Sei mai stato a Montecchio Maggiore, nella provincia di Vicenza, a visitare i castelli di Giulietta e Romeo?

Se anche tu sei affascinato dalla storia dei due innamorati di Shakespeare scopri dove vivevano Giulietta e Romeo, tra tradizione e leggende.

I Castelli di Giulietta e Romeo sono due manieri di ridotte dimensioni, situati l’uno a poca distanza dall’altro, in posizione panoramica e strategica, su una collina sopra il paese di Montecchio.

Una leggenda diffusa a metà Ottocento narra che Luigi da Porto, nello scrivere la sua Historia novellamente ritrovata (che ispirò poi il Romeo e Giulietta di Shakespeare), si sarebbe ispirato alla vista dei due castelli vicini e opposti, non lontani dalla sua villa di Montorso.

 

Giulietta e romeo castelli

I castelli di Giulietta e Romeo si trovano in località Castelli, Montecchiio Maggiore, in provincia di Vicenza. In foto il Castello di Giulietta

 

I due castelli hanno avuto diversi proprietari: i Signori di Verona con Cangrande II della Scala nel 1300, i Visconti di Milano dal 1387 al 1404 e successivamente passati sotto il controllo della Repubblica di Venezia.

I castelli durante la guerra della Lega di Cambrai, nel 1514, vengono colpiti dai proiettili di bombarda i cui fori sono ancora visibili sulle mura del castello della Bellaguardia.

Fino al 1742 i castelli non sono più utilizzati e cadono in rovina. Nel 1742 il Comune di Montecchio li acquista da Venezia per 200 ducati, e avvia i primi restauri a partire dalla fine dell’800.

 

Il castello di Giulietta o castello della Bellaguardia

Il castello di Giulietta o di Bellaguardia sorge ad una quota di 254 metri, a circa 300 metri di distanza dal castello della Villa di Montorso.

È situato verso quella parte del borgo di Montecchio che in passato era chiamata “il Costo”.

Si tratta di un modesto recinto edificato a difesa di una torre di epoca precedente, costruita con modalità analoghe a quelle del mastio del castello della Villa di Montorso. La torre sorgeva probabilmente isolata e in un luogo privilegiato di osservazione e controllo.

Il recinto venne edificato da Cangrande II della Scala tra il 1354 e il 1356 e presenta una caratteristica pianta ad elle, con murature che alternano pietre calcaree e mattoni.

L’accesso, privo di ponte levatoio, era posto a lato della torre in modo da favorire la difesa in caso di attacchi.

Il castello rimase in stato di abbandono sino al restauro degli anni Trenta del secolo scorso, quando venne ristrutturato.

Con l’occasione venne edificata, nella parte di sud-ovest del castello, una taverna con affreschi ispirati alla tragica vicenda di Giulietta e Romeo.

 

 

Guida turistica Vicenza - Castello di Giulietta e Romeo

Castello di Giulietta o Castello della Bellaguardia (Foto di Davide Seddio)

 

 

Il castello di Romeo o castello della Villa

Il castello della Villa è detto anche “di Romeo” in quanto la tradizione popolare ne attribuisce la proprietà alla famiglia dei Montecchi.

Esso sorge ad una quota di 234 metri, in posizione dominante sulla valle del Chiampo.

Il recinto venne edificato intorno alla metà del XIV secolo dagli Scaligeri, signori di Verona, inglobando, come nel vicino castello della Bellaguardia, una torre di epoca precedente che funge da mastio.

Questa torre, alta circa 25 metri, é caratterizzata da un possente basamento in pietre calcaree e faceva infatti parte di un sistema difensivo che venne distrutto.

Il castello venne ridotto in gran parte in rovina dalla Repubblica di Venezia agli inizi del Cinquecento, durante guerra della Lega di Cambrai.

La fortificazione, molto più articolata rispetto al castello della Bellaguardia, presenta una pianta di forma irregolarmente trapezoidale, adattata alla conformazione orografica del colle.

