Fiera del Riso di Mantova: fino al 21 ottobre 2019 risotti per tutti i gusti con il vialone nano mantovano. Scopri programma e info utili

Fiera del Riso di Mantova: fino al 21 ottobre 2019 risotti per tutti i gusti con il vialone nano mantovano. Scopri programma e info utili

Risotti per tutti i gusti. Dal 3 al 21 ottobre 2019 a Mantova, nel piazzale Levoni di fianco al centro commerciale La Favorita, è protagonista la Fiera del Riso Vialone Nano Mantovano.

Un appuntamento che si rinnova ad ottobre ormai dal 2007, atteso dagli abitanti della provincia e dai territori vicini. E che non lascia alcun palato insoddisfatto.

Il programma culinario della prevede 40 diversi risotti che vengono preparati da associazioni e Pro Loco.

 

Fiera del Riso di Mantova - Verona Wine Love

A Mantova la Fiera del riso vialone nano Mantovano. Con decine di specialità e risotti

 

La Fiera del Riso di Mantova dal 3 al 21 ottobre 2019

La Fiera del Riso vialone nano Mantova dura 18 giorni.

Ogni anno conta circa 100 mila presenze con un trend sempre in crescita.

E’ organizzata dall’associazione Strada del riso Mantovano.

All’organizzazione partecipano riserie, enti pubblici, ristoranti, agriturismi, tutti accomunati dalla passione per il riso.

Il riso è un nobile e antico cereale che da secoli è presente nelle campagne del Mantovano.

L’obiettivo della festa è sempre uno: la valorizzazione del riso. E il suo essere servito con i risotti e i piatti della cucina più genuina.

Durante la fiera vengono promosse e degustate diverse preparazioni gastronomiche a base di vialone nano Mantovano.

Tra queste specialità non può mancare il riso alla Pilota, piatto tipico del territorio di Mantova.

Qui trovi le ricette per preparare i risotti con riso vialone nano mantovano.

 

Risotto alla Mantovana

 

Nel grande capannone in cui si svolge la Fiera del riso vialone nano di Mantova ci sono anche bancarelle e stand per la vendita di vari articoli.

 

Fiera del riso di Mantova: scuole, risaia virtuale e solidarietà

Tra le novità di quest’anno ci sono un progetto che coinvolgerà le scuole di Mantova ed un labirinto sensoriale.

Non mancherà inoltre un occhio di riguardo alla solidarietà: durante la fiera sarà presente un gazebo informativo dell’associazione di volontariato bambino emopatico oncologico onlus Abeo e la serata di chiusura del 21 ottobre sarà dedicata a raccogliere fondi per la onlus.

Abeo Mantova si occupa di bambini affetti da malattie rare, gravi e complesse e in questi mesi sta concentrando i propri sforzi per la costruzione di un padiglione di accoglienza che verrà realizzato al fianco dell’Unità operativa di neuropsichiatria infantile della città.

Alla presentazione dell’edizione 2019 erano presenti il presidente della fiera Eleonora Benedini, Mara Negri, il presidente della Provincia Beniamino Morselli e il presidente Abeo Vanni Corghi.

Con l’intenzione di far conoscere il mondo del riso ai bambini, gli organizzatori andranno nelle scuole per raccontare come nasce il prodotto.

In una fase successiva sarà sviluppato un labirinto sensoriale dove chiunque potrà provare l’esperienza virtuale di entrare in una risaia.

Quest’anno tra le collaborazioni, ci sarà quella con la Strada del riso vercellese.

 

Fiera del Riso di Mantova risotti

 


Come arrivare alla Fiera del Riso Vialone Nano Mantovano

La Fiera del riso vialone nano Mantova viene svolta nel Piazzale Levoni, al centro commerciale “La Favorita” (a Mantova).

Il centro commerciale La Favorita è situato nel Comune di Mantova a 3 km dal centro storico. E a 3 km dal casello autostradale di Mantova Nord.

Lo si raggiunge percorrendo la strada statale SS10, direzione viale della Favorita, località Case Ghisiolo.

In sintesi:
Uscita autostrada A22 – Mantova Nord
Direzione Centro Città
Seguire le indicazioni per il centro commerciale La Favorita

In autobus la zona è raggiungibile con le linee urbane 12 e 148.

