Cosa vedere a Verona: “10 percorsi alla scoperta dei vini di Verona” e dell’enoturismo. Ebook in regalo a chi si iscrive alla newsletter

Cosa vedere a Verona: “10 percorsi alla scoperta dei vini di Verona” e dell’enoturismo. Ebook in regalo a chi si iscrive alla newsletter

Cosa vedere a Verona, quando si approda in questa provincia ricca di storia e di vini sublimi?

Come scoprire i vini di Verona e incontrare la cultura, l’arte, la natura di una provincia speciale?

Se sono queste le domande che ti poni nel conoscere la Città dell’Amore, la risposta ti viene da “10 percorsi alla scoperta dei vini di Verona”, l’ebook che Verona Wine Love dona a chi si iscrive alla newsletter.

“10 percorsi alla scoperta dei vini di Verona” è stato curato da Sara Soliman e Nicola Albi, di AEsse Communication, la web agency che si occupa del nostro sito web.

L’ebook è dedicato a Verona, capitale del vino, e alle nove Strade del Vino che meglio rappresentano la produzione vinicola scaligera.

E’ una lettura agevole, com’è nella filosofia del nostro gruppo di comunicatori: una lettura “mobile friendly”. Ma con la profondità della passione che la provincia scaligera ti suscita nell’anima.

 

Verona-Balcone di Giulietta-Verona città dell'Amore

 

Verona cosa vedere: l’ebook di Verona Wine Love

L’indice dell’ebook “10 percorsi alla scoperta dei vini di Verona” racconta i contenuti di quest’opera che interessa sia gli winelovers che gli appassionati di turismo:

  • Verona Capitale dell’Enoturismo
  • Strade del Vino
  • Turismo del Vino: visite in cantina
  • Aziende vitivinicole veronesi
  • Percorsi di enoturismo:
  • 1) Strada del Vino della Valpolicella
  • 2) Strada del Vino Soave
  • 3) Strada del Vino Bardolino
  • 4) Strada del Vino Lugana
  • 5) Strada del Vino Custoza
  • 6) Strada del Vino Durello
  • 7) Strada del Garda Doc
  • 8) Strada del Vino della Terra dei Forti
  • 9) Strada del Vino di Arcole

Sono rappresentate tutte le zone di cui si occupa il sito web Verona Wine Love: dalla Valpolicella a Soave, da Bardolino alla zona del Lugana, da Custoza alla Lessinia che è la zona dello spumante Durello, dal Doc Garda alla Valdadige con la Terra dei forti, ad Arcole.

Ogni vino ha un territorio. E ogni territorio ha un suo vino. E’ la caratteristica di una provincia composita qual è quella di Verona.

La provincia scaligera è una “provincia diversa”. Dove la diversità è intesa come ricchezza, come sperimentazione, come originalità. Come operosità, rispetto delle persone e apertura al mondo.

Verona fa parte delle dieci capitali mondiali del vino ed è la capitale italiana dell’enoturismo, il turismo del vino”, scrive Sara Soliman nel presentare i 10 percorsi dell’enoturismo scaligero.

“Le valli attorno a Verona rappresentano una delle più importanti aree di produzione vitivinicola in Italia e nel mondo”, sottolinea Soliman.

“Rientrano infatti nella provincia di Verona zone come la Valpolicella, terra del celebre Amarone, la valle di Soave, dove si produce uno dei
vini italiani più esportati, le località di Bardolino e Custoza, che danno il nome ai relativi vini”, osserva l’autrice dell’ebook. “Originari del Lago di Garda il Garda Doc e il vino Lugana, tanto amato dai poeti”.

“Da Verona si possono inoltre raggiungere, con un breve tragitto, la Valdadige e la Lessinia, terre dell’Enantio e del Durello”, conclude Soliman. “Vicino a Verona si trova anche Conegliano e Valdobbiadene, terra del noto Prosecco”.

 

Vinitaly-degustazioni-vini

 

Ebook per le gite alla scoperta dei vini e del territorio della provincia di Verona

L’ebook è uno strumento utile per programmare le gite alla scoperta del territorio e dei vini di Verona e provincia. 

Il portale web veronawinelove.com si occupa di comunicazione su eventiturismo, mondo del vino e dell’enogastronomia.

Segue anche manifestazionispettacoli e appuntamenti che siano legati o che abbiano ricadute positive sulle cantine veronesi e sulle cantine delle province limitrofe: Vicenza, Mantova, Brescia e Trento.

Per avere l’ebook ti basta iscriverti alla newsletter di Verona Wine Love.

La newsletter ha una periodicità mensile. Presenta gli argomenti più importanti del Magazine Verona Wine Love e informa sulle novità e sugli eventi del mondo del vino e dell’enoturismo.

Per iscriverti alla newsletter vai nella home page di Verona Wine Love, scrolli fino in fondo il cursore e trovi i due campi da compilare.

I tuoi dati vengono, come da policy del nostro sito web e nel rispetto delle regole, utilizzati solo per inviarti la newsletter. Non cediamo nominativi e email a terzi, perché crediamo nella comunicazione autentica e nel rispetto dei patti.

Newsletter Verona Wine Love - enoturismo nella Città di Romeo e Giulietta ---

Vuoi sapere cosa visitare a Verona? Avere notizie sul mondo del vino? Vuoi conoscere Verona e le sue bellezze culturali ed enologiche?

Iscriviti alla newsletter del portale dell’enoturismo a Verona.

Avrai tutte le informazioni utili: i percorsi consigliati, i vini di qualità, i locali dove gustare le specialità gastronomiche, i luoghi dove parcheggiare a Verona, le informazioni sugli angoli e le feste più affascinanti del lago di Garda, della Valpolicella, della Lessinia e dei luoghi incantevoli della provincia scaligera.

Articolo a cura di Maurizio Corte
redazione@veronawinelove.com

 

———————————————

Segui VeronaWineLove sui social

Icona FacebookIcona IstagramIcona LinkedInIcona Twitter

RIPRODUZIONE RISERVATA  ©  Copyright VeronaWineLove

Spazio Commerciale

Sei appassionato/a di fotografia e vorresti partecipare a un Corso di Fotografia e Fotoritocco?
Leggi le info su Mauro Magagna, fotografo professionista e responsabile d’immagine di Verona Wine Love.

Mauro Magagna fotografo

Sei appassionato/a di Bike Tour e desideri scoprire i percorsi delle Terre del Custoza, del Lago di Garda e del Monte Baldo?
Ti consigliamo il team di Guide di MTB di BIKE EXPERIENCE di Fabio Boeti e ALLMOST MTB di Francesco Trentini.

BikeExperience di Fabio Boeti                        AllMost di Francesco Trentini     

Iscriviti alla newsletter!


Riceverai le notizie sugli eventi a Verona che uniscono vino, turismo, spettacoli e cultura

15 + 15 =

¤ I dati personali sono trattati in base art. 13 del D. Lgs. 196/2003, al Regolamento UE 216/679 e alla Privacy policy

+39 349 8058 016

veronawinelove@gmail.com



Booking.com

Ebook

Licenza Creative Commons
10 percorsi alla scoperta dei vini di Verona diVeronaWineLove Ebook è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Non opere derivate 4.0 Internazionale.
Based on a work at https://veronawinelove.com/.
Permessi ulteriori rispetto alle finalità della presente licenza possono essere disponibili presso https://veronawinelove.com/.

Mark Knopfler in concerto all’Arena di Verona il 22 luglio 2019. È l’ultima data europea del suo tour “Down The Road Wherever”. Leggi le informazioni utili su Verona

Mark Knopfler in concerto all’Arena di Verona il 22 luglio 2019. È l’ultima data europea del suo tour “Down The Road Wherever”. Leggi le informazioni utili su Verona

Mark Knopfler, fondatore ed ex componente dei Dire Straits, porta anche all’Arena di Verona il suo tour mondiale Down The Road Wherever.

Appuntamento a Verona il 22 luglio, alle ore 21, nell’anfiteatro. Il concerto è sold out.

Il tour prende il nome dall’ultimo album, Down The Road Wherever, pubblicato il 16 novembre 2018. Partito nell’aprile 2019 da Barcellona, il concerto previsto a Verona il 22 luglio costituisce l’ultima data europea del tour.

La serata conclude i concerti in Italia: il 10 maggio al Mediolanum Forum di Assago (Milano), il 13 luglio a Lucca, il 17 luglio a Torino, il 18 luglio a Cattolica, il 20 e 21 luglio alle Terme di Caracalla a Roma.