Anche in questo castello la porta d’accesso è priva di ponte levatoio, ed era situata sul lato più corto, l’’angolo sud-occidentale.

L’ingresso comprendeva anche una torre scudata. Altre due torri scudate erano collocate sui vertici del lato orientale.

La fortezza presenta anche nella tecnica costruttiva tutte le caratteristiche delle maestranze scaligere, il più evidente dei quali è il tipico disegno a “dente di sega”, secondo cui sono disposti i mattoni agli angoli delle torri.

Salendo in cima alla torre del castello, nelle giornate limpide, si ha una visione che spazia fino a distinguere la laguna di Venezia all’orizzonte.

Durante l’estate il castello diventa sede di spettacoli, cinema e manifestazioni.

 

 

 

 

 

Castelli di Romeo e Giulietta: come arrivare e informazioni utili

In auto si procede sulla A4, direzione Venezia, con l’uscita di Montecchio Maggiore (Vicenza).

Il paese di Montecchio si colloca a ovest di Vicenza, nel confluire della valle del Chiampo e della valle dell’Agno.

Ci dirigiamo verso la località Castelli, culla letteraria del Romeo e Giulietta di Shakespeare.

Qui si trovano Il Castello della Villa e il Castello della Bellaguardia, conosciuti rispettivamente come Castello di Romeo e Castello di Giulietta.

 

  • CASTELLO DELLA VILLA O DI ROMEO


Orario di apertura:
domenica e festivi 15.00-18.30

No servizio guida (solo apertura): Lunedì di Pasquetta e 1° Maggio

Ferragosto: 15:00-18:30

Apertura stagione 2020: domenica 8 marzo

Speciale Gruppi: apriamo su richiesta per gruppi organizzati e scolaresche, previa prenotazione.

Biglietti: Intero: 3,00  euro, ridotto: 2,00 euro (oltre i 60 anni, minorenni, possessori Carta Giovani, quota individuale per gruppi dalle 15 persone).

Scolaresche: 1,00 euro

Ingresso gratuito: bambini sotto i 10 anni e portatori di handicap

Speciale Biglietto Cumulativo: 6,00 euro (valido per i tre siti: Priare, Castello di Romeo e Museo Zannato)

Prenotazione obbligatoria per gruppi organizzati

 

  • CASTELLO DELLA BELLAGUARDIA O DI GIULIETTA

È aperto e visitabile liberamente nei giorni e negli orari di apertura del Ristorante dei Castelli.

Alla data odierna (12 febbraio 2020) non ci sono indicazioni ulteriori.

Info: info@castelligiuliettaeromeo.it

 

Castelli di Giulietta e Romeo a Vicenza

Castelli di Giulietta e Romeo a Vicenza

 

Potrebbe interessarti anche la sezione su: Gite fuoriporta e Vini d’Italia

 

A piedi ai Castelli di Romeo e Giulietta: il consiglio di Verona Wine Love

Arrivati a Montecchio (Vicenza), parcheggiamo vicino alla vecchia stazione. Ci avviamo verso il Duomo e percorriamo le strade che ci portano alle vecchie fontane del paese.

Raggiungiamo poi la contrada Santissima Trinità salendo la dorsale del monte. Scendiamo poi al castello “Della Villa” (o “di Romeo”) e visitiamo le “Priare, gallerie e cave usate per l’estrazione della roccia.

Il complesso sotterraneo di cave e gallerie ha uno sviluppo spaziale di 1475 metri, di cui 1186 relativi ai vani artificiali e 289 metri nelle 25 cavità’ naturali intercettate nello scavo della pietra e relative a fenomeni di epicarsismo. La visita avviene in completa sicurezza e con guida.

Raggiungiamo poi il castello “Bellaguardia” (o “di Giulietta”) e scendiamo dal Monte Nero, con le sue colate laviche, fino a ritornare al Duomo.

Il percorso presenta un dislivello di 300 m. ed è adatto a tutti; il tempo impiegato per l’intero giro varia dalle 4 alle 5 ore in base alla durata delle soste.