 

Informazioni sulla Fiera del riso

Associazione Strada del riso e dei risotti mantovani
www.stradadelrisomantovano.it
www.facebook.com/StradaDelRisoMantovan

 

Come arrivare a Mantova: aereo, treno, auto e bus

ARRIVARE A MANTOVA IN AEREO
In aereo l’aeroporto più vicino è situato a Villafranca di Verona, a 33 chilometri da Mantova.

I principali voli nazionali sono previsti da Roma, Bari, Napoli, Cagliari, Olbia, Salerno, Catania e Palermo. www.aeroportoverona.it

Altri aeroporti sono: “Gabriele D’Annunzio” di Montichiari, Brescia (Km. 60), “Giuseppe Verdi” di Parma (Km. 60) , “Borgo Panigale” di Bologna (Km. 100) ed “Orio al Serio” di Bergamo (Km. 100).

ARRIVARE A MANTOVA IN TRENO
In treno Mantova è raggiungibile da Verona (45 minuti) e da Modena (55 minuti), essendo Mantova sulla linea Modena – Verona, e da Milano (2 ore).

Passano inoltre per il capoluogo le linee ferroviarie: Milano – Cremona, Suzzara – Ferrara, Pavia – Monselice – Padova, Vicenza. La stazione dista pochi minuti a piedi dal centro storico.

Orari dei treni: www.trenitalia.it

Per il trasporto Ferroviario Regionale in tutta la Lombardia: www.trenord.it
Contact Center Trenord 0272494949

ARRIVARE A MANTOVA IN AUTO
In auto Mantova si raggiunge attraverso l’autostrada A22 Modena-Brennero (uscite di Mantova Nord a 4 chilometri dal centro e Mantova Sud a 11,5 chilometri dal capoluogo), A4 Milano – Venezia, uscite di Desenzano, Sirmione, Peschiera e Verona Sud, Autostrada del Sole A1, uscite di Parma Est e Reggio Emilia.

Se viaggi con il camper, sul sito del Comune di Mantova dedicato alla mobilità cittadina trovi le informazioni sulle zone di sosta e i servizi per i camper.

ARRIVARE A MANTOVA E GIRARLA IN BUS
Tutte le informazioni sul sito web di APAM – Servizi per la mobilità di Mantova

ARRIVARE A MANTOVA IN BICICLETTA
Mantova è raggiungibile anche tramite percorsi ciclopedonali, come la Ciclopista del Sole (Eurovelo 7) e la Ciclovia Tirrenica (Bicitalia 16).
Consulta il sito web della mobilità ciclabile per l’elenco completo delle direttrici.

Articolo a cura di Elena Caracciolo
redazione@veronawinelove.com

VISITA MANTOVA, LA CITTA’ DEI GONZAGA

ENOTURISMO: ECCOTI GLI ITINERARI CONSIGLIATI

 

CERCHI UN HOTEL A MANTOVA? PROVA CON BOOKING.COM

 

 

Ti è piaciuto l’articolo? Iscriviti alla newsletter e avrai la guida enoturistica di Verona

Se ti è piaciuto questo articolo…
Iscriviti alla newsletter: sarai informato sugli itinerari turistici, gli eventi culturali, gli spettacoli, l’enoturismo e il vino di Verona (e non solo).

Con l’iscrizione riceverai un ebook con i 10 percorsi di enoturismo nella provincia di Verona. E le informazioni sulle bellezze culturali e naturali
delle varie zone.

I 10 percorsi puoi farli in bicicletta, in moto, in auto oppure a piedi.

Sull’ebook trovi poi i nomi delle cantine che puoi visitare. E che puoi contattare per l’acquisto di vino di qualità.

Ci teniamo alla tua privacy e siamo contro lo spam: la tua email viene gestita solo per l’invio della newsletter, nel rispetto della legge sui dati personali.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER!
Subito per te l’ebook con i 10 percorsi di enoturismo nella provincia di Verona

 

 

Verona-Balcone di Giulietta-Verona città dell'Amore

 


Da Mantova a
Verona, città del Vino e dell’Amore: informazioni utili

Mantova è a pochi chilometri della città di Verona.

Eccoti i link di Verona Wine Love ad alcune informazioni utili su come arrivare a Verona, città dell’Amore, e come soggiornarvi:

GUIDA TURISTICA ALLA CITTA’ DI VERONA: COME ARRIVARE E SOGGIORNARE

VINI E TERRITORI: GUIDA AI VINI E ALLA PROVINCIA SCALIGERA

 

Alloggiare a Verona, Soave, Valpolicella, sul lago di Garda e Lessinia 

Se stai cercando un hotel ti proponiamo BOOKING il servizio di ricerca e prenotazione hotel con le sue offerte esclusive e le opinioni dei clienti che hanno davvero alloggiato negli alberghi recensiti.