Il concerto all’Arena è sold out. I biglietti, venduti attraverso il circuito TicketOne, sono esauriti per la data veronese come per tutte le altre date italiane.

Knopfler nella sua lunga tourneé estiva, che tocca le principali città europee, italiane e americane, è accompagnato da una band allargata, composta da dieci elementi, la maggior parte dei quali lavorano con lui da oltre vent’anni:

  • Guy Fletcher alle tastiere
  • Richard Bennett alla chitarra
  • Jim Cox al piano
  • Mike McGoldrick al flauto
  • John McCusker al violino e cittern
  • Glenn Worf al basso
  • Danny Cummings alle percussioni
  • Ian Thomas alla batteria
  • Graeme Blebins al sax
  • Tom Walsh alla tromba

 

I fiati – sax e tromba – costituiscono la novità della band del Down The Road Wherever Tour.

Ecco la probabile scaletta del live di Mark Knopfler all’Arena. E’ una scaletta composta da storici successi dei Dire Straits ma anche da singoli del chitarrista e cantautore britannico:

  • Nobody Does That
  • Corned Beef City
  • Sailing to Philadelphia https://youtu.be/OrLdKYRBOEE
  • Once Upon a Time in the West (Dire Straits)
  • Romeo and Juliet (Dire Straits) 
  • My Bacon Roll
  • Matchstick Man
  • Done With Bonaparte
  • Heart Full of Holes
  • She’s Gone
  • Your Latest Trick (Dire Straits)
  • Silvertown Blues
  • Postcards from Paraguay
  • On Every Street (Dire Straits) https://youtu.be/5KpLRWY8sA
  • Speedway at Nazareth
  • Telegraph Road (Dire Straits)
  • Money for Nothing (Dire Straits)
  • Piper to the End

 

 

Mark Knopfler: l’infanzia e l’avvicinamento alla musica

Mark Knopfler nasce a Glasgow il 12 agosto 1949 da Louisa Mary Laidler, insegnante, e dall’architetto e scacchista Erwin.

Nel 1956 la famiglia Knopfler si trasferisce da Glasgow a Blyth, la città natale della signora Laidler; Mark viene iscritto alla scuola primaria di Gosforth, un sobborgo di Newcastle Upon Tyne.

Grazie allo zio materno Kingsley, pianista boogie-woogie, Mark inizia a nutrire interesse per la musica e si avvicina allo studio del violino.

A quattordici anni, Knopfler chiede in regalo una chitarra elettrica Fender Stratocaster. Considerata l’ingente spesa che la famiglia non è in grado di affrontare, riceve una chitarra più economica, una Höfner V-2 Super Solid.

Il giovane impara a suonarla da autodidatta, reinterpretando i brani dei suoi chitarristi preferiti: B.B. King, Chet Atkins, Scotty Moore, Jimi Hendrix, Django Reinhardt e James Burton.

Apprezza molto anche le canzoni di Bob Dylan: come lui le gradisce anche la compagna di scuola Sue Hercombe. Formano così un duo folk che offre loro anche una certa notorietà grazie a un’apparizione televisiva su un’emittente locale.

Nello stesso momento Mark entra in una compagnia teatrale sperimentale. Il progetto fallisce presto.

Nel 1967, frequenta un corso di giornalismo presso l’Harlow College e lavora come cronista del quotidiano Yorkshire Evening Post.

Due anni dopo, nel 1969, riprende in mano gli studi: abbandona l’impiego e si iscrive al corso di Bachelor of Arts in lingua e letteratura inglese presso l’Università di Leeds.

Per pagarsi gli studi lavora in un’azienda agricola. Sposa la fidanzata Kathy White e forma un duo blues, The Duolian String Pickers, insieme al chitarrista Steve Phillips.

Grazie a quest’ultimo prepara una demo del suo primo brano originale, Summer’s Coming My Way.

Nel maggio del 1973 consegue la laurea e si separa dalla moglie. Lascia dunque Leeds e si trasferisce a Londra insieme al fratello minore David, appassionato di musica.

A Londra Mark perfeziona la sua tecnica musicale: per due mesi suona insieme ai Brewers Droop, una band blues/pub rock in cerca di un chitarrista solista, impartisce lezioni di chitarra alla Staples Road School e, con alcuni amici, forma una band rockabilly, Café Racers.

In questi anni scrive numerose canzoni: poco fiducioso nella propria abilità di compositore è restio a eseguirle in pubblico. Quando si esibisce interpreta pezzi altrui o cover di brani famosi.

 

 

La nascita dei Dire Straits e il loro grande successo

Nell’aprile del 1977 Mark Knopfler conosce John Illsley, un amico del fratello che lavora in un negozio di dischi. Illsley viene chiamato a sostituire in un concerto il bassista dei Café Racers.

Dopo questo episodio John Illslet, David e Mark Knopfler fondano una nuova band. Condividono un appartamento in affitto a Deptford e provano insieme i brani composti da Mark; il progetto prende forma quando a loro si unisce Pick Withers, batterista, già socio di Mark nei Brewers Droop.

La band così costituita si esibisce con il nome di Café Racers. Dopo il primo concerto il nome muta in Dire Straits, “terribili ristrettezze” per alludere al contesto di precarietà economica dei quattro musicisti.

Gli inizi segnano scarsi riscontri di pubblico: la band propone infatti un rock ispirato al blues, al country e al rock&roll americano delle origini, in controtendenza dei canoni stilistici dell’epoca dove prevale la new wave, il soft rock, la disco music e il punk.

Fra l’estate e l’autunno del 1977, i quattro registrano alcuni demo e li consegnano al musicologo e disc jockey londinese Charlie Gillett che conduce una trasmissione radiofonica sulle frequenze della BBC.

Gillett rimane colpito dallo stile musicale del gruppo a tal punto da inserire un brano, Sultans of Swing, nella propria programmazione. Il pezzo frutta ai Dire Straits il loro primo contratto discografico.

L’album d’esordio, intitolato Dire Straits, esce nel giugno del 1978 senza alcuna forma di pubblicità. Nel Regno Unito il disco passa inosservato ma ottiene successo in Europa, Stati Uniti e Australia.

Nel giugno del 1979 pubblicano Communiqué che suscita l’ammirazione anche di Bob Dylan. In seguito a questo Mark Knopfler inizia una collaborazione con Dylan e partecipa alla registrazione del suo LP, Slow Train Coming.

Nel 1980 Knopfler si trasferisce a New York e matura la propria abilità compositiva. Il terzo album, Making Movies, mostra infatti arrangiamenti più complessi, testi più ricercati e una forte impronta narrativa.

Questo aspetto emerge con chiarezza in Tunnel of Love, il brano di apertura dell’album, che contiene un lungo ed evocativo assolo di chitarra.

 

 

La lavorazione del disco segna la separazione artistica tra David e Mark Knopfler: David in disaccordo con il gruppo intraprende una carriera da solista e viene sostituito da Hal Lindes. Con lui entra nella band il tastierista Alan Clark.

L’album successivo è Love Over Gold, uscito nel settembre 1982. È un lavoro sperimentale, con numerosi passaggi strumentali e influenze jazz e rock progressivo. Al termine della registrazione, il batterista Pick Withers lascia la band per motivi familiari; lo rimpiazza Terry Williams.

Alla pubblicazione dell’EP ExtendedancEPlay (gennaio 1983) segue un tour mondiale il cui concerto conclusivo venne immortalato nell’album doppio Alchemy: Dire Straits Live (marzo 1984).

Nella prima metà degli anni Ottanta, Knopfler si concentra su altri progetti che influenzano in profondità il suo percorso artistico.

Compone la colonna sonora del film Local Hero, firma le musiche di alcuni lungometraggi, stringe sodalizi con Aztec Camera, Phil Everly, Van Morrison. Si rinnova il sodalizio con Bob Dylan nell’album Infidels.

Il quinto album in studio dei Dire Straits, Brothers in Arms (maggio 1985), conosce una fama inaspettata nelle proporzioni: diventa una delle pubblicazioni discografiche più vendute di tutti i tempi.

Si caratterizza per la presenza delle tre canzoni antimilitariste Ride Across the River, The Man’s Too Strong e Brothers in Arms.

L’ultimo brano citato parla di un soldato ferito a morte che esorta i compagni a prendere coscienza dell’assurdità delle guerre; si impone come inno pacifista.

La successiva tournée vede i Dire Straits impegnati in oltre 240 concerti nell’arco di dodici mesi.

