degustazione saranno presenti alla Città dell’Altra Economia di Roma.

 

Iscriviti alla newsletter!


Riceverai le notizie sugli eventi a Verona che uniscono vino, turismo, spettacoli e cultura

¤ I dati personali sono trattati in base art. 13 del D. Lgs. 196/2003, al Regolamento UE 216/679 e alla Privacy policy

+39 349 8058 016

veronawinelove@gmail.com

Vino italiano in Cina, le iniziative di Veronafiere per i vini Made in Italy e l’enoturismo

Vino italiano in Cina, le iniziative di Veronafiere per i vini Made in Italy e l’enoturismo

La promozione del vino italiano in Cina è un passaggio fondamentale per far conoscere le eccellenze vinicole veronesi (e non).

Veronafiere mette in campo una serie di iniziative nella settimana della China International Import Expo (dal 5 al 10 novembre 2018) assieme al ministro delle Politiche agricole alimentari, forestali e del Turismo, Gian Marco Centinaio.

Il programma prevede l’inaugurazione della sede di Shanghai; l’organizzazione con Vinitaly della collettiva italiana all’International Wine & Spirits Fair di Hong Kong; e la definizione di piani strategici per la promozione del vino e dell’enoturismo made in Italy con tour operator e università cinesi.

Vinitaly - promozione vino italiano ed enoturismo in Cina - Veronafiere - b

 

PROMOZIONE DEL VINO ITALIANO: IL PROGRAMMA IN CINA
Si parte domani, mercoledì 7 novembre, alle 15 (ora locale), con l’apertura della sede a Shanghai nel centrale distretto business di Xuhui (Changle Road, 989).

A inaugurare gli uffici che rappresenteranno i settori chiave della fiera veronese (vino, agroalimentare, marmo, agritech), oltre ai vertici di Veronafiere, il presidente Maurizio Danese e il direttore generale Giovanni Mantovani, vi sono anche l’ambasciatore d’Italia in Cina, Ettore Sequi, il ministro Gian Marco Centinaio, il console generale italiano a Shanghai Michele Cecchi e il direttore dell’Ice Rete Cina, Amedeo Scarpa.

Nella stessa giornata, due incontri per la cultura vino italiano e l’incoming in chiave enoturistica, con il colosso cinese del travelling online, C-Trip e con Wine in University, l’associazione nazionale di studenti di enologia, che collega 42 università in 17 province.

Vinitaly - promozione vino italiano ed enoturismo in Cina - Veronafiere - a

 

La task force asiatica di Veronafiere si sposta poi sul fronte business con il padiglione Italia di Vinitaly e Sol & Agrifood a Hong Kong dall’8 al 10 novembre, alla Wine & Spirits Fair che vede una collettiva italiana di oltre 100 aziende in un’area di 800 metri quadrati insieme a Ice.

Anche in questa sede è prevista la partecipazione del ministro delle Politiche agricole, Centinaio il 9 novembre.

All’evento clou dedicato al vino nel Sud-Est asiatico, focus sull’olio con un’area (Sol Intl’ Evo Oil Show) curata dal brand Veronafiere, Sol&Agrifood.

 

HONG KONG INTERNATIONAL WINE & SPIRITS FAIR (video ufficiale 2017 – english edition)

Iscriviti alla newsletter!


Riceverai le notizie sugli eventi a Verona che uniscono vino, turismo, spettacoli e cultura

¤ I dati personali sono trattati in base art. 13 del D. Lgs. 196/2003, al Regolamento UE 216/679 e alla Privacy policy

+39 349 8058 016

veronawinelove@gmail.com

Verona in bici: gita in bicicletta di 20 km in Valpantena. E poi le cantine dei vini Valpolicella

Verona in bici: gita in bicicletta di 20 km in Valpantena. E poi le cantine dei vini Valpolicella

Verona in bici è un incanto. Dà la possibilità di unire natura e cultura, visitando con una gita in bicicletta uno degli angoli più affascinanti: la bassa Valpantena.

Un percorso ciclabile per chi ama il cicloturismo? Ecco una proposta di itinerario su Verona per la gita in bicicletta nel prossimo weekend. Con un occhio alle previsioni meteo, date le piogge di questi giorni.

Questa proposta di percorso ciclabile – di 20 km – unisce la passione per la bicicletta con la possibilità di visitare le bellezze paesaggistiche. E alcuni scorci di valore storico nella bassa Valpantena, in provincia di Verona.

Cicloturismo - percorso ciclabile in Valpantena - Santa Maria in Stelle

Veduta di Santa maria in Stelle (Verona)

 

VERONA IN BICI: GITA IN BICICLETTA IN VALPANTENA
Partiamo dal quartiere Santa Croce, a nord-est di Verona, per un circuito che si snoda nella bassa Valpantena.

