Export di vino italiano. Studio Nomisma-Ice per la vendita di vino e prodotti agroalimentari in Cina. A gonfie vele le esportazioni in Svizzera

Export di vino italiano. Studio Nomisma-Ice per la vendita di vino e prodotti agroalimentari in Cina. A gonfie vele le esportazioni in Svizzera

Il cibo e il vino italiani alla conquista della Cina. 

Come entrare nel mercato cinese con una produzione di valore? Come incontrare i gusti dei consumatori e winelover cinesi?

Come comunicare al meglio, con i giusti strumenti, nel mercato del food & wine della Cina?

Serve una strategia del cibo e del vino italiani sul mercato cinese.

“Strategie di sviluppo per il food italiano sul mercato cinese”. E’ infatti questo il nome della ricerca commissionata dall’Agenzia ICE a Nomisma per supportare la crescita del Made in Italy alimentare in Cina.

Nell’ultimo decennio l’export alimentare (bevande incluse) sul mercato cinese è cresciuto ad un tasso medio annuo del +17%, un valore oltre tre volte superiore a quello registrato nello stesso periodo dal totale export food & beverage italiano.

Nonostante i ritmi di crescita sostenuti, il ruolo giocato della Cina per il nostro export è però ancora marginale.

Nel 2018 le imprese italiane hanno esportato verso il gigante asiatico poco più di 400 milioni di euro tra vino, cioccolato, bakery, olio di oliva e altri prodotti alimentari. 

Questo significa che la Cina copre solo l’1,2% del totale delle vendite all’estero di prodotti alimentari italiani.

Anche la quota di mercato detenuta dalle nostre imprese in Cina è molto bassa.

Appena l’1,5% dell’import cinese di alimenti e bevande riguarda prodotti italiani: 6 volte meno dei francesi, 3 degli olandesi e 2 dei tedeschi, se vogliamo guardare ai soli competitor europei.

“Le distanze geografiche e culturali, la vastità del Paese, la burocrazia e la normativa locale fanno sì che la Cina non sia un mercato facile da raggiungere per le imprese italiane, soprattutto per le piccole e medie imprese”, afferma Massimiliano Tremiterra, Trade Commissioner dell’Agenzia Ice di Shangai.

Leggi anche le iniziative di VINITALY in Cina per promuovere i vini italiani

 

Promozione del Vino italiano in Cina - Verona Wine Love

Esperti cinesi degustano i vini italiani. Molte le opportunità offerte al Made in Italy dal Paese del Dragone

 

Vendita di cibo e vino in Cina: un mercato promettente

Tuttavia, la Cina è una realtà molto promettente per il food & beverage italiano.

Questo alla luce della crescente disponibilità di spesa della popolazione, delle enormi dimensioni del mercato in termini di potenziali consumatori.

E anche grazie all’incremento della domanda di prodotti di importazione.

L’Osservatorio Nomisma – Agenzia ICE sul mercato cinese è nato con lo scopo di identificare le opportunità di crescita in Cina per le piccole e medie imprese italiane dell’alimentare. E di supportarne le attività di promozione per i prossimi anni.

“Al fine di raggiungere questi obiettivi, sarà realizzato un percorso di analisi e indagini originali”, annuncia Emanuele Di Faustino, project manager dell’area agroalimentare di Nomisma.

“Saranno coinvolte sia le imprese italiane che esportano in Cina sia gli stessi consumatori attraverso un’indagine diretta su 1.200 cinesi tra Pechino, Shangai e le altre principali città del Paese”, spiega il project manager di Nomisma.

Il confronto diretto con le imprese italiane permetterà di identificare le potenzialità e le criticità per il food tricolore sul mercato cinese.

Mediante la consumer survey sarà poi possibile capire qual è la percezione dell’Italia e del suo cibo (vino incluso) tra i consumatori cinesi.

Si potranno anche individuare quali sono gli strumenti di comunicazione più efficaci per promuovere il Made in Italy nel terzo mercato mondiale di consumo di alimenti importati.

Sono oltre 200 le attività promozionali previste in Cina dal Piano promozionale di Ice Agenzia per sostenere le aziende italiane attraverso un articolato programma di attività.

Leggi anche l’articolo sugli abbinamenti fra cibi cinesi e l’Amarone Valpolicella

 

Vinitaly Chengdu 2019 - Piattaforma web B2B Wine to Asia - vino e agroalimentare con la Cina e l'Oriente

Importante l’azione promozionale di Veronafiere sul mercato cinese per far conoscere i vini italiani

 

Vino italiano in Cina: opportunità dai dazi sulle importazioni Usa

Il vino italiano potrebbe avvantaggiarsi della guerra commerciale tra Usa o Cina.

Un elemento che possiamo rilevare dopo che le esportazioni Made in Italy nel gigante asiatico hanno messo a segno un aumento record nel 2019 dell’11%.

E’ quanto emerge da un’analisi della Coldiretti su dati Istat relativi al primo mese dell’anno.

L’analisi è stata divulgata in occasione dell’annuncio dei superdazi cinesi nei confronti di beni importati dagli Stati Uniti per un totale di 60 miliardi di dollari, tra i quali un lunga lista di alimentari e bevande.

Le spedizioni di vino statunitense in Cina si sono ridotte del 25% nel 2018 a causa delle tensioni tra i due Paesi.