 

 

 

Mark Knopfler, lo stop con i Dire Straits e gli altri progetti

Provato dalle fatiche del tour e infastidito dalle dinamiche del music business, Knopfler dichiara: “Ai tempi di Brothers in Arms tutti dicevano che eravamo il miglior gruppo del mondo, facendo riferimento non alla nostra musica, bensì alla nostra notorietà”.

“Ho pensato che un tale livello di popolarità e i commenti che circolavano”, dice Knopfler, “fossero dei buoni motivi per abbandonare per un po’ i Dire Straits”.

Si dedica dunque a progetti lontani dai riflettori e dalle attenzioni del grande pubblico: con gli amici Steve Phillips e Brendan Croker costituisce un collettivo informale roots rock/alternative country The Notting Hillbillies.

Knopfler orna a comporre per il cinema e collabora con diversi artisti quali Sting, Willy DeVille, Bryan Ferry, Paul Brady, Ben E. King, Randy Newman, Joan Armatrading, The 5 O’Clock Shadows, The Judds, Buddy Guy, Chet Atkins e di nuovo con Tina Turner e con Bob Dylan.

Nel marzo del 1990 viene distribuito l’album Missing…Presumed Having a Good Time, unica prova discografica dei Notting Hillbillies, a cui seguì un tour del gruppo nel Regno Unito.

Il rapporto di collaborazione e di stima reciproca fra Chet Atkins e Mark Knopfler culmina nella registrazione di un intero album di duetti, Neck and Neck (novembre 1990), per il quale il fondatore dei Dire Straits rifiuta ogni compenso.

Escludendo alcune sporadiche apparizioni per scopi benefici, l’attività dei Dire Straits riprende soltanto nel novembre del 1990: la band, di nuovo un quartetto per l’abbandono del batterista Terry Williams, è pronta a registrare un nuovo lavoro.

Nel settembre 1991 editano On Every Street e, prima ancora del lancio ufficiale dell’album, partono per una tournée mondiale lunga tredici mesi. Alla fine della tournée il gruppo si scioglie.

Mark Knopfler intraprende la carriera da solista e commenta così, molti anni dopo (è il 2002 la sua decisione: “Negli ultimi anni eravamo diventati una struttura gigantesca. Durante i tour mi capitava di mangiare con persone del nostro staff che non conoscevo nemmeno”.

“A me sarebbe piaciuto stare a casa con i miei figli e dedicarmi a ciò che so fare meglio, ossia scrivere canzoni”, dice Knopfler. “Considero i Dire Straits come un luogo meraviglioso da visitare, ma non in cui fermarsi per viverci”.

L’epoca dei Dire Straits si conclude con due album dal vivo: On the Night (maggio 1993) e Live at the BBC (giugno 1995).

 

 

Mark Knopfler solista: l’artista continua a mietere successi

Il primo lavoro da solista di Mark Knopfler è Golden Heart, pubblicato nel marzo 1996.

Lo assiste una band di supporto composta da Richard Bennett (chitarra), Glenn Worf (basso), Chad Cromwell (batteria), Jim Cox (tastiere) e dal polistrumentista Guy Fletcher, già membro dei Dire Straits e dei Notting Hillbillies.

Il gruppo, noto con l’appellativo The 96’ers, accompagna il musicista anche durante la successiva tournée per un totale di 84 serate.

Il 15 aprile 1996 Knopfler tiene un concerto speciale presso gli studi televisivi della BBC: il filmato dell’esibizione viene distribuito in formato VHS e successivamente in DVD con il titolo A Night in London.

Nel 1997 il chitarrista sposa l’attrice e scrittrice Kitty Aldridge, da cui avrà due figlie. Insieme ad altre personalità eminenti del panorama musicale britannico, il 15 settembre 1997 Mark Knopfler prende parte al concerto benefico organizzato da George Martin alla Royal Albert Hall di Londra.

Vi partecipano anche Eric Clapton, Phil Collins, Elton John, Paul McCartney e Sting.

I fondi raccolti sono destinati all’isola di Montserrat, colpita da un’eruzione vulcanica.

Nel settembre 2000 Knopfler dà alle stampe il suo secondo album solista, Sailing to Philadelphia, cui partecipano alcuni ospiti celebri come Van Morrison e James Taylor.

L’anno successivo, Knopfler parte per un altro tour con la sua band. Jim Cox lascia il gruppo per motivi di salute e viene sostituito per l’occasione da Geraint Watkins e Mike Henderson.

Nel luglio 2002, il musicista britannico promuove un ciclo di quattro concerti di beneficenza, ribattezzati .

Nella prima metà di ciascuno degli spettacoli, il chitarrista si esibisce con i Notting Hillbillies, per poi dedicarsi nella parte seguente al repertorio dei Dire Straits.

L’album successivo, The Ragpicker’s Dream, è distribuito nel settembre del medesimo anno; il disco, fortemente influenzato dalla musica tradizionale statunitense, mostra nel suo complesso un tono più intimo e riflessivo.

Nel marzo del 2003, mentre si trova alla guida della propria motocicletta, il musicista rimane coinvolto in un incidente stradale e annulla la tournée prevista per i mesi seguenti.

Knopfler torna all’opera per registrare l’album Shangri-La (settembre 2004), nel quale si conferma il suo riavvicinamento al folk, al country e al blues.

In vista della preparazione del disco, il posto di Jim Cox nella band venne rilevato dal tastierista Matt Rollings, che aveva già collaborato con il chitarrista per Golden Heart.

Nell’aprile del 2006 pubblica All the Roadrunning, un album di duetti con Emmylou Harris che raccoglie otto anni di registrazioni con la popolare artista country americana.

Celebre il brano If This Is Goodbye, ispirato dai messaggi lasciati ai propri cari dalle vittime degli attentati dell’11 settembre.

 

 

Il disco è promosso attraverso una breve tournée documentata nel Cd e Dvd Real Live Roadrunning, che immortala il concerto tenuto il 28 giugno 2006 al Gibson Amphitheatre di Los Angeles.

Kill to Get Crimson, edito nel settembre del 2007, è il primo album di Knopfler realizzato ai British Grove Studios, gli studi londinesi di proprietà del musicista inaugurati l’anno precedente.

Il sesto album solista di Mark Knopfler, Get Lucky, dalle marcate sonorità celtiche, è distribuito nel settembre del 2009.

Nell’autunno del 2011, Mark Knopfler e la sua band – con il nuovo batterista Ian Thomas e il ritorno di Jim Cox – partecipano alla tournée di Bob Dylan in Europa e, l’anno seguente, in Nord America.

In contemporanea Knopfler pubblica il suo primo album doppio, intitolato Privateering.

Il chitarrista intraprende un nuovo tour fra l’aprile e l’ottobre del 2013: annulla gli spettacoli previsti a Mosca e a San Pietroburgo.

Lo fa in segno di protesta contro le restrizioni adottate dalle autorità governative russe nei confronti di Amnesty International e di Human Rights Watch.

La sua ottava prova discografica, Tracker, esce nel marzo del 2015. La pubblicazione del disco è seguita da una tournée mondiale di 87 concerti.

Nel 2016 Knopfler torna a contribuire al mondo del cinema, creando le musiche del film Altamira in collaborazione con la percussionista Evelyn Glennie.

Down the Road Wherever, l’album successivo del cantautore, è distribuito nel novembre del 2018 dopo una laboriosa gestazione. Nel pezzo conclusivo, Matchstick Man, il cantautore rievoca con sola chitarra acustica i giorni difficili del suo esordio come musicista.

Articolo a cura di Cecilia Bay

 

 

Concerto di Mark Knopfler all’Arena di Verona: informazioni utili

Vai a Verona per il concerto di Mark Knopfler in Arena? Concediti giorni di relax nell’incantevole Verona, città dell’Amore.

Eccoti i link di Verona Wine Love alcune informazioni utili su come arrivare a Verona e come soggiornarvi:

COME ARRIVARE A VERONA: GUIDA PER CHI ARRIVA IN AUTO O MEZZI PUBBLICI

INFORMAZIONI UTILI SU DOVE PARCHEGGIARE A VERONA

INFORMAZIONI UTILI PER CHI SOGGIORNA A VERONA

GUIDA TURISTICA ALLA CITTA’ DI VERONA

SCOPRI LA VALPOLICELLA. TERRA DI VINI, NATURA E CULTURA

IL LAGO DI GARDA: GUIDA AI PERCORSI 

Goditi i PERCORSI DI ENOTURISMO

 

Spumante - Bollicine in Torre - Verona - 10-12 maggio 2019 - Torre dei Lamberti

 


Soggiornare a Verona, sul lago di Garda e in Valpolicella: come scegliere un hotel

Se vuoi soggiornare a Verona, sul lago di Garda, in Valpolicella o nella zona del vino Soave, puoi affidarti a Booking.com con cui Verona Wine Love è convenzionato da un programma di affiliazione.