Meglio usare una bicicletta adatta ad affrontare brevi tratti di strada sterrata.

Usciamo dalla città in direzione di San Felice Extra, continuando poi a seguire la strada principale.

Una volta giunti a Santa Maria in Stelle si potrà visitare l’ipogeo, o “pantheon”, una costruzione di epoca romana.

Tornati sulla strada principale, pedaliamo verso Sezano fino alla fine della strada, che diventa sterrata all’altezza di due capitelli, uno di fronte all’altro.

Ci avventuriamo sulla sinistra per un breve tratto di sterrato fino al sottopassaggio. Questo ci poterà in totale sicurezza dall’altra parte della provinciale.

All’incrocio svoltiamo a destra e subito a sinistra, per tornare verso sud imboccando la strada in leggera salita.

Qui siamo a pochi passi dal Giardino officinale di Marzana.

Continuiamo a pedalare, ora in direzione della città, prendendo via Colonia orfani di guerra e contrada Lumialto. Seguiamo così una strada panoramica che ci porta a passare per i centri di Quinto e Poiano.

Giunti alla grande rotonda (in prossimità di un ipermercato), seguiamo le indicazioni per San Felice Extra.

Torniamo così, dopo qualche chilometro, al punto di partenza. La nostra gita in bici a Verona, di 20 chilometri, è completata.

 

Cicloturismo - percorso ciclabile in Valpantena - Sezano

Veduta di un monastero di Sezano (Verona)

 

VINO VALPOLICELLA: LE CANTINE
Il percorso in bicicletta in bassa Valpantena è ben conciliabile con la visita ad alcune delle cantine veronesi che producono vini Valpolicella.

E’ importante, però, informarsi prima sugli orari di apertura e sulla possibilità di degustare i vini Valpolicella e di acquistarli.

Nella nostra sezione sulle cantine del Valpolicella vi sono alcune aziende che hanno sede a Grezzana (Verona).

La località di Grezzana è a soli 2,2 km da Marzana, uno dei punti toccati dalla gita in bicicletta qui consigliata.

Iscriviti alla newsletter!


Riceverai le notizie sugli eventi a Verona che uniscono vino, turismo, spettacoli e cultura

¤ I dati personali sono trattati in base art. 13 del D. Lgs. 196/2003, al Regolamento UE 216/679 e alla Privacy policy

+39 349 8058 016

veronawinelove@gmail.com

Turismo del vino, l’enogastronomia in Italia fattura 12 miliardi di euro. Il ministro Centinaio: “Strada vincente per l’Italia”

Turismo del vino, l’enogastronomia in Italia fattura 12 miliardi di euro. Il ministro Centinaio: “Strada vincente per l’Italia”

Il turismo del vino e della gastronomia è una carta vincente per l’economia turistica italiana.

L’enoturismo rappresenta un capitolo importante: per le aziende vitivinicole e per quelle legate all’accoglienza.

Ne è una dimostrazione il successo delle iniziative del Movimento Turismo del Vino. Tanto che il turismo enogastronomico fattura oltre 12 miliardi di euro.

Sono almeno 110 milioni le presenze in Italia legate al turismo del vino e all’enogastronomia.

 

TURISMO DEL VINO ED ENOGASTRONOMIA
In vigna e cantine, in agriturismo, a tavola con menu di grandi chef e cuochi delle tradizione. In Italia, nel corso del 2017, le presenze turistiche legate al turismo enogastronomico si stima siano state oltre 110 milioni.

La loro spesa ha superato i 12 miliardi di euro (15,1% totale turismo).

E’ quanto precisato dal ministro delle Politiche agricole, alimentari, forestali e del Turismo, Gian Marco Centinaio, al question time di giorni fa alla Camera.

Per il ministro Centinaio ”è una strada vincente, una sinergia che intendo personalmente coltivare e potenziare, grazie anche  all’accorpamento del Turismo all’interno di questo Ministero, che riconosce l’importanza delle interconnessioni e di una valorizzazione congiunta e reciproca tra i due settori”.

Già a settembre, facendo visita al Consorzio Tutela Vini della Valpolicella, il ministro delle Politiche Agricole ha valorizzato l’abbinamento tra prodotti enogastronomici e territor.

Il ministro Centinaio aveva ribadito anche al Wine South America, la fiera internazionale del vino organizzata da Vinitaly-Veronafiere in Brasile, che la condizione imprescindibile per consentire alle nostre imprese nazionali di fare il salto di qualità risiede nella capacità di stringere nuove intese.

Secondo il ministro delle Politiche Agricole, occorre rafforzare i rapporti commerciali già esistenti, nell’esplorazione di nuovi mercati, sfruttando le sfide dell’innovazione.