L’Italia nello stesso periodo ha venduto vino per 127 milioni di euro.

L’Italia si è collocata al quarto posto tra i principali fornitori dopo Francia e anche Australia e Cile che godono di intese commerciali a dazi zero.

Per effetto di una crescita ininterrotta nei consumi, la Cina, precisa la Coldiretti, è entrata nella lista dei cinque Paesi che consumano più vino nel mondo. 

La Cina è però in testa alla classifica se si considerano solo i vini rossi.

Quello cinese è un mercato dunque strategico per i viticoltori italiani che può essere rafforzato grazie all’accordo sulla Via della Seta.

In realtà, sottolinea la Coldiretti, è lunga la lista dei prodotti agroalimentari statunitensi colpiti dalla ritorsione cinese:

  • acqua minerale,
  • frumento,
  • carne,
  • succhi di frutta,
  • olio di oliva,
  • gelati,
  • pasta all’uovo,
  • marmellate,
  • pesche sciroppate,
  • conserve di pomodoro.

Sono tutte voci – quelle di cibo e bevande Usa colpite dai dazi cinesi – molto importanti dell’export agroalimentare Made in Italy.

Leggi l’articolo sulle importazioni di vino in Cina

 

Spumanti - Bollicine Wine Experience - AIS Veneto - bottiglie di spumante

Bottiglie di spumante. Le bollicine italiane conoscono un grande successo all’estero. La Svizzera mostra di apprezzarle in modo particolare

 

Export di vino italiano: sale l’appeal dei nostri vini in Svizzera

Dati positivi per l’Italia. Siamo leader per l’export di vino in Svizzera, il quarto mercato per i nostri prodotti.

Il trend è ancora in crescita. Il 20% dei bianchi, il 44% dei rossi provengono dal nostro Paese e l’importazione di Prosecco è cresciuta del 90%.

La Svizzera è una piazza di sicuro consolidata ma dinamica, che ha voglia di conoscere le produzioni italiane di qualità.

Lo sottolinea Confagricoltura che ha inaugurato, a Zurigo, nell’ambito delle iniziative di Confagri Promotion per l’Ocm Vino, una serie di incontri professionali mirati con operatori dei cantoni svizzeri tedeschi per far conoscere le produzioni di aziende italiane.

Appassionati dell’Italia e dell’enoturismo, gli svizzeri sono al quarto posto nella classifica mondiale per consumi medi pro capite.

Il mercato è in salute e non conosce crisi. Ha una produzione interna insufficiente, tanto che il 60% del vino è importato.

I consumatori, precisa ancora la confederazione agricola in una nota, apprezzano le nostre etichette. Sono orientati verso le nostre produzioni di alto livello.

I prezzi medi d’importazione (dati 2018) sono 6 franchi svizzeri (5,29 euro) per i bianchi, 8,10 (7,14 euro) per i rossi e 10,70 (9,44 euro) per le bollicine.

La grande attenzione all’ambiente e agli aspetti ecologici traina il mercato dei vini biologici, che è in forte crescita.

Prossimi appuntamenti di Confagri promotion per accompagnare le aziende vitivinicole nel processo di sviluppo ed internazionalizzazione saranno negli Usa ed in Giappone.

Leggi la pagina di Verona Wine Love sui VINI BIOLOGICI

Leggi la pagina di Verona Wine Love sui VINI BIODINAMICI

 

Pagina a cura di Maurizio Corte
www.corte.media
@cortemf

———————————————

Segui VeronaWineLove sui social

Icona FacebookIcona IstagramIcona LinkedInIcona Twitter

RIPRODUZIONE RISERVATA  ©  Copyright VeronaWineLove

Spazio Commerciale

Appassionato/a di vino e cucina di qualità?

Le guide 2019 ai vini italiani sono acquistabili su Amazon. Così come le guide ai ristoranti e alle osterie.

Il sito Verona Wine Love, affiliato Amazon, vi mette a disposizione, a prezzi speciali, il link al sito di e-commerce.

Sei appassionato/a di fotografia e vorresti partecipare a un Corso di Fotografia e Fotoritocco?
Leggi le info su Mauro Magagna, fotografo professionista e responsabile d’immagine di Verona Wine Love.

Mauro Magagna fotografo

Compra le guide cliccando sui link:

VINI D’ITALIA DEL GAMBERO ROSSO 2019

SLOW WINE 2019

RISTORANTI D’ITALIA DEL GAMBERO ROSSO 2019

GUIDA MICHELIN ITALIAN 2019 (ALBERGHI E RISTORANTI)

OSTERIE D’ITALIA 2019 SLOW FOOD

Sei appassionato/a di Bike Tour e desideri scoprire i percorsi delle Terre del Custoza, del Lago di Garda e del Monte Baldo?
Ti consigliamo il team di Guide di MTB di BIKE EXPERIENCE di Fabio Boeti e ALLMOST MTB di Francesco Trentini.

BikeExperience di Fabio Boeti                        AllMost di Francesco Trentini     

Iscriviti alla newsletter!


Riceverai le notizie sugli eventi a Verona che uniscono vino, turismo, spettacoli e cultura

1 + 1 =

¤ I dati personali sono trattati in base art. 13 del D. Lgs. 196/2003, al Regolamento UE 216/679 e alla Privacy policy

+39 349 8058 016

veronawinelove@gmail.com

Show Buttons
Nascondi