Abbiamo scelto, come Verona Wine Love, l’affiliazione con Booking perché crediamo che sia importante poter leggere le opinioni di chi è stato in un albergo prima di alloggiarvi.

Da Booking, se tu scegli questo servizio, Verona Wine Love – grazie al programma di affiliazione – ricava una percentuale. Questa commissione non incide in alcun modo sulla tua spesa.

Ci teniamo a proporti Booking per farti un servizio. E per trasparenza ti citiamo il nostro programma di affiliazione, perché detestiamo le pubblicità occulte. E ancor più quelle ingannevoli.

Il servizio di ospitalità in albergo di Booking puoi utilizzarlo, attraverso il banner qui sotto, sia per Verona e la sua splendida provincia. E sia per qualsiasi altra località ti interessi.

SCEGLI UN HOTEL A VERONA E NELLA SUA PROVINCIA


 

———————————————

Segui VeronaWineLove sui social

Icona FacebookIcona IstagramIcona LinkedInIcona Twitter

RIPRODUZIONE RISERVATA  ©  Copyright VeronaWineLove

Spazio Commerciale

Sei appassionato/a di fotografia e vorresti partecipare a un Corso di Fotografia e Fotoritocco?
Leggi le info su Mauro Magagna, fotografo professionista e responsabile d’immagine di Verona Wine Love.

Mauro Magagna fotografo

Sei appassionato/a di Bike Tour e desideri scoprire i percorsi delle Terre del Custoza, del Lago di Garda e del Monte Baldo?
Ti consigliamo il team di Guide di MTB di BIKE EXPERIENCE di Fabio Boeti e ALLMOST MTB di Francesco Trentini.

BikeExperience di Fabio Boeti                        AllMost di Francesco Trentini     

Iscriviti alla newsletter!


Riceverai le notizie sugli eventi a Verona che uniscono vino, turismo, spettacoli e cultura

5 + 12 =

¤ I dati personali sono trattati in base art. 13 del D. Lgs. 196/2003, al Regolamento UE 216/679 e alla Privacy policy

+39 349 8058 016

veronawinelove@gmail.com

Ebook

Licenza Creative Commons
L’ebook “10 percorsi alla scoperta dei vini di Verona” di VeronaWineLove.com è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Non opere derivate 4.0 Internazionale.
Permessi ulteriori rispetto alle finalità della presente licenza possono essere disponibili su https://veronawinelove.com/.

Cosa vedere a Mantova. Fra storia, cultura, natura, cicloturismo e vino. La guida per visitare la città dei Gonzaga a pochi km da Verona

Cosa vedere a Mantova. Fra storia, cultura, natura, cicloturismo e vino. La guida per visitare la città dei Gonzaga a pochi km da Verona

Mantova, cosa vedere in questa città lombarda ricca di storia e cultura?

Tenere il naso all’insù, con lo sguardo ipnotizzato dal soffitto della Camera degli Sposi, il capolavoro di Andrea Mantegna custodito dentro il Castello di San Giorgio.

Sentirsi piccoli piccoli di fronte all’immensità degli affreschi della sala dei giganti di Palazzo Te, gioiello progettato da Giulio Romano.

Cosa vedere a Mantova? Quali emozioni vivere?

Perdersi nella cattedrale di Sant’Andrea, a firma di Leon Battista Alberti.

Camminare nel Teatro Bibiena, lo stesso dove suonò Wolfgang Amadeus Mozart.

 

Mantova - cosa vedere Palazzo del Te, Mantova

Cosa vedere a Mantova: Palazzo Te

 

Mantova cosa vedere: palazzi storici, chiese, castelli, teatri e natura

Visitare Mantova è sempre un’emozione unica. Cosa vedere in questa perla di cultura e natura è una scelta non facile.

Mantova ti concede di uscire da palazzi storici, chiese, castelli e teatri per immergersi nella natura.

Oppure di pedalare o passeggiare tra la riserva delle valli del fiume Mincio, Bosco Fontana, le rive dei laghi.

Non solo. E’ possibile da Mantova spingersi fino a Peschiera, Sabbioneta o San Benedetto e restare incantati dal volo di un Airone o dai colori dei Fior di Loto.

Leggi anche: Mantova cosa vedere

 

Visitare Mantova: laghi e cigni

Visitare Mantova: laghi e cigni

Tra una tappa e l’altra è inevitabile fermarsi e concedersi un buon bicchiere di vino, magari il tipico Lambrusco mantovano.