 

ENOGASTRONOMIA: L’ANNO DEL CIBO ITALIANO
Ciò ha trovato conferma anche nell’ambito dell’Anno del Cibo italiano, promosso con il Ministero per i beni e le attività culturali con una serie di iniziative nel 2018 a supporto del binomio “cibo e cultura”, di forte appeal per il mercato turistico.

Il turismo del vino e dell’enogastronomia è insomma un settore importante sia per le imprese agricole e vitivinicole, che per il comparto del turismo.

L’eccellenza dell’enogastronomia Made in Italy è una conferma di quanto sia importante l’enoturismo nel nostro Paese. E di quanto lavoro e innovazione produca.


CONSORZIO DEI VINI VALPOLICELLA – visita del ministro Centinaio (settembre 2018, Telepace)

Piste ciclabili, al via gli studi per la Ciclovia del Tartaro. Collegherà Villafranca di Verona a Ostiglia (Mantova)

Piste ciclabili, al via gli studi per la Ciclovia del Tartaro. Collegherà Villafranca di Verona a Ostiglia (Mantova)

Piste ciclabili, nel Veronese è atteso un nuovo percorso ciclabile di circa 50 chilometri, la “Ciclovia del Tartaro”, che collegherà Villafranca di Verona a Ostiglia, in provincia di Mantova.

Il progetto di pista ciclabile, ancora nelle fasi iniziali, è nato dall’incontro fra dieci comuni delle province di Verona e Mantova, Regione Veneto, Consorzio di bonifica veronese e Fiab, Federazione italiana amici della bicicletta.

Lo scorso settembre, durante un incontro a Villa Zambonina a Vigaso, i dieci comuni hanno firmato un protocollo d’intesa per avviare uno studio di fattibilità della pista ciclabile.

Se gli accordi preliminari avranno successo, nel giro di un paio di anni i ciclisti e cicloturisti avranno a disposizione un percorso ciclabile nella zona sud-ovest della provincia di Verona.

Oltre all’estensione della rete ciclabile, verranno creati collegamenti con le strutture già esistenti per favorire la mobilità sostenibile.

Grazie a tali connessioni con la rete ciclabile, basteranno poche pedalate per raggiungere le zone di produzione del Custoza, ma anche del Bardolino e del Lugana.

Ciclovia Mantova - Peschiera

PISTA CICLABILE: IL TERRITORIO

I comuni coinvolti nella pista ciclabile “Ciclovia del Tartaro” sono: Villafranca di Verona, Povegliano Veronese, Castel d’Azzano, Vigasio, Isola della Scala, Trevenzuolo, Erbé, Nogara, Gazzo e Ostiglia, quest’ultimo in provincia di Mantova.

Gli altri nove comuni interessati dall’itinerario per cicloturismo sono tutti veronesi.

 

IL PERCORSO PER I CICLOTURISTI

Il percorso, di circa 50 chilometri, si snoderà nella campagna veronese da Villafranca fino a Ostiglia.

Toccherà i comuni di Villafranca di Verona, Povegliano Veronese, Castel d’Azzano, Vigasio, Isola della Scala, Trevenzuolo, Erbé, Nogara, Gazzo e Ostiglia.

Il percorso della pista ciclabile si svilupperà per 17 chilometri lungo la ferrovia dismessa Dossobuono – Isola della Scala.

La maggior parte degli altri 33 chilometri sarà invece lungo l’argine del fiume Tartaro, con alcune diramazioni verso i punti di interesse.

Fra i punti di interesse anche Villa Zambonina a Vigasio, costruita a inizio Seicento e luogo dell’incontro fra gli enti interessati.

 

I COLLEGAMENTI

La Ciclovia del Tartaro sarà collegata alla Ciclopista del Sole, itinerario nazionale di cui fa parte la Ciclovia Mantova – Peschiera.

Il progetto prevede, inoltre, il collegamento con la Ciclovia delle Risorgive, che si sviluppa a sud di Verona, dal Mincio all’Adige.

Da Ostiglia sarà possibile partire per esplorare tutta la zona orientale del Veneto grazie alla ciclabile Treviso – Ostiglia, in corso di realizzazione.

 

PISTA CICLABILE: I PUNTI DI INTERESSE

Da Villafranca, punto di partenza della futura pista ciclabile, è possibile raggiungere con facilità le cantine del Custoza e diversi luoghi di interesse artistico e storico.

Per gli appassionati di storia del Risorgimento che si troveranno a pedalare in queste zone sarà d’obbligo una visita alla “Casa del Trattato”. Qui Napoleone III e Francesco Giuseppe firmarono l’armistizio che chiuse la seconda guerra d’indipendenza.

L’ossario del Risorgimento di Custoza, nel vicino comune di Sommacampagna, è un simbolo dei sacrifici dei soldati durante le guerre d’indipendenza, ma anche sede di attività culturali.