 

Castelli Romeo e Giulietta

Priare
o complesso delle cave sotterranee dei “Covoli dei Castelli”.  Si trova poco sotto uno dei due castelli scaligeri: quello di Giulietta o della Bellaguardia. Il sistema sotterraneo trae origine dall’estrazione della “pietra tenera” o “pietra di Vicenza”, un materiale da costruzione assai pregiato, utilizzato in edilizia e per opere architettoniche.

 

Enoturismo a Vicenza

Se sei un winelover puoi approfittare della gita in terra vicentina per scoprire gli ottimi vini che offre la provincia di Vicenza.

Sono numerosi i vini bianchi e rossi Doc (denominazione di origine controllata) da degustare e da abbinare ai migliori piatti della cucina del territorio.

Dai vini dei Colli Berici a quelli di Vicenza. Dai vini Gambellara a quelli di Breganze. Dal vino Lessini Durello ai vini di Arcole, in comune con la provincia di Verona.

Se vuoi scoprire le cantine dei Colli Berici in un magnifico percorso che si snoda tra vigneti e borghi caratteristici leggi la pagina Strada del Vino dei Colli Berici, sul portale Verona Wine Love.

 

Vino dei Colli Berici

Calice che simboleggia il Vino dei Colli Berici e la Strada del Vini dei Colli Berici

 

→ Scopri la pagina Vicenza: cosa vedere

→ Leggi anche Vini di Vicenza

 

 

Articolo a cura di Sara Soliman
✉︎   redazione@veronawinelove.com

*******

Ti è piaciuto l’articolo?

Iscriviti alla newsletter e avrai la guida enoturistica di Verona

Se ti è piaciuto questo articolo…

Iscriviti alla newsletter di VERONA WINE LOVE:

sarai informato sugli itinerari turistici, gli eventi culturali, gli spettacoli, l’enoturismo e il vino di Verona (e non solo).

Con l’iscrizione riceverai un ebook con i 10 percorsi di enoturismo nella provincia di Verona. E le informazioni sulle bellezze culturali e naturali delle varie zone.

 

Enoturismo - Ebook di Verona Wine Love sulle Strade del Vino e i percorsi di enoturismo nella provincia di Verona - 2019

Ebook di Verona Wine Love sulle Strade del Vino e i percorsi di enoturismo nella provincia di Verona – 2019. Iscriviti alla newsletter e lo riceverai in omaggio  

 

Ci teniamo alla tua privacy e siamo contro lo spam: la tua email viene gestita solo per l’invio della newsletter, nel rispetto della legge sui dati personali.

———————————————

Segui VeronaWineLove sui social

 

Icona FacebookIcona IstagramIcona LinkedInIcona TwitterPinterest

RIPRODUZIONE RISERVATA  ©  Copyright VeronaWineLove







Booking.com

Spazio Commerciale

Sei appassionato/a di Bike Tour e desideri scoprire i percorsi delle Terre del Custoza, del Lago di Garda e del Monte Baldo?
Ti consigliamo il team di Guide di MTB di BIKE EXPERIENCE di Fabio Boeti e ALLMOST MTB di Francesco Trentini.

BikeExperience di Fabio Boeti                        AllMost di Francesco Trentini

Iscriviti alla newsletter!


Riceverai le notizie sugli eventi a Verona che uniscono vino, turismo, spettacoli e cultura

6 + 6 =

¤ I dati personali sono trattati in base art. 13 del D. Lgs. 196/2003, al Regolamento UE 216/679 e alla Privacy policy

veronawinelove@gmail.com

Articoli

Ebook

Licenza Creative Commons
10 percorsi alla scoperta dei vini di Verona diVeronaWineLove Ebook è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Non opere derivate 4.0 Internazionale.
Based on a work at https://veronawinelove.com/.
Permessi ulteriori rispetto alle finalità della presente licenza possono essere disponibili presso https://veronawinelove.com/.

Show Buttons
Nascondi