SCEGLI UN HOTEL A VERONA

SCEGLI UN HOTEL SUL LAGO DI GARDA

SCEGLI UN HOTEL IN VALPOLICELLA

 

———————————————

Segui VeronaWineLove sui social

Icona FacebookIcona IstagramIcona LinkedInIcona Twitter

RIPRODUZIONE RISERVATA  ©  Copyright VeronaWineLove

Spazio Commerciale

Sei appassionato/a di fotografia e vorresti partecipare a un Corso di Fotografia e Fotoritocco?
Leggi le info su Mauro Magagna, fotografo professionista e responsabile d’immagine di Verona Wine Love.

Mauro Magagna fotografo

Sei appassionato/a di Bike Tour e desideri scoprire i percorsi delle Terre del Custoza, del Lago di Garda e del Monte Baldo?
Ti consigliamo il team di Guide di MTB di BIKE EXPERIENCE di Fabio Boeti e ALLMOST MTB di Francesco Trentini.

BikeExperience di Fabio Boeti                        AllMost di Francesco Trentini     

Iscriviti alla newsletter!


Riceverai le notizie sugli eventi a Verona che uniscono vino, turismo, spettacoli e cultura

1 + 9 =

¤ I dati personali sono trattati in base art. 13 del D. Lgs. 196/2003, al Regolamento UE 216/679 e alla Privacy policy

+39 349 8058 016

veronawinelove@gmail.com



Booking.com

Ebook

Licenza Creative Commons
10 percorsi alla scoperta dei vini di Verona diVeronaWineLove Ebook è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Non opere derivate 4.0 Internazionale.
Based on a work at https://veronawinelove.com/.
Permessi ulteriori rispetto alle finalità della presente licenza possono essere disponibili presso https://veronawinelove.com/.

Premio Masi 2019: tra i vincitori Citran, Luxardo e Pagnoncelli. Premiazione della 38^ edizione sabato 28 settembre a Verona, al Teatro Filarmonico.

Premio Masi 2019: tra i vincitori Citran, Luxardo e Pagnoncelli. Premiazione della 38^ edizione sabato 28 settembre a Verona, al Teatro Filarmonico.

Cinque interpreti di una forte identità culturale e delle virtù fondanti di una civilà che guarda al futuro: sono stati annunciati i vincitori della 38^ edizione del Premio Masi.

La premiazione si terrà sabato 28 settembre a Verona, al Teatro Filarmonico.

Si tratta di cinque figure, tre italiani e due stranieri, che si sono distinti per il loro impegno professionale, scientifico e culturale.

Tutti testimoni, leggendo le motivazioni del Premio Masi, del loro tempo. E, in alcuni casi, eccellenti espressioni di quanto la cultura del vino significhi per l’ambiente e la cultura in cui viviamo.

I tre riconoscimenti del Premio Civiltà Veneta vanno:

  • al padovano Roberto Citran, “attore di grande versatilità conosciuto in Italia e all’estero per la sua ricca carriera cinematografica”, come da motivazioni della giuria del Premio;
  • a Piero Luxardo, anche lui padovano, “rara figura di imprenditore e intellettuale”, presidente dell’omonima azienda veneta produttrice di distillati di tradizione, e docente di letteratura all’Ateneo patavino;
  • al bergamasco Nando Pagnoncelli, “sondaggista tra i più autorevoli e influenti, un vero rabdomante del sociale che usa gli strumenti della scienza”.

Il Premio Internazionale Civiltà del Vino è assegnato alla coreana Jeannie Cho Lee

E’ la prima asiatica a conseguire il titolo di Master of Wine. Figura tra i più influenti critici, giornalisti e consulenti del vino a livello internazionale.

Jeannie Cho Lee “attraverso la sua attività ha costituito un ponte culturale tra Oriente e Occidente, educando all’apprezzamento del vino, al suo consumo moderato.. E al suo incontro con le tradizioni e il tessuto sociale dei mercati asiatici, nuova frontiera del nostro prodotto più emblematico”.

Il Premio Internazionale Grosso D’Oro Veneziano è attribuito ad Alain Finkielkraut, uno dei massimi filosofi e intellettuali francesi contemporanei.

Finkielkraut è stato insignito del premio “per il suo impegno e le sue opere è riconosciuto simbolo di libertà di espressione e di civile convivenza”.

La premiazione dei cinque vincitori della 38^ edizione del Premio Masi si terrà sabato 28 settembre a Verona, al Teatro Filarmonico.

Interessato alla cultura? Leggi il Magazine “Daily Arena”, di Verona Wine Love, su eventi, spettacoli e cultura

Sul vino e la cultura, leggi la sezione di Verona Wine Love dedicata all’Enoturismo a Verona.

Il Teatro Filarmonico ospita a settembre il Settembre dell’Accademia, organizzato dall’Accademia Filarmonica. Un appuntamento di alto profilo con la Musica Sinfonica.

COME ARRIVARE A VERONA: GUIDA PER CHI ARRIVA IN AUTO O MEZZI PUBBLICI

INFORMAZIONI UTILI SU DOVE PARCHEGGIARE A VERONA

INFORMAZIONI UTILI PER CHI SOGGIORNA A VERONA

GUIDA TURISTICA ALLA CITTA’ DI VERONA

SCOPRI LA VALPOLICELLA. TERRA DI VINI, NATURA E CULTURA

IL LAGO DI GARDA: GUIDA AI PERCORSI 

Vuoi comunicare la tua azienda o il tuo locale? Scopri i SERVIZI DIGITALI DI VERONA WINE LOVE (siti web, ufficio stampa, social media, business blogging, fotoservizi e video professionali)

 

Verona-Ponte di Castelvecchio-Verona città dell'enoturismo

 

Soggiornare a Verona, sul lago di Garda e in Valpolicella: come scegliere un hotel

Se vuoi soggiornare a Verona, sul lago di Garda, in Valpolicella o nella zona del vino Soave, puoi affidarti a Booking.com con cui Verona Wine Love è convenzionato da un programma di affiliazione. 

SCEGLI UN HOTEL A VERONA

SCEGLI UN HOTEL SUL LAGO DI GARDA

SCEGLI UN HOTEL IN VALPOLICELLA

 

 

———————————————

Segui VeronaWineLove sui social

Icona FacebookIcona IstagramIcona LinkedInIcona Twitter

RIPRODUZIONE RISERVATA  ©  Copyright VeronaWineLove

Spazio Commerciale

Sei appassionato/a di fotografia e vorresti partecipare a un Corso di Fotografia e Fotoritocco?
Leggi le info su Mauro Magagna, fotografo professionista e responsabile d’immagine di Verona Wine Love.

Mauro Magagna fotografo

Sei appassionato/a di Bike Tour e desideri scoprire i percorsi delle Terre del Custoza, del Lago di Garda e del Monte Baldo?
Ti consigliamo il team di Guide di MTB di BIKE EXPERIENCE di Fabio Boeti e ALLMOST MTB di Francesco Trentini.

BikeExperience di Fabio Boeti                        AllMost di Francesco Trentini     

Iscriviti alla newsletter!


Riceverai le notizie sugli eventi a Verona che uniscono vino, turismo, spettacoli e cultura

1 + 7 =

¤ I dati personali sono trattati in base art. 13 del D. Lgs. 196/2003, al Regolamento UE 216/679 e alla Privacy policy

+39 349 8058 016

veronawinelove@gmail.com



Booking.com

Ebook

Licenza Creative Commons
10 percorsi alla scoperta dei vini di Verona diVeronaWineLove Ebook è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Non opere derivate 4.0 Internazionale.
Based on a work at https://veronawinelove.com/.
Permessi ulteriori rispetto alle finalità della presente licenza possono essere disponibili presso https://veronawinelove.com/.

Opera lirica all’Arena di Verona: il programma dell’Arena di Verona Opera Festival 2019. Leggi le informazioni utili sulla città e su dove alloggiare

Opera lirica all’Arena di Verona: il programma dell’Arena di Verona Opera Festival 2019. Leggi le informazioni utili sulla città e su dove alloggiare

Torna la magia dell’Opera Lirica all’Arena di Verona. Un’occasione per gli appassionati, winelovers compresi, di vivere serate di cultura e passione.

Nell’anfiteatro areniano quest’anno, da venerdì 21 giugno, va in scena la 97^ edizione dell’Arena di Verona Opera Festival 2019.