Naturalmente non a stomaco vuoto, e accompagnato da un gustoso piatto di risotto alla pilota o da una abbondante porzione di tortelli di zucca.

Leggi anche: Mantova e i suoi vini

 

 

Mantova: cosa vedere e cosa gustare. Piatto tipico: i tortelli alla zucca

Mantova: cosa vedere e cosa gustare. Piatto tipico: i tortelli alla zucca

 

Questo e molto altro è Mantova. Un insieme di tradizioni, storia, enogastronomia, arte e architettura.

 

Mantova: cosa vedere. Fra storia, cicloturismo ed enogastronomia

La storia della città, i percorsi cicloturistici e le caratteristiche enogastronomiche sono racchiuse nella nuova sezione su “Mantova: cosa vedere”, nello spazio riservato alle Gite Fuori Porta di Verona Wine Love.

Una nuova area che vuole essere luogo di arte, storia, cultura, natura, proposta dal sito Verona Wine Love per offrire ai turisti che vogliono visitare Verona, la possibilità di conoscere, vivere e gustare una città vicina come Mantova.

Un pezzo di storia che merita una gita e più di una sosta.

Nello spazio su visitare Mantova si racconta cosa vedere nel centro storico, quali itinerari percorrere su due ruote, per gli amanti della bicicletta, e quali vini e piatti tipici offre la tradizione culinaria locale.

 

Leggi anche: Mantova cicloturismo

 

Mantova città di provincia ma anche capitale. Mantova, spazio a misura d’uomo, sede di una delle Regge più ampie ed affascinanti d’Italia: apparenti contraddizioni che costituiscono il fascino sottile di questo nobile e bellissimo territorio.

Mantova da vedere. Ma anche da gustare in tutto il suo incanto: cultura, arte, architettura, vini e cibo.

Elena Caracciolo

RIPRODUZIONE RISERVATA  ©  Copyright VeronaWineLove

Spazio Commerciale

Appassionato/a di vino e cucina di qualità?

Le guide 2019 ai vini italiani sono acquistabili su Amazon. Così come le guide ai ristoranti e alle osterie.

Il sito Verona Wine Love, affiliato Amazon, vi mette a disposizione, a prezzi speciali, il link al sito di e-commerce.

Compra le guide cliccando sui link:

VINI D’ITALIA DEL GAMBERO ROSSO 2019

SLOW WINE 2019

RISTORANTI D’ITALIA DEL GAMBERO ROSSO 2019

GUIDA MICHELIN ITALIAN 2019 (ALBERGHI E RISTORANTI)

OSTERIE D’ITALIA 2019 SLOW FOOD

Iscriviti alla newsletter!


Riceverai le notizie sugli eventi a Verona che uniscono vino, turismo, spettacoli e cultura

¤ I dati personali sono trattati in base art. 13 del D. Lgs. 196/2003, al Regolamento UE 216/679 e alla Privacy policy

+39 349 8058 016

veronawinelove@gmail.com

Ebook

Licenza Creative Commons
L’ebook “10 percorsi alla scoperta dei vini di Verona” di VeronaWineLove.com è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Non opere derivate 4.0 Internazionale.
Permessi ulteriori rispetto alle finalità della presente licenza possono essere disponibili su https://veronawinelove.com/.

Conoscere il vino a Mantova tra corsi per sommelier, assaggiatori e degustazioni

Conoscere il vino a Mantova tra corsi per sommelier, assaggiatori e degustazioni

Imparare a conoscere il vino in ogni sua sfumatura.

A Mantova le occasioni non mancano: sono diversi i corsi che partono in questo febbraio e che proseguiranno con gli appuntamenti fino in primavera.

Nella città dei Gonzaga l’offerta è molto vasta per chi vorrebbe diventare sommelier, assaggiatore, o più semplicemente fare degustazioni e scoprire la cultura del vino.

Vediamo quali sono le proposte per chi vuole avvicinarsi all’universo della pregiata bevanda.

un calice di vino durante un corso di degustazione

Corso di 2° livello per sommelier 

La delegazione AIS Mantova – Associazione italiana sommelier Lombardia – organizza un corso di 2° livello per sommelier, che parte lunedì 18 febbraio 2019.