Valeggio sul Mincio e Borghetto, che si trovano sul tracciato della Ciclovia Mantova – Peschiera, sono sede di monumenti storici e paesaggi da cartolina.

Qui si trova il Parco Giardino Sigurtà, aperto alle visite da marzo a novembre e visitabile anche in bicicletta.

Borghetto di Valeggio sul Mincio

Borghetto di Valeggio sul Mincio

All’altro capo del percorso su pista ciclabile “Ciclovia del Tartaro”, nel territorio di Gazzo Veronese, è possibile visitare l’Oasi palude del Busatello, sito naturalistico del Wwf.

PISTE CICLABILI: ITINERARI A SUD-OVEST DI VERONA

 

Alessandro Bonfante | @AlessBonfa

Eventi Verona: oggi ultimo giorno di Hostaria Verona, il festival del vino in centro storico

Eventi Verona: oggi ultimo giorno di Hostaria Verona, il festival del vino in centro storico

Ultimo giorno oggi, domenica 14 ottobre, di Hostaria Verona, il festival del vino a Verona, in centro storico.

E’ consigliabile utilizzare gli autobus Amt per raggiungere il centro. Vi sono alcuni parcheggi a ridosso del cuore antico di Verona.
Ecco come raggiungerli: www.amt.it/sosta_auto/

PROGRAMMA DI HOSTARIA VERONA: DOMENICA 14 OTTOBRE
Ore 11 – Chiesa di Santa Anastasia
Messa di benedizione della vendemmia – animazione coro sardo ISTELLOTE

Ore 12.15 – Piazza dei Signori – Esibizione del coro ISTELLOTE dalla Sardegna – canti della tradizione sarda e l’opera dei poeti Dorgalesi

Ore 12-15 – Giardini dell’Arsenale, Via Roma, Portoni Borsari, Piazza dei Signori
Sfilata musicale con la “SI FA BAND”

Ore 16 – Cortile Mercato Vecchio
Conferenza dello scrittore e teologo Vito Mancuso: “Coltivare lo spirito”

Saggista e teologo, il suo pensiero è oggetto di discussioni per le posizioni non sempre allineate con le gerarchie ecclesiastiche, in campo etico e in campo dogmatico.

Mancuso è stato docente di Teologia moderna e contemporanea presso la Facoltà di Filosofia dell’Università San Raffaele di Milano e di Storia delle dottrine Teologiche presso l’Università degli Studi di Padova. I suoi scritti suscitano notevole attenzione da parte del pubblico.

Nel libro Il coraggio di essere liberi indaga il tema della libertà per costruire un rapporto autentico con se stessi e con gli altri. Il suo ultimo libro è Il bisogno di pensare (Garzanti). Dal 2009 è editorialista del quotidiano “La Repubblica”.

SUGGESTIONI ARTISTICHE DI OGGI
Domenica 14 ottobre dalle 12 alle 19: parole sparse nelle zone del Festival
“Poesia in movimento” con gli attori Massimo Totola e Mathieu Bruno Albanese. E con i musicisti Stefano Benini e Massimo Bitasi

Domenica 14 ottobre: dalle 14 alle 16 Piazza Erbe
Pittura con Maurizio Zanolli: ” I colori della Terra”

Giardini dell’Arsenale e Cortile Mercato Vecchio
“Sculture” di Enrico Faccio
Giardini dell’Arsenale e Cortile Mercato Vecchio

INFORMAZIONI: Hostaria Verona
NUMERO VERDE di Hostaria Verona: 800684448


INFORMAZIONI UTILI SU HOSTARIA VERONA

Lungo il percorso della città, il pubblico troverà una serie di vini dal pregio diverso, in modo da sperimentare vari livelli di degustazione.

Ognuno avrà un diverso “valore”: ci saranno vini da 1, 2 e 3 gettoni. I vini che, ad esempio, varranno 3 gettoni, saranno l’Amarone DOCG, il Recioto DOCG, il Passito e quelli valutati Top dai sommelier autori de “La Guida dei Vini di Verona 2018 – Top 100″, che affiancano Hostaria nella realizzazione del festival.

Il Biglietto di Coppia di Hostaria Verona 2018 è intitolato al partner Eurospin Italia che riserverà numerose e piacevoli sorprese: dalla salita e discesa con la funicolare di Castel San Pietro per il brindisi a due al simpatico gadget che verrà consegnato una volta giunti all’arrivo, fino all’omaggio di degustazione offerto allo stand Eurospin per rifocillarsi dopo la gita “in vetta”.

Il Consorzio del Lessini Durello Spumante offrirà un brindisi romantico dal punto panoramico più magico della città, Castel San Pietro.

Per usufruire dell’iniziativa è necessario acquistare il Biglietto di Coppia Eurospin, all’interno del quale sono comprese salita e discesa per due persone con la Funicolare di Castel San Pietro – Verona.

 

Vedi
Nascondi