Nell’anfiteatro Arena di Verona dal 21 giugno al 7 settembre 2019 per 49 serate, il Festival lirico vedrà impegnati grandi artisti internazionali.

All’Arena, con i grandi artisti internazionali, vi sono i complessi artistici e tecnici della Fondazione Arena di Verona e ai numerosi mimi e figuranti.

Una nuova produzione de La Traviata, l’opera più conosciuta e rappresentata in tutto il mondo, il 21 giugno inaugurerà il Festival 2019.

Il Festival lirico propone in cartellone altri quattro pilastri del grande repertorio areniano: Aida e Il Trovatore, capolavori di Giuseppe Verdi come La Traviata, cui seguono Carmen di Georges Bizet e Tosca di Giacomo Puccini.

Vi sono poi due serate speciali:

  • Plácido Domingo 50 Arena Anniversary Night dedicata ad uno dei più grandi interpreti dei nostri tempi che festeggia 50 gloriosi anni di carriera in Arena;
  • i celeberrimi Carmina Burana di Carl Orff che tornano ad arricchire il programma di un Festival unico al mondo.

 

 

Placido Domingo - Anniversary Night - Arena di Verona - Opera lirica - Festival Lirico 2019

Placido Domingo all’Arena di Verona. Appuntamento nell’ambito del Festival Lirico 2019

 

 

Opera lirica: stagione all’Arena di Verona dal 21 giugno 2019

Il Festival lirico in Arena (edizione 2019) prenderà il via il 21 giugno alle ore 21 con un nuovo allestimento de La Traviata, tra i titoli più amati e fortunati del compositore Giuseppe Verdi.

Un allestimento che non mancherà di incuriosire e affascinare il pubblico internazionale dell’Arena di Verona per 11 serate.

Repliche de La Traviata: 28 giugno ore 21.00 – 11, 19, 25 luglio ore 21.00 – 1, 8, 17, 22, 30 agosto ore 20.45 – 5 settembre ore 20.45.

Il 22 giugno sempre alle 21 c’è Aida di Verdi, regina dell’Arena.

 

OPERA LIRICA: AIDA
Come da tradizione, Aida debutta la seconda sera del Festival e conclude la stagione estiva: per 16 date torna quindi nell’edizione storica curata da Gianfranco de Bosio dal 1982 con le coreografie di Susanna Egri.

E’ un’edizione che ricrea la prima rappresentazione del 1913 nell’anfiteatro Arena di Verona.

Repliche di Aida: 27 giugno ore 21.00 – 5, 9, 12, 21, 24, 28 luglio ore 21.00 – 3, 9, 18, 25, 28, 31 agosto ore 20.45 – 3, 7 settembre ore 20.45.

 

OPERA LIRICA: IL TROVATORE
Terzo titolo verdiano del cartellone 2019 Il Trovatore.

E’ proposto per 5 serate dal 29 giugno alle 21.

Lo scenografico allestimento è stato creato da Franco Zeffirelli nel 2001 per regia e scene, con i costumi di Raimonda Gaetani.

Repliche de Il Trovatore: 4, 7, 20, 26 luglio ore 21.00.

 

OPERA LIRICA: CARMEN
Dal 6 luglio, ore 21, per 10 date è la volta dell’altra grande protagonista dei cartelloni areniani: Carmen di Bizet, nella nuova produzione che tra poco inaugura il Festival 2018.

La messa in scena di Hugo de Ana, con le coreografie di Leda Lojodice, porta sul più grande palcoscenico lirico del mondo una storia senza tempo, raccontata coi colori del Novecento spagnolo.

Repliche di Carmen: 10, 13, 18, 23, 27 luglio ore 21.00 – 2, 24, 27 agosto ore 20.45 – 4 settembre ore 20.45.

Del grande regista, scenografo e costumista argentino è proposta anche l’acclamata produzione di Tosca di Puccini.

 

OPERA LIRICA: TOSCA
L’opera Tosca torna in scena dal 10 agosto alle 20.45 per 5 serate, nell’elegante e simbolica produzione nata nel 2006.

Repliche di Tosca: 16, 23, 29 agosto ore 20.45 – 6 settembre ore 20.45.

A completare il cartellone dell’Arena Opera Festival 2019 due eventi unici:

  • il 4 agosto alle 20.45 Plácido Domingo 50 Arena Anniversary Night con la grande star della lirica mondiale Plácido Domingo che celebra i 50 anni dal debutto areniano con una serata speciale;
  • l’11 agosto alle 21.45 i complessi artistici areniani al gran completo riportano sul palcoscenico dell’anfiteatro scaligero i Carmina Burana di Orff.

 

 

 

L’Arena di Verona. Opera: La Traviata

 

L'Arena di Verona - Opera - Festival Lirico - Traviata - Franco Zeffirelli - stagione 2019

L’Arena di Verona. Opera lirica: dal 21 giugno 2019 va in scena “La Traviata”. Regia di Franco Zeffirelli

Opera lirica all’Arena di Verona. Dal 21 giugno va in scena per il Festival Lirico 2019 La Traviata, nel nuovo allestimento firmato da Franco Zeffirelli, massimo esperto del palco areniano.

Il regista Zeffirelli mette in scena una nuova produzione. E’ la sintesi del suo pensiero estetico su La Traviata.

Nell’ambito degli eventi organizzati per celebrare i 50 anni dal debutto di Plácido Domingo all’Arena e in Italia, il grande artista madrileno interpreta per la prima volta in Arena Giorgio Germont per la recita de La Traviata dell’1 agosto 2019.

  • I atto 35′ – intervallo – II atto 66′ – intervallo – III atto 39’
  • Libretto di Francesco Maria Piave. Musica di Giuseppe Verdi. Durata: 3 ore circa (intervalli inclusi)

  • Direttore d’orchestra:
    Daniel Oren
     (21, 28/6 – 25/7 – 8, 17, 22, 30/8 – 5/9)
    Andrea Battistoni (11, 19/7)
    Marco Armiliato (1/8)
  • Regia e scene: Franco Zeffirelli
  • Coreografia: Giuseppe Picone
  • Costumi: Maurizio Millenotti
  • Luci: Paolo Mazzon
  • Maestro del Coro: Vito Lombardi
  • Coordinatore del Ballo: Gaetano Petrosino
  • Direttore Allestimenti scenici: Michele Olcese
  • Nuovo allestimento della Fondazione Arena di Verona
  • Orchestra, Coro, Ballo e Tecnici dell’Arena di Verona

Su “La Traviata” di Giuseppe Verdi leggi la recensione del critico musicale Gianni Villanisul magazine CARNET VERONA

 

Opera Lirica - Arena di Verona - Festival Lirico areniano 2019 -

 

©Foto Ennevi/Fondazione Arena di Verona

Opera lirica all’Arena di Verona. Leggi la pagina ufficiale della Fondazione Arena di Verona


OPERA LIRICA. FESTIVAL ALL’ARENA DI VERONA: BIGLIETTI

Per acquistare i biglietti per l’Opera lirica all’Arena di Verona vai al sito di GETICKET

 

Soggiornare a Verona, sul lago di Garda e in Valpolicella: come scegliere un hotel

Se vuoi soggiornare a Verona, sul lago di Garda, in Valpolicella o nella zona del vino Soave, puoi affidati a Booking.com con cui Verona Wine Love è convenzionato da un programma di affiliazione. Dall’affiliazione, Verona Wine Love ricava una percentuale che non incide sul prezzo praticato ai clienti.

SCEGLI UN HOTEL A VERONA

SCEGLI UN HOTEL SUL LAGO DI GARDA

SCEGLI UN HOTEL IN VALPOLICELLA

 


Booking.com

 

Informazioni utili:

 

Soggiornare a Verona, sul lago di Garda e in Valpolicella: come scegliere un hotel

Se vuoi soggiornare a Verona, sul lago di Garda, in Valpolicella o nella zona del vino Soave, puoi affidati a Booking.com con cui Verona Wine Love è convenzionato da un programma di affiliazione. Dall’affiliazione, Verona Wine Love ricava una percentuale che non incide sul prezzo praticato ai clienti.

SCEGLI UN HOTEL A VERONA

SCEGLI UN HOTEL SUL LAGO DI GARDA

SCEGLI UN HOTEL IN VALPOLICELLA

 


Booking.com

 

RIPRODUZIONE RISERVATA  ©  Copyright VeronaWineLove

Spazio Commerciale

Appassionato/a di vino e cucina di qualità?