La delegazione di Mantova nasce a metà degli anni Novanta, inizialmente come zona collegata a Brescia e, subito dopo, con una propria autonomia istituzionale. È una delegazione cosiddetta “di frontiera”, incuneata tra le provincie di Brescia, Verona, Rovigo, Ferrara, Modena, Reggio Emilia e Parma.

Ogni iniziativa vuole favorire lo scambio di esperienze tra i soci ma anche a raggiungere un vero approfondimento delle loro conoscenza tecniche e professionali attraverso il coinvolgimento di enologi, tecnici e produttori di primo piano.

Il “Corso di qualificazione professionale per aspiranti sommelier”, rivolto anche agli appassionati, è strutturato in tre livelli e dal 18 febbraio al 29 maggio, il ristorante Masseria di piazza Broletto 8, a Mantova, ospiterà il Secondo Livello.

Si approfondiranno le realtà̀ dell’Enografia Nazionale ed Internazionale, la geografia del vino d’Italia e del mondo per una totale immersione nell’analisi sensoriale.  

un evento con la delegazione mantovana dell’associazione italiana sommelier

Corso di 1° livello per assaggiatori 

Ampliando lo sguardo delle proposte, troviamo il corso di 1° livello di assaggiatori di vino dell’Organizzazione Nazionale Assaggiatori di Vino, che si svolge dal 26 febbraio al 30 aprile 2019 nel borgo delle Grazie di Curtatone.

L’Onav, fondata ad Asti nel 1951, vuole promuovere una corretta cultura del vino, attraverso la sensibilizzazione all’assaggio, la divulgazione dei principi e la formazione, tramite corsi organizzati localmente.

Sempre l’Onav, ha in programma per Mantova anche un seminario su vini passiti, liquorosi e aromatizzati. Quattro incontri per un incredibile viaggio tra Italia, Ungheria, Francia, Spagna, Portogallo, Canada, alla scoperta di vini speciali, preziosi e rari. L’appuntamento è per il 20, 25, 27 febbraio e per il 6 marzo all’hotel La Favorita.

un’immagine dai corsi dell’Onav

Corso di degustazione

Infine l’associazione Il Tempo Ritrovato sta già portando avanti un corso di degustazioni di vini.

Si tratta di un corso vino di livello base, dedicato alla degustazione e alla cultura enologica.

Le lezioni permettono di acquisire le competenze teoriche e pratiche necessarie a condurre in autonomia una degustazione.

Per comprendere appieno il senso del complesso prodotto vino, il corso propone anche l’’analisi delle sue fasi produttive, delle modalità di invecchiamento, della tipicità e della reperibilità sul mercato dei prodotti a miglior rapporto qualità-prezzo.

Serate fra amici, cene di lavoro al ristorante o a casa, appuntamenti galanti: sempre più il vino fa da nobile ed apprezzata cornice ad occasioni conviviali e sempre più è importante saper scegliere il vino giusto per occasioni sempre diverse. Mantova è il posto giusto per imparare.

Elena Caracciolo

RIPRODUZIONE RISERVATA  ©  Copyright VeronaWineLove

Spazio Commerciale

Appassionato/a di vino e cucina di qualità?

Le guide 2019 ai vini italiani sono acquistabili su Amazon. Così come le guide ai ristoranti e alle osterie.

Il sito Verona Wine Love, affiliato Amazon, vi mette a disposizione, a prezzi speciali, il link al sito di e-commerce.

Compra le guide cliccando sui link:

VINI D’ITALIA DEL GAMBERO ROSSO 2019

SLOW WINE 2019

RISTORANTI D’ITALIA DEL GAMBERO ROSSO 2019

GUIDA MICHELIN ITALIAN 2019 (ALBERGHI E RISTORANTI)

OSTERIE D’ITALIA 2019 SLOW FOOD

Iscriviti alla newsletter!


Riceverai le notizie sugli eventi a Verona che uniscono vino, turismo, spettacoli e cultura

¤ I dati personali sono trattati in base art. 13 del D. Lgs. 196/2003, al Regolamento UE 216/679 e alla Privacy policy

+39 349 8058 016

veronawinelove@gmail.com

Ebook

Licenza Creative Commons
L’ebook “10 percorsi alla scoperta dei vini di Verona” di VeronaWineLove.com è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Non opere derivate 4.0 Internazionale.
Permessi ulteriori rispetto alle finalità della presente licenza possono essere disponibili su https://veronawinelove.com/.