Le guide 2019 ai vini italiani sono acquistabili su Amazon. Così come le guide ai ristoranti e alle osterie.

Il sito Verona Wine Love, affiliato Amazon, vi mette a disposizione, a prezzi speciali, il link al sito di e-commerce.

Sei appassionato/a di fotografia e vorresti partecipare a un Corso di Fotografia e Fotoritocco?
Leggi le info su Mauro Magagna, fotografo professionista e responsabile d’immagine di Verona Wine Love.

Mauro Magagna fotografo

Compra le guide cliccando sui link:

VINI D’ITALIA DEL GAMBERO ROSSO 2019

SLOW WINE 2019

RISTORANTI D’ITALIA DEL GAMBERO ROSSO 2019

GUIDA MICHELIN ITALIAN 2019 (ALBERGHI E RISTORANTI)

OSTERIE D’ITALIA 2019 SLOW FOOD

Sei appassionato/a di Bike Tour e desideri scoprire i percorsi delle Terre del Custoza, del Lago di Garda e del Monte Baldo?
Ti consigliamo il team di Guide di MTB di BIKE EXPERIENCE di Fabio Boeti e ALLMOST MTB di Francesco Trentini.

BikeExperience di Fabio Boeti                        AllMost di Francesco Trentini     

Iscriviti alla newsletter!


Riceverai le notizie sugli eventi a Verona che uniscono vino, turismo, spettacoli e cultura

5 + 14 =

¤ I dati personali sono trattati in base art. 13 del D. Lgs. 196/2003, al Regolamento UE 216/679 e alla Privacy policy

+39 349 8058 016

veronawinelove@gmail.com



Booking.com

Ebook

Licenza Creative Commons
10 percorsi alla scoperta dei vini di Verona diVeronaWineLove Ebook è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Non opere derivate 4.0 Internazionale.
Based on a work at https://veronawinelove.com/.
Permessi ulteriori rispetto alle finalità della presente licenza possono essere disponibili presso https://veronawinelove.com/.

Estate Teatrale Veronese: Prosa, Danza e Musica. Artisti d’eccezione fra Teatro Romano e Teatro Camploy. Il calendario degli spettacoli fino al 28 settembre 2019

Estate Teatrale Veronese: Prosa, Danza e Musica. Artisti d’eccezione fra Teatro Romano e Teatro Camploy. Il calendario degli spettacoli fino al 28 settembre 2019

L’Estate Teatrale Veronese è uno degli appuntamenti culturali più importanti a Verona e a livello nazionale.

Sabato 15 giugno 2019 ha avuto inizio la 71ª edizione dell’Estate Teatrale Veronese. Una stagione di prosa, ma anche musica e danza

Dal 15 giugno al 28 settembre sono 56 le serate in calendario: 37 eventi al Teatro Romano e 19 eventi, nel mese di settembre, al Teatro Camploy.

Organizzata dal Comune di Verona, l’Estate Teatrale Veronese 2019 gode del contributo degli sponsor Banco Bpm, Cattolica Assicurazioni, la casa vinicola Santi e Agsm.

Di particolare interesse gli spettacoli che anche quest’anno l’Estate Teatrale Veronese offre agli appassionati.

Sia al Teatro Romano che al Teatro Camploy.

 

Estate Teatrale Veronese 2019 - Teatro Romano

 

Estate Teatrale Veronese al Teatro Romano: prosa, danza e musica

Prosa, danza e musica sono le sezioni in cui si articola l’edizione 2019 dell’Estate Teatrale Veronese.

La prosa è la pietra angolare della manifestazione fin dalla sua nascita nel 1948.

Quest’anno gli spettacoli in cartellone per la prosa sono cinque, tre dei quali inseriti nel 71° Festival Shakespeariano:

  • La Tempesta, con adattamento e regia di Luca De Fusco con Eros Pagni e Gaia Aprea,
  • Romeo & Giulietta, nati sotto contraria stella con drammaturgia e regia a firma di Leo Muscato e sul palco Ale e Franz, Eugenio Allegri, Marco Zannoni e Teodosio Barresi,
  • Il mercante di Venezia con adattamento e regia di Giancarlo Marinelli con Mariano Rigillo, Romina Mondello, Fabio Sartor e Francesco Maccarinelli,
  • L’adattamento di Franco Branciaroli del Moby Dick di Herman Melville, con lo stesso Branciaroli protagonista assieme a Luca Lazzareschi (anche regista dell’opera) e Gianluca Gobbi,
  • Elena di Euripide, con Laura Marinoni diretta da Davide Livermore, il regista che ha inaugurato la stagione operistica del teatro Alla Scala di Milano con ‘Attila’ di Verdi.

 

L’atteso cartellone della danza porterà al Teatro Romano i Momix con ‘Alice’, nuovo lavoro del direttore artistico Moses Pendleton ispirato all’universo fantastico che Lewis Carrol ha racchiuso in Alice nel Paese delle Meraviglie.

Vi è poi la prestigiosa compagnia di modern dance internazionale Nederlands Dans Theater 2, al suo ritorno al Teatro Romano dopo 14 anni.

Per la per il cartellone della musica sono cinque le serate di Rumors, festival nato nel 2013 che prosegue il suo viaggio attraverso la “voce cantata, la voce come significato, la voce come strumento musicale”.

Quattro le serate per Verona Jazz, manifestazione che da sempre unisce sonorità ricercate e “mostri sacri” del jazz.

 

Teatro Camploy - Verona - Estate Teatrale Veronese

L’interno del Teatro Camploy di Verona, dove a settembre prosegue l’Estate Teatrale Veronese

 

Estate Teatrale Veronese: gli spettacoli al Teatro Camploy di Verona

Nell’ambito dell’Estate Teatrale Veronese completano il cartellone gli undici spettacoli – sei di prosa e cinque di danza – nello spazio alternativo del Teatro Camploy – in zona universitaria, nel quartiere di Veronetta – dal 2 al 28 settembre 2019.

Ad inaugurare la sezione prosa il 2 settembre sarà Fondazione Aida che presenterà Leo inventa tutto con testo e regia di Matteo Mirandola.

Seguirà, il 3 settembre, proposto sempre da Fondazione Aida Cipì, tratto dal romanzo di Mario Lodi, con regia di Maria Selene Farinelli.

Il 4 e 5 settembre Fondazione Aida proporrà invece Ma perché tutti mi chiamano Frankenstein? con testo e regia di Pino Costalunga.

Il 10, 11 e 12 settembre sarà la volta del Teatro Scientifico/ Teatro Laboratorio con Il Serpente di Luigi Malerba, regia di Isabella Caserta e Francesco Laruffa.

Il 17, 18 e 19 settembre Punto in Movimento / Shiftingpoint porterà in scena Sogno di una notte di mezza estate di William Shakespeare con regia di Roberto Totola.

Chiuderà la sezione di prosa lo spettacolo di Cantieri Invisibili Padre, figlio e Spirito Stanco di Francesca Mignemi, in scena il 24, 25 e 26 settembre.

Aprirà la sezione di danza il 7 settembre la compagnia GDO Dance Company con Hopera 2 con coreografia di Patrizia Salvatori.

A seguire, il 14 e 15 settembre, la compagnia Ersiliadanza proporrà in prima nazionale Callas con coreografia di Laura Corradi.

Il 21 settembre la compagnia Susanna Beltrami proporrà Io sono il bianco del nero con coreografia di Susanna Beltrami e, il 22 settembre, Focus Dancehauspiù.

Chiuderà la sezione danza, il 28 settembre, la compagnia Arte3 con Parole senza età con coreografia di Marcella Galbusera.

Verona Jazz 2019 - Estate Teatrale Veronese - Teatro Romano

 

“Verona Jazz” al Teatro Romano

Verona Jazz, con i suoi 46 anni, è una delle rassegne più longeve dell’Estate Teatrale Veronese.

Verona Jazz, con musicisti di altissimo profilo, è capace di attrarre non solo gli appassionati del genere ma anche tanti neofiti, curiosi e giovani.

Non c’è grande artista della scena nazionale e mondiale del jazz che, nel corso degli anni, non abbia calcato il prestigioso palcoscenico del Teatro Romano. E non ne abbia conservato il ricordo di una magica atmosfera.

I protagonisti di quest’anno sono grandi interpreti di due dei più classici strumenti della musica jazz: la tromba e il trombone.

Molti sostengono che i migliori jazzisti del panorama europeo siano italiani.

Quando si parla di Enrico Rava, Paolo Fresu, Fabrizio Bosso, Gianluca Petrella, Mauro Ottolini non c’è motivo di dubitarne. Saranno tutti presenti al Verona jazz 2019, al Teatro Romano.

Storyville Story 
Teatro Romano
19 giugno, ore 21.15

Two Islands
Teatro Romano
20 giugno, ore 21.15

Enrico Rava – special edition
Teatro Romano
21 giugno, ore 21.15

Glenn Miller Orchestra
Teatro Romano
24 giugno, ore 21.15

 

Enrico Rava - Verona Jazz - Teatro Romano di Verona - 2019

Il grande jazzista Enrico Rava sarà a Verona Jazz 2019, al Teatro Romano, il 21 giugno

 

Rumors Festival – Illazioni vocali al Teatro Romano

Quest’anno la rassegna proporrà il 15 giugno l’unica data italiana di James Bay cantautore e chitarrista britannico.
E’ il vincitore del Critics’ Choice Award ai Brit Awards 2015, del British Male Solo Artist ai British Awards 2016, un Ivor Novello Awards come “Most performer work” e un’infinità di altri premi, vero prodigio da 550 milioni di ascolti per la sua Let it go.
Il 22 giugno sarà al Teatro Romano la cantantessa Carmen Consoli, accompagnata da una formazione unplugged composta da violino, violoncello, chitarra e mandolino.
Il 23 giugno prima delle uniche due date italiane di Tom Walker, straordinario cantautore britannico, noto al grande pubblico italiano per il brano Hola (I Say) cantato in duetto con Marco Mengoni, Walker.
Tom Walker è una delle più belle voci soul del panorama musicale internazionale, reduce dalla vittoria del Brit Award come miglior artista inglese esordiente 2019, con la sua Leave A Light On 1 milione di copie vendute al mondo, sarà a Verona anche per la presentazione del suo nuovo disco What a Time to be Alive uscito nel marzo 2019.
Il 25 giugno Massimo Volume, a sei anni di distanza dall’ultimo lavoro discografico, presenteranno il nuovo disco Il Nuotatore, Emidio Clementi detto Mimí, Egle Sommacal e Vittoria Burattini. Grande ritorno di una delle più apprezzate band di rock alternativo italiana. Divideranno il palco con i Giardini di Mirò.
Domenica 21 luglio sarà la volta dei Negrita, noto gruppo rock italiano amatissimo da pubblico e critica, reduci da Sanremo 2019.

James Bay
Teatro Romano
15 giugno ore 21.15

Carmen Consoli
Teatro Romano
22 giugno, ore 21.15

Tom Walker
Teatro Romano
23 giugno, ore 21.15

Massimo Volume – Giardini di Mirò
Teatro Romano
25 giugno, ore 21.15

Negrita
Teatro Romano
21 luglio, ore 21.15

INFORMAZIONI SUI BIGLIETTI PER L’ESTATE TEATRALE VERONESE

 

I Negrita al Teatro Romano di Verona per l'Estate Teatrale Veronese 2019

I Negrita saranno al Teatro Romano di Verona il 21 luglio per l’Estate Teatrale Veronese 2019

 

Soggiornare a Verona, sul lago di Garda e in Valpolicella: come scegliere un hotel

Se vuoi soggiornare a Verona, sul lago di Garda, in Valpolicella o nella zona del vino Soave, puoi affidati a Booking.com con cui Verona Wine Love è convenzionato da un programma di affiliazione. Dall’affiliazione, Verona Wine Love ricava una percentuale che non incide sul prezzo praticato ai clienti.

SCEGLI UN HOTEL A VERONA

SCEGLI UN HOTEL SUL LAGO DI GARDA

SCEGLI UN HOTEL IN VALPOLICELLA


Booking.com

 

Estate Teatrale Veronese 2019: informazioni utili

Vai alle serate dell’Estate Teatrale Veronese 2019? Ti gusterai le rappresentazioni di prosa, danza e musica al Teatro Romano?

Eccoti i link di Verona Wine Love ad alcune informazioni utili su come arrivare a Verona, città dell’Amore, e come soggiornarvi:

COME ARRIVARE A VERONA: GUIDA PER CHI ARRIVA IN AUTO O MEZZI PUBBLICI

INFORMAZIONI UTILI SU DOVE PARCHEGGIARE A VERONA

INFORMAZIONI UTILI PER CHI SOGGIORNA A VERONA

GUIDA TURISTICA ALLA CITTA’ DI VERONA

SCOPRI LA VALPOLICELLA. TERRA DI VINI, NATURA E CULTURA

IL LAGO DI GARDA: GUIDA AI PERCORSI 

DAILY ARENA, LA RUBRICA DI EVENTI E SPETTACOLI

VERONA WINE LOVE, IL MAGAZINE SULL’ENOTURISMO

Il Teatro Romano di Verona (video di Massimo Nalli)

 

———————————————

Segui VeronaWineLove sui social

Icona FacebookIcona IstagramIcona LinkedInIcona Twitter

RIPRODUZIONE RISERVATA  ©  Copyright VeronaWineLove

Spazio Commerciale

Sei appassionato/a di fotografia e vorresti partecipare a un Corso di Fotografia e Fotoritocco?
Leggi le info su Mauro Magagna, fotografo professionista e responsabile d’immagine di Verona Wine Love.

Mauro Magagna fotografo

Sei appassionato/a di Bike Tour e desideri scoprire i percorsi delle Terre del Custoza, del Lago di Garda e del Monte Baldo?
Ti consigliamo il team di Guide di MTB di BIKE EXPERIENCE di Fabio Boeti e ALLMOST MTB di Francesco Trentini.

BikeExperience di Fabio Boeti                        AllMost di Francesco Trentini     

Iscriviti alla newsletter!


Riceverai le notizie sugli eventi a Verona che uniscono vino, turismo, spettacoli e cultura

11 + 12 =

¤ I dati personali sono trattati in base art. 13 del D. Lgs. 196/2003, al Regolamento UE 216/679 e alla Privacy policy

+39 349 8058 016

veronawinelove@gmail.com



Booking.com

Ebook

Licenza Creative Commons
10 percorsi alla scoperta dei vini di Verona diVeronaWineLove Ebook è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Non opere derivate 4.0 Internazionale.
Based on a work at https://veronawinelove.com/.
Permessi ulteriori rispetto alle finalità della presente licenza possono essere disponibili presso https://veronawinelove.com/.

Roberto Bolle and Friends. All’Arena di Verona la danza internazionale il 16 e 17 luglio 2019. Guarda programma, informazioni utili e video della prima serata

Roberto Bolle and Friends. All’Arena di Verona la danza internazionale il 16 e 17 luglio 2019. Guarda programma, informazioni utili e video della prima serata

Martedì 16 e mercoledì 17 luglio 2019 Roberto Bolle and Friends, format ideato dall’étoile milanese, torna all’Arena di Verona. Inizio alle ore 21.15.

E torna per la prima volta in due date consecutive. Lo fa per incontrare un pubblico sempre più numeroso richiamato dall’unicità dell’evento. E dal fascino dell’Arena, contesto unico.

Per il sesto anno consecutivo si rinnova così la magia nell’antico anfiteatro veronese.

Il programma è originale ed eclettico. Con dieci star della Danza internazionale, guidate da Roberto Bolle, Étoile della Scala di Milano e Principal Dancer dell’American Ballet Theatre di New York.

Dieci star illuminate dal suggestivo lighting design di Valerio Tiberi.

 

Roberto Bolle: video con estratti dello spettacolo all’Arena nel luglio 2018

 

Roberto Bolle and friends 2019: grande Danza all’Arena di Verona con altre nove star internazionali

I nove Friends sono straordinari talenti da tutto il mondo, uniti per lo straordinario evento sul palcoscenico dell’Arena di Verona con Roberto Bolle.

È un atteso ritorno quello di Angelo Greco e Misa Kuranaga (entrambi Principal Dancer del San Francisco Ballet) che apriranno la serata con il classico Pas de deux da Coppelia e torneranno con le raffinate Soirées musicales di Britten.

Dal Ballett Zürich proviene la Principal Dancer Elena Vostrotina, protagonista di due coreografie di William Forsythe, tra cui il Pas de deux In the middle somewhat elevated, che Roberto Bolle non danzava da oltre dieci anni.

Russo di natali e Principal Dancer dell’American Ballet Theatre è Danil Simkin, che propone il solo dall’inedito Les Bourgeois e il celebre Pas de Deux dal Don Chisciotte in coppia con la georgiana Maia Makhateli, Principal Dancer del Dutch National Ballet.