Bardolino si è tinto di rosso per la festa dell’Uva e del Vino

Bardolino si è tinto di rosso per la festa dell’Uva e del Vino

Se è vero che, come scrisse Charles Baudelaire, “Chi beve solo acqua ha un segreto da nascondere”, alla festa dell’Uva e del Vino di Bardolino di segreti non ce sono. O forse qualcuno sì.

Per scoprirlo, nei giorni dell’evento siamo andati a curiosare tra stand, spettacoli, opere d’arte e naturalmente buon vino.

La manifestazione, arrivata a spegnere 89 candeline, è stata protagonista del lungolago e delle vie del centro storico fino all’8 ottobre.

Il paese si è letteralmente vestito di rosso, non solo per la quantità di vino versato nei bicchieri delle migliaia di persone che hanno riempito gli stand, ma anche per il colore dominante delle insegne di benvenuto alla festa e delle installazioni luminose proiettate sul municipio e su palazzi storici.

La festa ha attirato appassionati di vino che hanno scelto con accuratezza la varietà da assaporare, curiosi che si sono avvicinati agli stand per ordinare un calice, o perché no una bottiglia, e sorseggiarlo durante una passeggiata.

Quasi tutti con l’immancabile porta bicchiere azzurro al collo. Utile per avere le mani libere e curiosare tra i banchetti di hobbistica e acquistare qualche oggetto d’artigianato o un gustoso ricordo enogastronomico, e per molti anche irresistibile richiamo per fare un selfie da postare sui social.

I NUMERI DELL’EVENTO

Quasi 3000 posti a sedere, oltre 350 tavoli disposti sul lungolago Cornicello e Parco Carrara Bottagisio, 27 proposte enogastronomiche per quasi 90 piatti diversi, 20 produttori vinicoli e tanti appuntamenti per omaggiare il nettare rosso rubino, principe di Bardolino.

Sono solo alcuni dei numeri diffusi dalla Fondazione Bardolino Top, organizzatrice dell’evento insieme al Comune, tra gli appuntamenti annuali più attesi da cittadini e turisti.

Quello di Bardolino è stato un vero e proprio palcoscenico a cielo aperto, allestito per rendere protagonista un simbolo del territorio nelle sue varie declinazioni dal Classico al Superiore e al Chiaretto.

GLI ESPOSITORI
L’edizione 2018, appena salutata, ha avuto un calendario fitto di appuntamenti per intrattenere i visitatori.

Il cuore pulsante è stato ancora una volta il Parco Carrara Bottagisio in riva al lago, dove gli stand delle associazioni di Bardolino hanno formato un’arena circolare per lasciare, al centro, lo spazio all’area degli spettacoli.

Ogni stand ha offerto la possibilità di degustare il Bardolino in tutte le sue declinazioni, accompagnandolo ad un menù proposto da ogni associazione.

I LUOGHI
Il lungolago Mirabello ha lasciato invece spazio allo shopping con 30 aziende provenienti da tutta Italia che hanno esposto i loro prodotti, tra artigianato e gastronomia tipica.

Borgo Garibaldi, uno degli scorci storici di Bardolino, ha ospitato il “Baule delle Arti”, microaziende espressione dell’ingegno e dell’artigianato made in Italy.

Edizione dopo edizione, simbolo della festa resta la grande botte di piazza Catullo, punto di distribuzione del succo d’uva.

Non è mancato l’intrattenimento musicale, dai Soul System del programma televisivo X Factor e Nikki e dj Aladyn di Radio Deejay, fino alla lirica e alla dance di Radio Studio Più.

LA CURIOSITA’ DELL’EDIZIONE 2018
In tanti durante la cinque giorni per conoscere Bardolino e il suo vino si sono fermati davanti al palazzo del Comune e alla sua vista privilegiata sul lago di Garda con il naso all’insù.

Il motivo? Osservare l’opera che ha abbracciato la facciata del municipio. Un’installazione artistica denominata “Vinea Mea”, creata dall’architetto e art director della Fondazione Bardolino Top, Leonardo Balzano.

Una struttura fatta da 500 listelli di legno di 4 metri ciascuno, rigorosamente rossi, per formare una vigna di 10 metri.

La festa dell’Uva e del Vino di Bardolino ha dato l’arrivederci al 2019.

Elena Caracciolo

 

 

 

Ebook

Licenza Creative Commons
L’ebook “10 percorsi alla scoperta dei vini di Verona” di VeronaWineLove.com è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Non opere derivate 4.0 Internazionale.
Permessi ulteriori rispetto alle finalità della presente licenza possono essere disponibili su https://veronawinelove.com/.

Show Buttons
Nascondi