I due giovani primi ballerini del Teatro alla Scala di Milano Timofej Andrijashenko e Nicoletta Manni propongono il Grand Pas Classique di Auber.

Alexandre Riabko (Principal Dancer dell’Hamburg Ballett) e la Guest Artist Stefania Figliossi sono invece impegnati con Bolle rispettivamente sulle note contemporanee di Simon&Garfunkel e della Serenata di Amerigo Ciervo (de iMusicalia). Quest’ultimo è un gruppo folk dedito alla ricerca e alla proposta della musica popolare sannita.

Il programma si completa con un brano originale, che unisce poesia e tecnologia. E’ stato realizzato apposta per l’evento.

Si tratta di Waves, per la coreografia di Massimiliano Volpini e le musiche di Davide “Boosta” Dileo, fondatore dei Subsonica.

Per l’occasione Roberto Bolle danza in un duetto con il laser, che promette inediti e magici effetti di luce nello spazio unico dell’Arena di Verona.

Informazioni e biglietti su www.arena.it e sui canali social Facebook, Twitter, Instagram e YouTube.

Lo spettacolo ha inizio alle ore 21.15.

 

Arena di Verona - Roberto Bolle - 16-17 luglio 2019 - danza - Opera Festival 2019 - spettacolo internazionale

Arena di Verona. La grande danza con Roberto Bolle and Friends 16 e 17 luglio 2019 all’Arena Opera Festival 2019

 

Roberto Bolle and Friends. Arena di Verona: programma 

ATTO I

Coppelia
Pas de deux
Coreografia: Arthur Saint-Leon
Musica: Léo Delibes
Artisti: Misa Kuranaga, Angelo Greco

Bach Duet
Coreografia: William Forsythe
Musica: Johann Sebastian Bach
Luci: William Forsythe
Costumi: Yumiko Takeshima
Artisti: Elena Vostrotina, Roberto Bolle

Les Bourgeois
Coreografia: Ben Van Cauwenbergh
Musica: Jaques Brel e Jean Samuele Cortinovis
Artista: Daniil Simkin

Grand Pas Classique
Coreografia: Victor Gsovskij
Musica: Daniel – François Auber
Artisti: Nicoletta Manni, Timofej Andrijashenko

Opus 100 – für Maurice
Coreografia: John Neumeier
Musica: Simon&Garfunkel
Artisti: Roberto Bolle, Alexandre Riabko


ATTO II

Serenata
Tratto dall’opera “Cantata”
Coreografia: Mauro Bigonzetti
Musica: Amerigo Ciervo (iMusicalia)
Artisti: Stefania Figliossi, Roberto Bolle

Soirées Musicales
Coreografia: Helgi Tomasson
Musica: Benjamin Britten
Costumi: Ann Beck
Artisti: Misa Kuranaga, Angelo Greco

In the Middle Somewhat Elevated
Pas de deux
Coreografia: William Forsythe
Luci e Costumi: William Forsythe
Musica di Thom Willems
In collaborazione con Lesley Stuck
(su licenza di Boosey & Hawkes Music Publishers Limited)
Artisti: Elena Vostrotina, Roberto Bolle

Don Chisciotte
Pas de deux dall’Atto III
Coreografia: Marius Petipa
Musica: Ludwig Minkus
Artisti: Daniil Simkin, Maia Makhateli

Waves
Coreografia: Massimiliano Volpini
Musiche di Davide Boosta Dileo e di Erik Satie
Artista: Roberto Bolle

Light designer: Valerio Tiberi. Produzione ARTEDANZASRL. Sito web: robertobolle.com

 

Arena di Verona - Roberto Bolle - 16-17 luglio 2019 - danza - Opera Festival 2019

 

Uno spettacolo Gala con Roberto Bolle che è nato quasi 20 anni fa

L’idea dello spettacolare Gala nasce intorno al 2000, per desiderio dello stesso Roberto Bolle.

Lo scopo è di portare la grande danza in luoghi di solito non raggiunti da questa forma d’arte.

Dal 2008 il successo è stato enorme in tutto il mondo.

Dal sagrato del Duomo di Milano a Piazza del Plebiscito a Napoli. Da Piazza San Marco a Venezia alla Valle dei Templi di Agrigento. Dal Giardino di Boboli a Firenze al New York City Center.

Uno spettacolo che ha coinvolto ed entusiasmato ogni volta migliaia di spettatori.

Dal 2018 Roberto Bolle è anche protagonista e direttore artistico di OnDance, festa della danza a Milano e Napoli con iniziative dedicate al ballo in ogni sua forma.

Appuntamento quindi martedì 16 e mercoledì 17 luglio alle ore 21.15 all’Arena di Verona.

Per la prima volta dalla fortunata collaborazione con l’Arena di Verona, raddoppia Roberto Bolle and Friends.
Un evento che avvicina curiosi di ogni età e appassionati del grande balletto classico, moderno e contemporaneo.

Insieme a Roberto Bolle salgono sul palcoscenico areniano 9 stelle da tutto il mondo.

Il programma spazia da Bach a composizioni inedite.

Uno spettacolo unico che affascina e unisce nel segno della Danza.

 

Roberto Bolle and Friends: le videoclip della prima serata

Tutti i diritti sui video sono riservati e di proprietà della Fondazione Arena di Verona. Si ringrazia la Fondazione Arena di Verona per la gentile concessione delle immagini.

All rights reserved and property of Fondazione Arena di Verona. Courtesy of Fondazione Arena di Verona.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La Stagione Lirica all’Arena di Verona: informazioni utili

Vai all’Arena di Verona per l’opera? Eccoti i link di Verona Wine Love ad alcune informazioni utili su come arrivare a Verona, città dell’Amore, e come soggiornarvi:

METEO: LE PREVISIONI DEL TEMPO

COME ARRIVARE A VERONA: GUIDA PER CHI ARRIVA IN AUTO O MEZZI PUBBLICI

INFORMAZIONI UTILI SU DOVE PARCHEGGIARE A VERONA

INFORMAZIONI UTILI PER CHI SOGGIORNA A VERONA

GUIDA TURISTICA ALLA CITTA’ DI VERONA

SCOPRI LA VALPOLICELLA. TERRA DI VINI, NATURA E CULTURA

IL LAGO DI GARDA: GUIDA AI PERCORSI 

VERONA WINE LOVE, IL MAGAZINE SULL’ENOTURISMO

Goditi i PERCORSI DI ENOTURISMO

 

Soggiornare a Verona, sul lago di Garda e in Valpolicella: come scegliere un hotel

Se vuoi soggiornare a Verona, sul lago di Garda, in Valpolicella o nella zona del vino Soave, puoi affidati a Booking.com con cui Verona Wine Love è convenzionato da un programma di affiliazione. Dall’affiliazione, Verona Wine Love ricava una percentuale che non incide sul prezzo praticato ai clienti.

SCEGLI UN HOTEL A VERONA

SCEGLI UN HOTEL SUL LAGO DI GARDA

SCEGLI UN HOTEL IN VALPOLICELLA

 

———————————————

Segui VeronaWineLove sui social

Icona FacebookIcona IstagramIcona LinkedInIcona Twitter

RIPRODUZIONE RISERVATA  ©  Copyright VeronaWineLove

Spazio Commerciale

Sei appassionato/a di fotografia e vorresti partecipare a un Corso di Fotografia e Fotoritocco?
Leggi le info su Mauro Magagna, fotografo professionista e responsabile d’immagine di Verona Wine Love.

Mauro Magagna fotografo

Sei appassionato/a di Bike Tour e desideri scoprire i percorsi delle Terre del Custoza, del Lago di Garda e del Monte Baldo?
Ti consigliamo il team di Guide di MTB di BIKE EXPERIENCE di Fabio Boeti e ALLMOST MTB di Francesco Trentini.

BikeExperience di Fabio Boeti                        AllMost di Francesco Trentini     

Iscriviti alla newsletter!


Riceverai le notizie sugli eventi a Verona che uniscono vino, turismo, spettacoli e cultura

15 + 4 =

¤ I dati personali sono trattati in base art. 13 del D. Lgs. 196/2003, al Regolamento UE 216/679 e alla Privacy policy

+39 349 8058 016

veronawinelove@gmail.com



Booking.com

Ebook

Licenza Creative Commons
10 percorsi alla scoperta dei vini di Verona diVeronaWineLove Ebook è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Non opere derivate 4.0 Internazionale.
Based on a work at https://veronawinelove.com/.
Permessi ulteriori rispetto alle finalità della presente licenza possono essere disponibili presso https://veronawinelove.com/.

Show Buttons
Nascondi